Arte minoica



L’ arte minoica o cretese è l’ arte della civiltà minoica o cretese, una civiltà pre- ellenica che si sviluppò sull’isola di Creta tra il III millennio aC. C. e il II millennio a. C.

La più grande collezione di arte minoica si trova nel Museo Archeologico di Heraklion , vicino a Cnosso, sulla costa settentrionale di Creta. Arte minoica, con altri resti di cultura materiale , in particolare la sequenza di stili di ceramica ha permesso di archeologi per definire le tre fasi della civiltà minoica: antica Minoan , Medio Minoan e recente minoico .

Poiché il legno e i tessuti sono scomparsi, i sopravvissuti più importanti dell’arte minoica sono ceramiche come vasi, tazze o anfore con motivi marini: pesci, polpi, alghe, lumache; l’architettura sontuosa con i suoi affreschi , inclusi i paesaggi, i petroglifi ; e le elaborate foche in pietra scolpita.

Architettura

Palazzi

Dal 1900 l’inglese Arthur Evans ha scavato le rovine di Knossos . Quelli di Festos e Hagia Triada sono stati scavati allo stesso tempo dalla Scuola Archeologica Italiana di Atene , diretta da Federico Halbherr e Luigi Pernier . Quelli di Malia furono scavati nel 1915 da Iosif Hatzidakis e in seguito dalla Scuola di Archeologia francese di Atene. Gli scavi di Zakros furono iniziati dalla DG Hogarth , della British School of Archaeology ad Atene, che li ha lasciati senza identificare i resti principali, trovati da Nikolaos Platone nel 1961.

Nei cinque luoghi sono stati trovati resti di ciò che gli archeologi chiamavano ” palazzi “: strutture di palazzo complesse, senza mura difensive, costruite con pietra squadrata e una struttura interna intorno a grandi cortili e stanze diverse decorate con affreschi, magazzini con vasetti enormi , scale monumentali e superbe piattaforme.

Le città minoiche erano collegate con strade di pietra lastricate, formate da blocchi tagliati con seghe di bronzo. Le strade erano dotate di fognature e strutture idriche e fognarie erano disponibili per le classi superiori, usando tubi di argilla.

Le pareti inferiori erano costruite con pietre e macerie e le pareti superiori di mattoni. Tetti in legno sostenevano i tetti, con tegole piatte. In ogni palazzo c’era un vestibolo e una grande sala per ricevimenti o assemblee che i greci chiamavano megaron . Le colonne erano nell’atrio e nella stanza principale come supporti secondari, le pareti primarie erano spesse e comunque costituite da supporti quadrati o colonne di legno che diminuivano di diametro nella parte inferiore e erano coronate da un semplice capitale anulare. Tra tutti, è famoso l’edificio di Cnosso, che Evans chiamò “Palazzo di Minosse” o “del Labirinto” (come se ci fosse stata la corte del mitico re Minosse che ordinò di costruire ilLabirinto di Creta ) e poi era conosciuto come “Ax’s Palace” o “Double Axe” ( labrys ) perché è osservato, scolpito dappertutto, in rilievo o alla rinfusa, quella doppia ascia che era probabilmente data culto . Tutti questi edifici, insieme ai primi teatri (simili ai successivi del design greco) che furono scoperti, appartengono ai tempi del più grande apogeo della civiltà minoica, verso il XVII secolo aC. C. e furono distrutti da un’invasione micenea intorno all’anno 1400 a. C.

I primi palazzi furono costruiti alla fine del primo periodo minoico nel terzo millennio aC. C. ( Malia ). Mentre precedentemente si credeva che la fondazione dei primi palazzi fosse simultanea e datata intorno al 2000 aC. C. (la data del primo palazzo a Cnosso ). Attualmente viene proposto che i palazzi siano stati costruiti per un periodo più lungo, in luoghi diversi, in risposta agli sviluppi locali. I principali palazzi più antichi sono Knossos , Maliae Festos .

I palazzi hanno svolto una miriade di funzioni: hanno servito come centri governativi, sedi amministrative, santuari, laboratori e spazi di stoccaggio (ad esempio per i cereali). Queste differenze potrebbero essere sembrate artificiali ai minoici.

L’uso del termine “palazzo” per i palazzi più antichi, che rappresentano una residenza dinastica e sede del potere, è stato oggetto di critiche e al suo posto è stato proposto il termine “costruzione della corte”. Tuttavia, il termine originale è probabilmente troppo ben radicato per essere sostituito. Le caratteristiche architettoniche che sono stati utilizzati per definire l’architettura dei palazzi sono l’uso di muratura e bugnato , ortostatos , colonne , sale di audizioni pubbliche o tribunali, scale , ecc

La convinzione convenzionale che i palazzi più recenti ricostruissero quelli più antichi potrebbe nascondere differenze funzionali fondamentali. La maggior parte dei palazzi più antichi aveva solo un piano e non le facciate rappresentative. Erano a forma di U, con un grande patio centrale, che è generalmente più piccolo nei palazzi successivi. Gli ultimi palazzi erano caratterizzati dalla moltiplicazione di edifici e costruzioni su più piani. Le facciate dell’ovest erano fatte con conci di arenaria. Knossos è l’esempio più conosciuto.

La colonna minoica

Uno dei contributi più notevoli dei minoici all’architettura è la sua colonna caratteristica, più larga nella parte superiore che nella parte inferiore. È spesso chiamata la colonna minoica o “invertita”, perché la colonna greca è più ampia nella parte inferiore centrale (l’ entasi , che crea un’illusione di maggiore altezza). Anche le colonne cretesi erano fatte di legno e generalmente erano dipinte di rosso. Si alzarono su una semplice base di pietra e furono finiti con una capitale a forma di stampo rotondo, simile a un cuscino.

Architettura funeraria

Durante il periodo prepalaziale ( 3000 aC – 2000 aC ) ci sono luoghi di sepoltura dove viene praticato il rito di sepoltura. Le tombe scavate nella roccia e le strutture circolari ( tholos ) sono state trovate con una base circolare in pietra e una copertura vegetale. Ci sono anche tombe in cisterne e silos di questo periodo, generalmente di natura collettiva. Durante il periodo paleopalaziale (2000 aC – 1700 aC ), le tombe circolari si evolveranno, prestando maggiore attenzione ai corredi funerari.

Nel periodo neopalaziale (1700 aC – 1400 aC ) la forma più comune sarà la costruzione della tomba , che consisteva in una serie di stanze in cui fu depositato il corredo funerario (come la tomba reale di Isopata ) o il cosiddetto tempio della tomba , in cui un edificio religioso ha lasciato il posto a un cortile aperto sul retro del quale è stata aperta una cripta. Sopra detta cripta, una stanza a colonne avrebbe la funzione di luogo di culto.

Pittura murale

La pittura murale minoica documentato a Creta e le isole Cicladi , in esecuzione in Micene . Cominciò nel Neolitico, con intonaco dipinto con pigmenti rossi e neri, e fu sviluppata una tecnica di affresco differenziata che fu usata in Egitto o nel Vicino Oriente. Nel periodo palatale, la tecnica è stata perfezionata e sono stati aggiunti pigmenti blu, grigi, gialli e bianchi; inizialmente solo con decorazioni geometriche su sfondi chiari, sia su pareti che su pavimenti. Fu a Knossos che iniziò la decorazione figurativa, prima con temi floreali, e la tavolozza divenne più complessa, aggiungendo pigmenti arancioni e verdi e oscurando gli sfondi. 1I colori sono piatti e vivi, di gamma ridotta, ottenuti per mezzo di pigmenti minerali.

I gruppi più importanti provengono dal palazzo di Cnosso e dalle case di Akrotiri , a Thera . La maggior parte sono dalla fine del periodo neopalaziale, tra il 1600 a. C. e 1480 a. C.

La pittura figurativa si è sviluppata dai precedenti egiziani , tuttavia ha sviluppato le forme originali. Viene anche ipotizzato che possa influire in senso opposto (i cosiddetti ” affreschi minoici di Tell el-Daba – Avaris -).

Si ritiene che la funzione del dipinto minoico sarebbe fondamentalmente religiosa. Per quanto riguarda il tema, spiccano le scene di vita religiosa o cortigiana, così come i paesaggi . Le figure umane rappresentano i giovani, con uomini atletici con la pelle rosso scuro e donne pallide che indossano il tipico costume di gonna arruffata e corpetto che lascia aperto il seno. Nei paesaggi sono rappresentate piante cretesi o talvolta egiziane. Gli animali sono rappresentati in movimento, con il cosiddetto ” galoppo minoico “.

I dipinti più famosi hanno ricevuto nomi specifici: l’affresco dei gigli (chiamato anche i gigli ), una villa di Amniso , l’ affresco delle taurocatapsie ; i portatori di offerte e decorazioni del Megaron della Regina (basato sui delfini) o della sala del trono di Cnosso , (con i rubinetti ). Tra le figure isolate spicca La Parisienne , il principe dei gigli , il raccoglitore di zafferano (il più vecchio, erroneamente restaurato con tratti umani, è attualmente interpretato come una scimmia blu – ad Akrotiri ce ne sono alcuniraccoglitori di zafferano -), 2 o l’ uccello blu . 3

Una delle ultime opere di pittura cretese sarebbe il sarcofago di Hagia Triada , in cui vari personaggi eseguono atti di culto, come sacrifici sanguinosi e senza sangue, al suono di strumenti musicali.

Ceramica

Nell’antico periodo minoico , le ceramiche sono caratterizzate da disegni lineari di spirali, triangoli, linee curve, croci. Nel medio periodo minoico erano comuni i disegni naturalistici di pesci, calamari, uccelli e gigli. Nel recente periodo minoico , i fiori e gli animali erano i più caratteristici, ma le variazioni aumentavano. Lo stile sontuoso della regione intorno a Cnosso era caratterizzato da una forte semplificazione geometrica di temi naturalistici e monocromatismo. Le somiglianze tra la recente arte minoica e micenea sono significative .

Durante il periodo prepalaziale ci sono pochissime indicazioni sulla scultura a Creta. Sono state trovate solo alcune figure umane piuttosto grezze, che potrebbero rappresentare simboli maschili e femminili.

Dal periodo paleopalaziale la base di una statua di culto fu trovata nel tempio di Anemospilia , il primo caso minoico di una statua di queste caratteristiche. Sono comparsi anche piccoli idoli maschili e femminili. I maschi appaiono nudi, indossando solo una larga cintura e un pugnale; quelle femminili hanno gonne svasate e corpetti stretti che lasciano il seno in aria. Sono stati trovati alcuni oggetti metallici nobili.

Nel periodo neoopalaziale c’è un grande progresso nella scultura, utilizzando avorio, bronzo e terracotta. La rappresentazione più tipica di questo momento è la cosiddetta ” dea dei serpenti “, diverse figure di ceramica smaltata o terracotta e, alcune, di avorio e oro. Sono figure femminili con i tipici paramenti minoici che prendono il nome dai serpenti che appaiono arricciati intorno al corpo. Sono state trovate anche figure di acrobati in avorio.

Note

  1. Torna in cima↑ L’età del bronzo dell’Egeo , Akal, 2000, ISBN 8446011999 , pg. 199.
  2. Torna su↑ Pittura. Civiltà minoica , in Artehistoria.
  3. Torna all’inizio↑ (circa 1450), restaurato da Émile Gillieron (figlio) , che fu identificato dall’archeologo Arthur Evans (1928) come un garrulus di Coracias .
    • L’uccello blu . Il Palce di Minosse , citato in Identificazione della rosa, salvia, iris e giglio nel “Blue Bird Fresco” .
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *