Pittura dell’antico Egitto



Il dipinto dell’Antico Egitto era eminentemente simbolico, funerario e religioso . La tecnica pittorica degli egiziani era un precedente di pittura ad affresco o tempera, poiché producevano pigmenti naturali , estratti da terre di diversi colori, una pasta di colore, che mescolavano con albume e si scioglievano con l’ acqua per poterlo applicare sulle pareti, coperto con uno strato di intonaco “a secco” .

Le sue procedure erano l’affresco, la tempera , l’ encausto e talvolta anche lo smalto in gioielli , amuleti , scarabei , statuette di intervistati e rivestimenti nelle pareti interne. I loro colori erano vivi e variati in ogni scena e i più antichi dipinti parietali decorativi erano policromi e uniformemente colorati. I coloranti di base sono stati ottenuti: nero, carbonio , bianco, lime o gesso, giallo e rosso mattone, ocra naturale del deserto, verde, malachitee il blu, di lapislazzuli .

Il dipinto è stato utilizzato per decorare le pareti dei templi e delle tombe, nonché per illustrare i papiri. Una tecnica largamente utilizzata era quella dell’affresco per ottenere i colori dei pigmenti che dovevano essere diluiti in acqua prima di essere applicati su una parete bagnata.

Dipingere nell’antico impero

Durante l’ Antico Regno non è possibile dissociare il bassorilievo del dipinto poiché condividono gli stessi temi con scopi identici: rappresentare la vita quotidiana e la natura in modo che entrambi possano essere ricreati nell’altra vita dell’Aaru .

Nella Mastaba de Ti ( V dinastia , intorno al 2450 aC) ci sono vari bassorilievi dipinti con scene di lavoro agricolo, tra cui l’uomo con un buardo, o la scena di uno schiavo, che attraversa un guado, che porta sulle spalle un vitello , e come prova del realismo nella pittura degli animali, il vitello gira la testa per chiamare sua madre, che marcia dietro di lui.

Painting in the Middle Kingdom

Le decorazioni o il cartone delle loro bare, narrati, per mezzo di geroglifici , diverse leggende mitologiche e idee prese dal rituale funebre e contenevano il ritratto del defunto nella zona corrispondente della testa. La bara, di solito in legno, è stata elaborata dalla dinastia XI ( XXI secolo aC ) in forma prismatica e, più tardi, da antropoide per collocarla, più stretta, la mummia per la quale è stata realizzata, trasportando nella sua decorazioni esterne simili a questa, anche se più profuse.

Painting in the New Kingdom

I soggetti dei dipinti murali decorativi delle camere funerarie durante il Nuovo Regno erano costituiti da resoconti mitologici del Libro dei Morti e scene della vita di tutti i giorni, specialmente quelli che sarebbero serviti per il mantenimento, l’intrattenimento e il conforto del defunto nell’altro. la vita, secondo la credenza degli egiziani.

Il nome del Libro dei Morti, o il rituale funerario, i designati rotoli di papiro su cui sono stati scritti i formule religiose che permettono loro di evitare i pericoli della Duat e raggiungere l’immortalità. Dalla ventesima dinastia (circa dodici secoli aC) copie di questo libro furono decorate con disegni o miniature ed era comune accompagnare la mummia recitando alcuni frammenti di questi. I soggetti di tali miniature sono di solito mitologiche e rappresentazioni del giudizio di Osiride , raffiguranti il defunto e alcuni dei egizi.

Rinvii usi egiziane ei vari dettagli della sua scultura e pittura possono essere studiate nelle magnifiche tombe della Valle dei Re e dei grandi musei d’Europa e, in particolare, nel Museo Egizio del Cairo , dove sono esposti molti oggetti.

Sono state trovate varie rappresentazioni umoristiche e satiriche, tra cui spiccano quelle di Deir el Medina . Queste rappresentazioni furono disegnate in ostraca , ad eccezione di alcune in papiro , come il papiro erotico di Torino . Le satire spaziavano da temi erotici, quasi grotteschi a politici, in cui il faraone era sfidato . I personaggi sono di solito animali , in particolare gatti, topi e oche.

Il breve periodo di Amarna ha significato un’eccezionale rottura con i canoni dell’arte egiziana, in particolare per quanto riguarda il trattamento dei ritratti . 1

Pittura nell’Egitto greco-romano

Durante la dinastia tolemaica e la dominazione romana in Egitto c’erano manifestazioni pittoriche che si avvicinavano alle convenzioni dell’arte ellenistica e dell’arte romana , come i ritratti di El Fayum .

Bibliografia

  • * Desroches-Noblecourt, Christiane (1962). dipinti egiziani in tombe e templi . Barcellona: Editorial Rauter.

Riferimenti

  1. Torna su↑ Figure umane nell’arte del periodo di Amarna . Fonte citata in : Arte di Amarna dalla Wikipedia in inglese. Per l’evoluzione del ritratto: Brewer, Douglas J. ed Emily Teeter. Egitto e Egiziani . 2 °. New York: Cambridge University Press , 2007. Stampa. Mysliweic, Karol. Ritrattistica reale delle dinastie XXI-XXX . Mainz am Rhein: Verlag Philipp von Zabern, 1988. Spanel, Donald B. Through Ancient Eyes: Egyptian Portraiture . 2 °. Burmingham, Alabama: Birmingham Museum of Art, 1988. Fonti citate in: Ritratti nell’antico Egitto dalla Wikipedia in inglese.
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *