Ritratti di El Fayum



ritratti di El Fayum o ritratti di mummie di El Fayum (la maggior parte dei ritratti di questo tipo sono stati trovati in quella regione dell’Egitto ) o semplicemente, i ritratti di mummie sono termini moderni che si riferiscono a un tipo di ritratto naturalistico, dipinto in tavole di legno che coprono il volto di molte mummie della provincia romana d’Egitto . Appartengono alla tradizione della pittura su tavola , una delle forme d’arte più rispettate nel mondo classico. In effetti, i ritratti di El Fayum sono l’unico grande set di arte di quella tradizione che è durato e è stato continuato nelle tradizioniBizantino e occidentale nel mondo postclassico, compresa la tradizionale iconografia copta locale in Egitto .

Caratteristiche

I ritratti della mamma sono stati trovati in tutto l’Egitto, ma sono più comuni nella regione del Fayum, in particolare da Hawara a Antinoopolis , da cui il nome; anche se i “ritratti di El Fayum” sono considerati più una descrizione stilistica che una geografica. Mentre i casi di dipinti di mummie risalenti all’epoca faraonica, ritratti di mummie Fayum erano datate innovazione in tempi di occupazione romana della dell’Egitto . 1 Datan del periodo romano che copre la fine del primo secolo a. C. fino all’inizio del primo secoloappresso. Anche se non è chiaro quando la sua produzione è terminata, la ricerca suggerisce che era a metà del terzo secolo . Sono stati in grado di datare alcune mummie in base ai tipi di acconciatura, gioielli o vestiti che portano.

I ritratti coprivano i volti dei corpi che erano stati mummificati per la sepoltura. Gli esempi esistenti mostrano che si trovavano sulla faccia del defunto, tra le fasce di tessuto (o di cartone ) utilizzate per avvolgere i corpi. Quasi tutti sono stati separati dalle mummie. 2 Normalmente, rappresentano una singola persona, mostrando la faccia o la testa e la parte superiore del busto, vista frontalmente.

In termini di tradizione artistica, l’immagine deriva chiaramente più dalle tradizioni greco-romane che da quelle egiziane. La popolazione della zona di El Fayum è cresciuta ampiamente da un’ondata di immigrati greci durante il periodo ellenistico , inizialmente da soldati veterani che si stabilirono nell’area. 3 Due gruppi di ritratti possono essere distinti secondo la tecnica: uno di pittura encaustica (con cera ); un altro in vernice a tempera , quest’ultimo di solito è la più alta qualità.

Attualmente sono noti circa 900 ritratti di mummie. 4 Molti di loro sono stati trovati nelle necropoli di El Fayum . A causa del clima caldo e secco dell’Egitto, i dipinti sono spesso ben conservati e anche, spesso, mantengono i loro colori vivaci.

Rappresentano un luogo d’incontro tra pittura greca , pittura e arte realistica romana e la religione dell’Antico Egitto . Per le convinzioni consolidate degli egiziani nel transito verso l’ aldilà , era necessario che i loro ritratti fossero il più reali possibile per essere riconosciuti attendibilmente dopo la morte. Danno la sensazione di essere immagini in transito, la loro importanza risiede nello sguardo assente e negli occhi notevolmente ingranditi, che sebbene non sia affatto frontale, ci suggerisce e cerca di esprimere una vita interiore, come se fossero lì e là in quel momento.

Vedi anche

  • Pittura a bordo
  • Arte dell’antica Roma
  • Arte copta

Riferimenti

  1. Torna all’inizio↑ Berman, Lawrence; Rita E. Freed e Denise Doxey (2003). Arti dell’antico Egitto . Boston: Museum of Fine Arts, p. 193. ISBN 0-87846-661-4
  2. Torna su↑ Gli esempi ancora attaccati alle mummie si trovano nel Museo Egizio del Cairo e nel British Museum di Londra .
  3. Torna all’inizio↑ Oakes, Lorna e Lucia Gahlin (2002). Antico Egitto: un riferimento illustrato ai miti, religioni, piramidi e templi della terra dei faraoni . Hermes House, p. 236. ISBN 1-84477-008-7
  4. Torna in alto↑ Corpus di tutti gli esemplari conosciuti in: Klaus Parlasca (2005). Ritratti di mummie , Repertorio d’arte dell’Egitto greco-romano Vol. B, 1-4, Roma 1969-2003; un altro esemplare scoperto da: Museo Petrie UC 79360, BT Trope, S. Quirke, P. Lacovara: Scavo dell’Egitto , Atlanta, p. 101, ISBN 1-928917-06-2
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *