Giada cinese



La giada cinese è tutta quella giada estratta o scolpita in Cina dal Neolitico . È la pietra dura utilizzata in Cina per eccellenza per scolpire sculture. Sebbene in Europa sia conosciuta soprattutto la giadeite verde brillante, in tutta la storia della Cina, la giada è stata presentata in una grande varietà di colori e la nefrite bianca “grasso di agnello” è stata il tipo di giada più apprezzato . Le cave di Henan e lungo il fiume Yangtze sono state sfruttate fin dalla preistoria e sono quasi esaurite; All’inizio del 21 ° secolo gran parte della giada viene estratta dalla provincia dello Xinjiang nel nord-ovest.

Jade era apprezzato per la sua durezza, resistenza, qualità musicali e bellezza. 1 Soprattutto le sue sottili caratteristiche e i suoi colori traslucidi 1 lo rendevano associato ai concetti cinesi dell’anima e dell’immortalità. 2 L’uso più antico è l’intaglio delle sei giade rituali , che risalgono al terzo millennio aC nella cultura Liangzhu : 3 il bi , il cong , l’ huang , l’ hu , il gui e lo zhang . 4Mentre questi pezzi sono così antichi che il loro significato originale è sconosciuto, nel momento in cui i Rituali di Zhou sono composti , sono stati considerati rappresentare il cielo , la terra e le quattro direzioni . Durante la dinastia Han , la famiglia reale e la famiglia reale furono sepolti completamente coperti da un indumento mortuario di giada cucita con fili d’oro, con la convinzione che avrebbero preservato il corpo e le anime ad esso collegate. Si credeva anche che la giada combatteva la fatica. 1 Durante la dinastia progredito uso notevolmente artistica di giada. 5

Questi usi diedero origine al periodo dei tre regni alle pratiche buddiste e ai nuovi sviluppi nel Taoismo come l’ alchimia . Tuttavia, la giada ha continuato a far parte della medicina tradizionale cinese ed è un’importante materia prima artistica. Sebbene il suo uso non abbia mai raggiunto una grande diffusione in Giappone , la giada era importante per lo sviluppo dell’arte della Corea e del sud-est asiatico.

Riferimenti

  1. ↑ Vai a:c Fiero, Gloria K. La tradizione umanistica 6 ° Ed, Vol. I. McGraw-Hill, 2010.
  2. Torna in cima↑ Pope-Henessey, Capitolo II.
  3. Torna all’inizio↑ Howard, 19-22
  4. Torna in cima↑ Pope-Henessey, cap. IV.
  5. Torna a inizio pagina↑ Watson, 77 .
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *