Tarquinia



Tarquinia , anticamente Corneto e Tarquinii nell’antichità , è un comune di circa 16.000 abitanti della provincia di Viterbo , nel Lazio , in Italia ; È a circa 45 chilometri dalla capitale.

Geografia

Tarquinia, fino 1872 Corneto , quindi fino a 1922 Corneto Tarquinia , è di 132 metri sul livello del mare su un tasto a sinistra della parte bassa della collina del fiume Marta , nei pressi della Via Aurelia , nella Maremma laziale . È sede episcopale ( Diocesi di Civitavecchia e Tarquinia ).

Storia

Tarquinia (in latino , Tarquinia , in etrusca , Tarchnal o TArch (u) na ), il cui nome deriva dal leggendario Tarconte ) 2 è stato uno dei più antichi e importanti insediamenti della dodecapoli etrusca . 3 Si dice che fosse già una fiorente città quando Demarato di Corinto portò lì i suoi lavoratori greci.

E ‘stata la principale città di Etruria , e appare nei primi storia di Roma come la casa di due dei loro re, Tarquinio Prisco e Tarquinio il Superbo . Si dice che da esso derivassero molti riti e cerimonie dell’antica Roma, e persino in epoca imperiale un collegio di sessanta aruspici continuò ad esistere. Il popolo di Tarquinia e Veyes tentò di restaurare Tarquinius il fiero sul trono dopo la sua espulsione.

Nell’anno 358 a. C. i cittadini di Tarquinii catturarono e uccisero 307 soldati romani; la guerra risultante si concluse nel 351 con una tregua di quaranta anni, rinnovata per un periodo analogo nel 308. Tarquinia cadde sotto il dominio romano nell’anno 281 aC. C. )., 4 non sapendo quando è diventato un comune; nel 181 a. C. il suo porto, Graviscae (mod Porto Clementino), in una posizione malsana sulla costa inferiore, divenne una colonia romana. Ha esportato vino e sfruttato la pesca del corallo. Non ci sono molte notizie a riguardo in epoca romana; È sulle colline sopra la strada costiera. Gli autori classici menzionano la biancheria e le foreste del loro vasto territorio, e scopriamo che Tarquinio si offrì di fornire alla tela dell’Escipión candele per l’anno 195 a. C. Un vescovo di Tarquinia è menzionato nel 456 .

Il luogo originario della città etrusca di Tarquinia, conosciuta come la “Civita”, si trova su un altopiano allungato a nord della città attuale. I due coesistevano per la maggior parte del Medio Evo , con Tarquinia fa impallidire persino essere un piccolo insediamento fortificato sul sito del “Castellina” e Corneto, una migliore posizione strategica (forse il “Corito” che menziona le fonti romane) in crescita progressivamente fino a diventare la principale città della costa della bassa Maremma , soprattutto dopo la distruzione del porto di Centumcellae (moderna Civitavecchia). Gli ultimi riferimenti storici di Tarquinia risalgono all’anno 1250 circa.

La sua diocesi, che risale al V secolo , nel 1854 era legata a quella di Civitavecchia . Il nome di Corneto fu cambiato in Tarquinia nel 1934. Tornando ai nomi dei luoghi storici (non sempre in modo preciso), fu un fenomeno frequente sotto il governo fascista d’Italia come parte della campagna nazionalista per evocare glorie passate. In questo stesso periodo prima della seconda guerra mondiale, divenne il quartier generale della scuola di paracadutismo .

Evoluzione demografica

Patrimonio

  • La necropoli etrusca, con circa 6.000 tombe, 60 delle quali includono pitture murali . La necropoli etrusca di Monterozzi , a Tarquinia, è stata inventariata all’interno del Patrimonio Mondiale con numero di identificazione 1158-002 .
  • Il Museo Nazionale , con una vasta collezione di reperti archeologici. Ha sede nel rinascimentale Palazzo Vitelleschi , iniziato nel 1436 e terminato intorno al 1480-1490.
  • Chiesa di Santa Maria di Castello (1121-1208), con influenze lombarde e Cosmati . La facciata ha un piccolo campanile e tre ingressi. L’interno ha una navata centrale e due laterali, divisi da pilastri solidi con fregi paleocristiani e capitelli. Il rosone sulla navata e alcune opere in marmo di maestri romani sono degni di nota.
  • Il Duomo , in passato stile romanico-gotico, ma ricostruito dopo l’incendio del 1643, ha conservato l’edificio originario degli affreschi cinquecenteschi del presbiterio, Antonio del Massaro .
  • Chiesa di San Giacomo e Santissima Annunziata , che mostra diverse influenze arabe e bizantine.
  • La piccola chiesa di San Martino (12 ° secolo).
  • La chiesa di San Juan Bautista (XII secolo), con un elegante rosone nella facciata semplice.
  • Il Palazzo Comunale , in stile romanico, iniziò nel 13 ° secolo e restaurato nel 16 ° secolo.
  • Le numerose torri medievali, tra cui quella di Dante Alighieri .
  • Il Palazzo dei Priori . La facciata, ricostruita in epoca barocca, ha un’enorme scalinata esterna. L’interno ha un ciclo di affreschi risalenti all’anno 1429.
  • La chiesa romanico-gotica di San Pancrazio .

Economia

Nel settore agricolo vengono prodotti cereali e ortaggi nel territorio e viene praticato il bestiame . Anche il settore turistico è sviluppato , grazie ai cospicui resti della città etrusca. Sulla costa c’è anche il centro termale del Lido di Tarquinia.

Twin Cities

  • – Jaruco , Cuba
  • – Rabat , Malta

Trasporti

La città è servita da una stazione ferroviaria sulla linea Pisa – Roma, ma non si trova nel centro urbano.

Riferimenti

  1. Torna all’inizio↑ «Codici Catastali» . comuni-italiani.it (in italiano) . Estratto il 29 aprile 2017 .
  2. Torna in cima↑ Strabo , Geography , V.2.2
  3. Backup↑ In Eneida , Virgilio (III, 170; CI, 209, IX, 10; X, 719) cita Città Corito , terra mítológioo Dardano , che è stata identificata con l’etrusca Tarquinia (N. Horsfall, “Corito : il ritorno di Enea a Virgilio e le sue fonti”, in Journal of Studi romani , 63, 1973, p.68 ss; revisione critica di Harrison in risposta a Horsfall, nel. l’ Classical Quarterly , 26, 1976, 293 -295 e 296-297; N. Horsfall, Corito riesaminati (inglese), in JN Bremmer e N. Horsfall Mito romana e Mythografy , Groningen, 1987)
  4. Torna in cima↑ “Gli Etruschi” p. 168; Joseph M. Walker. ISBN 84-9764-441-7 .
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *