nimbo



Un nimbo (dal latino , nimbo , “nuvola nera” o “aura”) è la luminosità , come una corona, solitamente circolare , che appare dietro e intorno alla testa in un’immagine o in un’icona . Come un simbolo, non sottolineare la luce carattere spirituale o divina rappresentato.

Sebbene sia solitamente usato come sinonimo di alone , di solito viene posizionato sulla testa (un cerchio o un’ellisse allentato o spazzolato sulla testa) o la sua luminosità può coinvolgere l’intero corpo del personaggio.

Tipi di nimbos

A titolo indicativo, puoi distinguere, tra gli altri, diversi tipi di nimbos:

  • Nimbo quadrato, usato per rappresentare gli alti dignitari che erano ancora vivi al tempo della loro rappresentazione (papi, imperatori, re).
  • Nimbo rotondo, usato per rappresentare i personaggi defunti. Può essere un anello o un doppio anello.
  • Nimbo crociforme o cruciforme, quando il cerchio è inscritto con una croce di armi uguali, riservato alla rappresentazione di Gesù Cristo .
  • Nimbo triangolare, a forma triangolare, esclusivo della persona del Padre della triade cristiana .
  • Nimbus radioso o radiante, sotto forma di raggi, disco applicato agli dei antichi.
  • Nimbo perlato, usato principalmente dai musulmani, dove i beati vivono in perle . 1
  • Nimbus overhead: posizionato sulla testa in posizione orizzontale; se è ad una certa altezza, è anche chiamato “levitazione”.
  • Starry Nimbus: l’alone ha una forma a stella.

Antichità

Il nimbo era usato dagli egiziani , dagli indù , dai greci e dai romani in immagini di dei o personaggi deificati, come simbolo di potere e grandezza.

In più antiche rappresentazioni pittoriche trovati, il nimbo era in realtà un disco e non un cerchio, che evoca Ra dio del disco solare in Egitto e questo album è apparso anche soprattutto sulla testa degli dei egizi khonsu e Hathor . Nell’antichità greco-romana appare sulle teste di dei come Helios o Apollo . Durante l’ impero romano , il nimbo assumerà la forma di un cerchio perfetto, specialmente nelle rappresentazioni degli imperatori deificati. 2

Hanno anche raffigurato nimbo e aureole molto spesso nell’arte dell’India , specialmente nell’iconografia buddista , dove sono stati attestati almeno dal primo secolo . 3

Iconografia cristiana

Mosaico del tardo terzo secolo del Sol Invictus con nimbo nel Mausoleo M della necropoli sotto la Basilica di San Pietro che è stato interpretato come una rappresentazione di Cristo (Cristo come il Sole).
Mosaico di Cristo con il nimbo crucifero nella Basilica di San Apolinar Nuovo a Ravenna .

Il nimbo fu incorporato nell’arte paleocristiana durante il quarto secolo , con le prime immagini iconiche di Cristo, in un primo momento l’unica figura rappresentata (insieme al suo simbolo, l’ Agnello di Dio ). Inizialmente, il nimbo era considerato in alcuni casi come una rappresentazione del Logosdi Cristo, la sua natura divina, e quindi, molto presto è rappresentato prima del suo battesimo da Giovanni il Battista senza nimbo, essendo una questione di dibattito se il suo Logos fosse innato a la sua nascita (punto di vista ortodosso ), o acquisita dal battesimo (punto di vista nestoriano ). In questo periodo è anche rappresentato come un bambino o un giovane nelbattesimi , sebbene questa possa essere una forma di rappresentazione ieratica e non legata all’età. 4

Inoltre, il nimbo cristiano si trova nelle immagini situate nelle catacombe . I cristiani imitavano già l’usanza dei Romani, che circondavano con un simbolo luminoso gli dei e gli imperatori. 5 Dal settimo secolo , tutti i santi sono generalizzati ma ancora conservati per altri personaggi fino al XII secolo, come si vede in miniature di alcuni codici in avori e mosaici . Nel caso dei santi cristiani, il nimbo che circonda la testa simboleggia la luce divina che raggiunge la comprensione dell’uomo, che lo irradierà attorno a lui. 6

Il nimbo è stato anche usato sugli animali, nella misura in cui questi ultimi simboleggiano i personaggi sacri. L’agnello e la fenice che simboleggiano Cristo sono spesso “nimbado”. 6

Il nimbo crocifere è del VI secolo , segnato con tre bande che ricordano la croce di Cristo o della Santissima Trinità, per esempio, nel fiolas il Tesoro Monza ) e Nimbus formata da stelle applicato alla Vergine Maria dal XVI secolo . In alcune scuole regionali di pittura il nimbo poligonale , riservato ai personaggi dell’Antico Testamento , era usato nel Medioevo .

Regolamento iconografico cristiano

È stato osservato che nell’iconografia cristiana, l’uso del nimbo può essere governato, in parte, da alcune regole non scritte:

  • Il nimbo di forma circolare è riservato agli angeli e ai santi . Se ha la forma radiale, indica un beato .
  • Il nimbo in cui è incisa una croce, riservata a Gesù, è solitamente rossa e solitamente si possono vedere solo tre braccia, poiché quella inferiore è coperta dal collo e dal busto.
  • Dio Padre , quando rappresentato in forma umana (di solito anziano con una lunga barba e capelli sciolti), indossa spesso un nimbo a forma triangolare, che simboleggia la Santissima Trinità .
  • Per le persone con una reputazione di santità, ma ancora vivi, o morti, a condizione che non siano stati ufficialmente canonizzati, a cui non è permesso usare il nimbo circolare, il nimbo quadrato è stato usato dal settimo secolo. Il quadrato è un simbolo del terrestre, davanti alla circolare, che è riservata alla sfera del cielo.
  • Nimbos poligonali per le personificazioni delle virtù (virtù teologali , …) che li correlano alla numerologia . Anche per i personaggi dell’Antico Testamento.
  • Il nimbo nero simboleggia il male ed è usato per il diavolo o per Giuda Iscariota , il traditore di Gesù.
  • Il nimbo stellato è usato per i beati fin dal Medioevo . 7

Iconografia tantrica

Nell’iconografia tantrica del buddismo tibetano, il corpo dei buddha e dei bodhisattva appare con un doppio nimbus: uno intorno alla testa (come è usuale nell’arte cristiana) e l’altro più grande che aleggia sul corpo seduto sul fiore di loto. 6

Araldica

Nell’attuale stemma di Porto Rico , risalente al 1511 , il più antico stemma del continente americano , appare un Agnus Dei (agnello di Dio) con nimbo, su un libro di cui si distinguono i sette francobolli descritti nell’Apocalisse .

Vedi anche

  • Gloria (religione)

Riferimenti

  1. Torna all’inizio↑ Juan Eduardo Cirlot (1992). Dizionario dei simboli . Lavoro. p. 325. ISBN  84-335-3504-8 .
  2. Torna in cima↑ Baudouin Paternotre de la Mairieu (2013). Monothisme et ses valeurs: étape cruciale de l’évolution . Accademia delle edizioni. p. 42.
  3. Torna in cima↑ Metropolitan Museum of Art: Seated Buddha. Estratto il 22 agosto 2016.
  4. Torna all’inizio↑ G Schiller, Iconografia dell’arte cristiana, Vol. I , 1971, Lund Humphries, Londra, p. 135, figg. 150-53, 346-54. ISBN 0-85331-270-2
  5. Torna all’inizio↑ Collinet-Guérin, Marthe (1961). Histoire du nimbe des origines aux temps modernes (in francese) . Parigi: Nouvelles Éditions latines. OL19310389M .
  6. ↑ Vai a:un c Chevalier, Jean; Gheerbrant, Alain (1986). Dizionario dei simboli . Barcellona: Editorial Herder. ISBN  978-84-254-2642-1 .
  7. Torna all’inizio↑ G. Fatás e GM Borrás (1993). Dizionario dei termini d’arte . Edizioni del Prado. pp. 171-172. ISBN  84-7838388-3 .
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *