Vyne Ring



L’ anello Vyne o anello Silviano è un anello d’ oro , probabilmente risalente al IV secolo , scoperto nel 1785 in un campo arato vicino a Silchester , nell’Hampshire ( Inghilterra , Regno Unito). Apparentemente era di proprietà di un britorromano chiamato Silviano, e fu rubato da un’altra persona chiamata Seneciano, sulla quale Silviano lanciò una maledizione .

Nel 1929 , durante gli scavi del sito del tempio romano di Nodens a Lydney Park , l’archeologo Sir Mortimer Wheeler scoprì i dettagli della maledizione lì. Mentre Wheeler consultava i dati di JRR Tolkien sul nome del dio invocato nell’imprecazione, questo anello e la sua maledizione possono aver ispirato l’ Unico Anello di Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli . 2

Dopo la sua scoperta nel 18 ° secolo , l’anello passò nelle mani della famiglia Chute, la cui casa di campagna era conosciuta come ” The Vyne “, anch’essa nell’Hampshire, ora di proprietà del National Trust . Nell’aprile 2013 l’anello ha lasciato la sua biblioteca per una mostra. 1

Descrizione

L’anello di Silviano

anello Silviano è maggiore del solito in alcune parti del suo genere, è di 25 mm di diametro e pesa 12 g , forse state realizzate con l’intenzione di uso su un guanto . 3 L’anello dell’anello ha dieci facce. La parte larga è una piazza smussata con l’immagine della dea Venere incisa. 4 Su un lato ci sono le lettere “VE” e l’altra “NVS”, nella scrittura speculare . In questo modo, quando viene usato come sigillo sulla chiusura o altro materiale, il busto e le lettere cambiano direzione e appaiono nella loro posizione naturale.

Sul ring sono registrate le parole “SENICIANE iin VIVAS”. La frase ha due errori: l ‘ “io” di “IN” viene duplicato, e questo non lascia spazio per l’ultima lettera, che avrebbe dovuto essere una “O”. La registrazione è corretto “SENICIANE VIVAS IN DEO”, un obiettivo comune tra i romani cristiani, che significa Seneciano, si vive in Dio. 5

Storia

L’Anello di Silviano fu scoperto nel 1785 nel campo arato di una fattoria vicino a Silchester , una città nell’Hampshire di origine romana e sede di molte scoperte archeologiche. 3 Non si sa come l’anello sia arrivato alla hacienda chiamata ” The Vyne “, anche nell’Hampshire, ma è probabile che il contadino che ha trovato l’anello lo vendesse alla famiglia Chute, proprietaria della villa, nota per il suo interesse in Storia e antichità. 1 Il proprietario della hacienda nel 1888 , Chaloner Chute, scrisse sull’anello in una storia sulla casa. 3

Nel primo Ottocento una lastra di piombo è stato scoperto, del tipo noto come ” Defixiones ” o defixio sul sito di un tempio romano dedicato alle dio Nodens a Lydney ( Gloucestershire ), circa 130 km a da The Vyne. 6 La targa è stata incisa con un maledizione in latino :

DEVO NODENTI SILVIANVS ANILVM PERDEDIT DEMEDIAM partem Donavit NODENTI INTER QVIBVS NOMEN SENICIANI NOLLIS PETMITTAS SANITATEM Donec PERFERA VSQVE TEMPLVM DENTIS Al dio Nodens. Silviano ha perso un anello e donerà la metà [del suo valore] a Nodens. Quelli che si definiscono Seneciano non permettono loro di godere di buona salute fino a quando non restituiscono l’anello al tempio di Nodens. 7
– Evans, 2012 . 6

Nel 1929 , l’archeologo Sir Mortimer Wheeler stava scavando nel sito di Lydney parco e ha stabilito un collegamento tra l’anello con il nome di Seneciano e Defixiones con lo stesso nome. 3 Wheeler ha chiesto l’aiuto di JRR Tolkien , nella sua qualità di professore di anglo – sassone alla Oxford University , per indagare l’etimologia del nome ‘Nodens’ di cui al nella maledizione. 4 Come un risultato di questo incarico, Tolkien scrisse il breve saggio intitolato ” Il nome ‘Nodens’ ‘.

Anello Silviano è rimasto nella biblioteca di The Vyne per un lungo periodo di tempo con poca diffusione, ma ha saltato ai media di comunicazione di massa nel mese di aprile 2013, quando ha guidato nella villa una mostra su di esso, con l’anello originale e una riproduzione dell’iscrizione sulla tavoletta della maledizione. 4

L’ispirazione di Tolkien

Si congettura che Wheeler, durante i colloqui con Tolkien sul nome “Nodens” maledizione tablet potrebbe anche aver parlato con lui circa l’anello di The Vyne, che era così familiare e relativo al tablet. 3 L’ Anello Unico è un elemento fondamentale nella trama di Lo Hobbit (pubblicato nel 1937 ) e Il Signore degli Anelli ( 1954 ). 1 Nella legendarium Tolkien, l’Unico Anello è stato forgiato dal Signore Oscuro Sauron per schiavizzare i popoli liberi della Terra di Mezzo. Quando fu riscaldato sul fuoco, un’iscrizione fu resa visibile su una delle lingue costruite da Tolkien, la ” lingua nera di Mordor “. Si ritiene che altri aspetti dell’archeologia nell’area di Lydney avrebbero potuto influenzare gli scritti di Tolkien, come un forte dell’età del ferro noto come Dwarf’s Hill (‘collina del nano’). 3

La Tolkien Society ha promosso l’esposizione della “Stanza dell’Anello” di The Vyne, in cui l’anello di Silviano è esposto su una piattaforma girevole, una prima edizione de Lo Hobbit e una copia della tavoletta della maledizione. 1 Anche un “parco giochi d’avventura nella Terra di Mezzo” è stato allestito nelle vicinanze. 3 Lynn Forest-Hill Società Tolkieniana accolti aver trovato una possibile fonte di materiale un anello descritto nei romanzi di Tolkien, affermando che tutte le fonti summenzionate erano letteraria, come Der Ring des Nibelungen , o leggendari, come l’ Andvarinaut . 1

Riferimenti

  1. ↑ Vai a:un g Kennedy, Maev (2 aprile 2013). « L’ anello di Hobbit che potrebbe aver ispirato Tolkien messo in mostra» . The Guardian (in inglese) . Estratto il 15 aprile 2013 .
  2. Torna all’inizio↑ Dassanayake, Dion (2 aprile 2013). «Ring che ‘ha ispirato’ JRR Tolkien a scrivere The Hobbit va in mostra» . Express (in inglese) . Estratto il 15 aprile 2013 .
  3. ↑ Vai a:un h Mitchell, Ben (2 aprile 2013). «Così brillante, così bello … prezioso! Anello maledetto pensato per aver ispirato JRR Tolkien in mostra » . The Independent (in inglese) . Estratto il 15 aprile 2013 .
  4. ↑ Vai a:c «JRR Tolkien ring va in mostra alla mostra The Vyne» . BBC News (in inglese) . 2 Aprile 2013 . Estratto il 15 aprile 2013 .
  5. Torna all’inizio↑ Thomas, Charles (1981). Cristianesimo nella Britannia romana fino al 500 d.C. (in inglese) . Università della California Press . p. 131. ISBN  9780520043923 . Estratto il 15 aprile 2013 .
  6. ↑ Vai a:un b Evans, Dyfed Lloyd (2012). “Nudd: un Cymric, Brythonic e Dio irlandese, conosciuto anche come Lludd, Lludd Llaw Ereint, Nuadu, Nuadu Aratlám, Nodons, Nodens, Nudens, Noadatus (The Water Maker, The Spirit of Water)” . Nemeton, Il Bosco Sacro, casa degli dei celtici (in inglese) . Archiviata da quello originale il 18 marzo 2013 . Estratto 15 aprile 2013 .
  7. Torna all’inizio↑ Hernández Vizuete, Jorge, ed. (1990). Corso di latino di Cambridge . trad. Jorge Hernández Vizuete. Università di Siviglia . p. 35. ISBN  978-84-74057348 . Estratto il 12 giugno 2013 .
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *