Mosaico ellenistico



Il mosaico ellenistico è il lavoro svolto in questa arte del mosaico in modo – chiamato periodo ellenistico , cioè, la fase che si sviluppa dopo la morte di Alessandro il Grande fino all’arrivo della dell’Impero Romano .

L’ arte del mosaico era ben nota in tutta la Grecia intorno al 400 aC. C. , ma in seguito, nel periodo ellenistico, era già universale. Il centro più attivo e innovativo nella tecnica di creazione dei mosaici di questo periodo si trovava nella città di Alessandria . I mosaici furono ritrovati nei palazzi di Demetrio de Falerno e Ptolomeo IV , dalla fine del III secolo aC. C.

Lo scrittore e enciclopedista romano Plinio il Vecchio (circa 23-79), descrive il mosaicista Sosos chiamato Pergamo come un grande artista che aveva composto tra gli altri due famosi mosaici, che sono stati scoperti e sono nel Museo Capitolino a Roma . In uno di questi, chiamato oíkos asórakos (casa senza spazzare) puoi vedere una scena quotidiana nel cui terreno si può vedere lo spreco di un banchetto. L’altro apparteneva a Villa Adriana de Tivoli e si chiama mosaico dei piccioni . Sosos de Pergamo ha fatto in quest’ultimo il lavoro di un grande professionista; È composto da tessere molto piccole: sessanta tessere occupano lo spazio di un centimetro quadrato.

In Italia sono stati trovati molti mosaici ellenistici, i più antichi della città di Pompei (a Napoli). Qui spicca tra tutti il ​​famoso mosaico di Alessandro Magno che decorò la Casa del Fauno , una delle più antiche e aristocratiche di Pompei .

Mosaico di Alessandro Magno

È noto che questo mosaico era una copia di un altro originale della fine del terzo secolo aC. C. Si tratta di un vera opera d’arte, con dimensioni eccezionali 5 di 2,70 metri senza contare il bordo ornamenti. La dimensione delle tessere è di 2 a 3 cm ciascuna e il numero totale ammonta a 1.500.000. Il lavoro ha raggiunto il 21 ° secolo in uno stato molto soddisfacente. Perdite che possono essere visti sono dovuti a disastri che hanno causato il vulcano Vesuvio nel 79 dC e terremoti precedenti dell’anno 63. Essa risulta che dopo queste disgrazie erano allora certi restauri con tessere più grandi, senza essere troppo fedele al lavoro primitivo.

Il mosaico è considerato una copia fedele di uno dei dipinti più famosi dell’antichità chiamato La battaglia di Alessandro con Dario , opera del pittore Filoxeno di Eretria che si svolse tra il 319 e il 297 a. C. C’è documentazione grazie agli scritti di Plinio il Vecchio. Si tratta della battaglia di Isos in Cilicia (Asia Minore), nell’anno 333 a. C. Fu una battaglia molto importante in cui Alessandro Magno sconfisse Dario III di Persia.

Nella scena, Alejandro viene visto con la testa scoperta e si lancia contro i soldati persiani, tra cui spicca l’allarme. Sono visti terrorizzati, con gesti violenti, nervosi e con grande disordine nei loro ranghi. Sul terreno ci sono armi rotte, cavalli abbattuti e alcuni soldati feriti o morti. I colori di questo mosaico sono: bianco, giallo, rosso e nero, tutti in varie tonalità.

Temi egiziani

Tra i mosaici del periodo ellenistico, temi egiziani sono i paesaggi più abbondanti, flora e fauna e le questioni nilotici (fiume Nilo). In questo senso, il più famoso mosaico è la chiamata a mosaico Barberini , che si trova a Palestrina (l’antica città chiamata Praeneste, nei pressi di Roma) e conservato nel palazzo Barberini di questa città. E ‘stato scoperto intorno al 1600 e decorato l’abside di uno dei templi di rifacimento santuario comandato dal generale romano e uomo politico, Lucio Cornelio Silla .

Bibliografia

  • Dictionnaire des Antiquités romaines et grecques . Librairie de Firmin-Didot et Compagnie. Parigi 1883
  • arte romana . Antonio García Bellido. Classic Encyclopedia CSIC Madrid 1979. ISBN 84-00-04381-2
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *