Arte di Hiberno-Saxon



Arte hiberno-sassone (da Hibernia – nome latino dell’Irlanda – e popolo sassone – uno dei popoli germanici che invasero la Gran Bretagna -), arte anglo-celtica (dagli anglo- sassoni e dai celti) – termine generico per una serie di pre – popoli romani dell’Europa occidentale), o l’arte insulare (per le isole britanniche ) sono denominazioni storiografiche sei per l’arte prodotta nelle isole britanniche nel Medioevo. Per quel periodo (secoli V a X), anche denominato ” periodo oscuro” o periodo delle invasioni , dopo la caduta dell’Impero Romano d’Occidente , la scarsa produzione artistica dell’Europa occidentale di solito è inclusa nella denominazione generica di ” Prerrománico ” .

I territori “insulari” dell’Irlanda e della Gran Bretagna, molto divisi politicamente, avevano in questo momento una notevole unità culturale nel predominio artistico, intellettuale e socio-religioso del monachesimo che, basato sul cristianesimo , fondeva i resti del patrimonio classico Greco-romano con contributi delle popolazioni germaniche e le caratteristiche locali dei popoli indigeni pre-romani , genericamente classificati come ” celtici ” o ” gaelici “. 7

Vedi anche: Hiberno-Nordic , Anglo-Saxon e Anglo-Celtic .
Vedi anche: Arte celtica , Storia d’Irlanda , Irlanda celtica , Gran Bretagna post-romana e Eptarchia anglosassone .
Vedi anche: Storia della Scozia , Storia del Galles e Territori vichinghi delle Isole del Nord .
Vedi anche: Cristianesimo celtico , Sinodo di Whitby , cristianizzazione dell’Irlanda e cristianizzazione dell’Inghilterra anglosassone .
Vedi anche: missione Hiberno-scozzese , anglosassone Mission , Ogam e Runas .
Vedi anche: Clonmacnoise , Iona , Lindisfarne , Inishmurray e Aran .
Vedi anche: Glendalough , Devenish , Portmahomack , Kildare e Bangor (Galles) .

Moduli e supporti

Le caratteristiche formali dello stile provenivano dall’oreficeria destinata all’élite secolare, che verso l’inizio del settimo secolo era combinata con l’arte celtica e l’arte anglosassone . Sono particolarmente identificati con la decorazione intrecciata , 9 come si trova in Sutton Hoo (che presuppone una consolidata tradizione locale di cui sono sopravvissuti solo piccoli pezzi), e che viene applicata in altre aree, come l’ illuminazione dei manoscritti , che rispondono ad un altro mondo culturale: quello del Mediterraneo. Prima del settimo secolo, la presenza di codici è rara , anche se non gioielli, specialmente in Irlanda. 10I primi pictas pietre ( pietre dei Pitti 11 -vedi Pict -) sono datate al V secolo

L’ architettura anglosassone dell’epoca usava generalmente materiali effimeri che non ne permettevano la conservazione. Persino i monasteri e le chiese eretti in pietra sono per lo più distrutti o fortemente alterati, essendo la loro ricostruzione archeologica solo possibile.

Nell’architettura irlandese 14 del periodo sono incluse le cosiddette torri rotonde o torri irlandesi (di cui esistono anche esempi in Scozia e nell’Isola di Man ).

I monasteri, autosufficienti, erano dotati di scriptorium e laboratori metallurgici per soddisfare i loro bisogni liturgici.

In aggiunta ai numerosi manoscritti riccamente miniati ( Book of Kells , Bibbia Amiatina , Vangeli di Lindisfarne , Book of Durrow , Beda all’interno di San Pietroburgo , 21 Evangeliario di Echternach , 22 Evangeliario Durham 23 ), la maggior parte del Hiberno dell’arte -sajón è conservato nella orafo ( spilla Tara , 24 medaglione Monymusk , calice Ardagh , calice Derrynaflan ) e impostare in pietra, specialmente nelle ” alte croci ” (croce alta , 25 come le croci di Aberlemno , 26 di Muiredach Ruthwell , Kildalton , 27 Dysert , 28 di Clonmacnoise , di Ahenny , di Bealin , 29 o San Juan e San Martin de la Abbazia di Iona ).

Le superfici sono decorate profusamente ( horror vacui ) con motivi intricati ( nodo celtico ), che non tentano di dare un’impressione di profondità, volume o “recessione”. Nei manoscritti , nelle pagine degli arazzi , nei capitolari storici (un’invenzione “insulare”), nei canoni Eusebian 30 e nelle miniature figurative (come le rappresentazioni degli evangelisti ) sono caratteristiche. 31

La decorazione, densa, complessa e fantasiosa, ha preso elementi da diversi stili precedenti. La primitiva arte celtica conosciuta come lo stile finale di La Tène contribuì con le spirali , i trisqueles , i cerchi e altri motivi geometrici ; 36 la ” stile animal ” ( Animal Style ) 37 provenivano dalle popolazioni germaniche e altre eurasiatici (anche in arte celtica erano aste regolari a forma di teste di animali). L’intreccio aveva tutti i tipi di precedenti, inclusi i mosaici romani e l’ arte copta, sebbene l’arte Hiberno-Sassone portasse a livelli di sofisticazione mai raggiunti prima.

Culmine e continuità

Il periodo più eccezionale dello stile terminò con la distruzione dei centri monastici e della vita aristocratica che portò le incursioni vichinghe del tardo VIII secolo, come dimostra l’interruzione del lavoro del Libro di Kells . Gli Evangeliari non erano prodotti in modo così intensamente illuminato come quelli dell’epoca precedente. 38

Dal X secolo la storiografia preferisce l’uso dell’etichetta ” Anglo-Saxon art ” per l’Inghilterra, mentre per l’Irlanda continua l’uso delle etichette “insular” o “hiberno-saxon”, poiché le caratteristiche dello stile continuano fino a quando XII secolo, già nel contesto del romanico . 39

Ubicazione e diffusione

L’Irlanda, la Scozia e Northumbria (Inghilterra settentrionale) sono stati i più importanti centri artistici, anche se ci sono stati anche la produzione artistica nel sud dell’Inghilterra e del Galles ( Salterio Ricemarch , 40 origine gallese, e molto prima Evangeliario Hereford , 41 anche gallese). 42 Il libro dei cervi , 43 del decimo secolo, che è il primo esempio scritto del gaelico scozzese, è un prodotto di “arte isolana” della Scozia orientale. 44

Nell’Europa continentale, specialmente nel regno dei Franchi , i centri monastici fondati dai monaci missionari irlandesi e scozzesi estesero un’influenza estetica di questo stile, che è riconosciuto in elementi decorativi di manoscritti carolingi , romanici e persino gotici . 45

L’espressione “arte insulare”

L’espressione “arte insulare” ( arte insulare ), oltre al suo generico riferimento geografico alle isole britanniche (non solo ai due maggiori dell’arcipelago, ma soprattutto e in particolare a certe piccole isole settentrionali vicino alla costa della Gran Bretagna, come ad esempio Iona o Lindisfarne), evoca l’isolamento e la marginalità geografica (non culturale) in cui si sviluppa questo stile originale di personalità così marcata. 46 Ha anche il merito di evitare gli inglesi , che in Irlanda sono altamente problematici e di non presupporre l’origine geografica dello stile, argomento fortemente dibattuto. 47

Concetto sembra a derivare da ” scrittura insulare ” ( scrittura insulare ), 48 espressione usata dal 1908, 49 ed entrambi sembrano ad essere un concetto linguistico parallelo ” lingue celtiche insulari “. Il suo uso è relativamente recente, dal 1970 50

Note

  1. Torna a inizio pagina↑ James, Heather F., Henderson, Elizabeth Foster, Sally M. Jones, Sian, (2008), capolavoro frammentato: Recuperare la biografia del Hilton di Cadboll Pictish cross-lastra, Edimburgo: Società degli Antiquari di Scozia. Fonte citata in: Hilton di Cadboll Pietra
  2. Torna a inizio pagina↑ orientale Ross nelle Highlands della Scozia. Storia delle Mackenzies, con genealogie delle principali famiglie del nome. Fonte citata in: Ross e (per collegamento) al: Pasqua Ross .
  3. Torna in cima↑ “Storia dei millefiori”. Fonte citata in: millefiori .
  4. Torna all’inizio↑ File in inglese
  5. Torna su↑ Devenish sito monastico .
  6. Torna all’inizio↑ Hugh Kearney, The British Isles , Akal, 2003, ISBN 8483230399 , pg. 19: Gli storici dell’arte mettono in circolazione il termine “hiberno-sajón” (ora ampiamente sostituito da “insulare”) con lo scopo di creare uno scenario più ampio di quello delle categorie nazionali tradizionali . Medieval Sculpture – Essential Humanities: l’ arte insulare è anche conosciuta come arte “Hiberno-Saxon” o “Anglo-Celtic”.
  7. Torna all’inizio↑ Onore e Fleming, 244-247; Pächt, 65-66; Walies e Zoll, 27-30
  8. Torna al top↑ Carver, Martin, 2008. Portmahomack: Monastero dei Pitti (Edinburgh University Press). Fonte citata in: Portmahomack . In: Kildare . Enciclopedia Cattolica. Fonte citata in: Abbazia di Bangor
  9. Torna all’inizio↑ Bain, George (1973). Arte celtica: i metodi di costruzione. Dover Publications, Inc. ISBN 0-486-22923-8 . Fonte citata in : interlace (arti visive) .
  10. Torna all’inizio↑ Giovani 20-22. Wilson, 16-27.
  11. Torna all’inizio↑ Allen, JR; Anderson, J. (1903), Monumenti paleocristiani della Scozia, Balgavies, Angus. Fonte citata in: pietre di Pictish
  12. Torna in cima↑ Laing, 55-56.
  13. Torna al top↑ . NMI “Wallace, Patrick F., O’Floinn, Raghnall EDS tesori del Museo Nazionale d’Irlanda Irish Antiquities ISBN 0-7171-2829-6 fonte citata in. In: Ardagh Hoard
  14. Torna all’inizio↑ Archiseek, Irish Architecture Online. Fonte citata in : Architecture of Ireland
  15. Torna all’inizio↑ Audouy, M. (1981). “Scavi a All Saints Church, Earls Barton.” Northamptonshire Archaeology (Northamptonshire Archaeological Society) 16: 73-86. Fonte citata in : All Saints ‘Church, Earls Barton
  16. Torna in cima↑ Watkins, Rev. CF (1867) La Basilica e la basilica di Brixworth. Fonte citata in : All Saints ‘Church, Brixworth
  17. Torna all’inizio↑ Blair, Peter Hunter (1977) [1956]. Un’introduzione all’Inghilterra anglosassone (secondo ed.). Cambridge & London: Cambridge University Press . pp. 146, 151-152. ISBN 0-521-29219-0 . Fonte citata in: Brixworth
  18. Torna a inizio pagina↑ Barrie Cox, “Il modello della vecchia Inglés burh ai primi di Lindsey” anglosassone nel 23, p.44. Fonte citata in: Chiesa di San Pietro, Barton-upon-Humber
  19. Torna su↑ Dettagli del database di costruzione elencato (117767). Immagini dell’Inghilterra. Patrimonio inglese. Fonte citata in: Chiesa di Greensted
  20. Torna all’inizio↑ Encyclopædia Britannica. Fonte citata in: Hagioscope
  21. Torna al top↑ Meyer Schapiro, la decorazione delle Leningrado Manoscritto di Beda, in Selected Papers, Volume 3, tardoantica, paleocristiana e medievale Arte, 1980, Chatto & Windus, London, ISBN 0-7011-2514-4 (originariamente Scriptorium , xii, 2, (1958), ecc Inoltre JSTOR) fonte citata in: San Pietroburgo Bede
  22. Torna all’inizio↑ De Hamel, Christopher. Una storia di manoscritti miniati. Boston: David R. Godine, 1986. Fonte citata in: Echternach Gospels
  23. Torna all’inizio↑ Henderson, George. Da Durrow a Kells. The Insular Gospel-books 650-800. Londra: Thames and Hudson Ltd., 1987. Fonte citata in: Durham Gospels .
  24. Torna su↑ Pagina del Museo Nazionale d’Irlanda. Fonte citata in: Tara Brooch
  25. Torna all’inizio↑ Wilson, David M; Arte anglosassone: dal settimo secolo per la conquista normanna, Thames and Hudson (US edn Overlook Press.), 1984. Fonte citato in: High Cross
  26. Torna in cima↑ Cummins, WA (1999). I simboli e i loro simboli. Stroud, Gloucester: Sutton Publishing. Fonte citata in : Aberlemno Sculptured Stones
  27. Torna all’inizio↑ Info storiche incrociate di Kildalton. Fonte citata in: Kildalton Cross
  28. Torna al top↑ Chiamato anche San Tola High Cross , il Monastero di Dysert O’Dea . O’Dea: Ua Deághaidh: La storia di un ribelle Clan, da Risteard Ua Cróinín (Richard Cronin), Ballinakella Press, Whitegate, Co. Clare, Irlanda, 1992. ISBN 0-946538-07-7 . Fonte citata in : Monastero di Dysert O’Dea .
  29. Torna su↑ Le creazioni del monachesimo irlandese
  30. Torna al top↑ Introduzione al Nuovo Testamento Manoscritti e loro testi, Parker, DC, Cambridge University Press, 2008, p24. Fonte citata in: Eusebian Canons
  31. Torna all’inizio↑ Calkins, Robert G. Libri illuminati del Medioevo. Ithaca, New York: Cornell University Press, 1983. Fonte citata in: Evangelista
  32. Torna al top↑ beat Matthias von Scarpatetti: Die Handschriften der Stiftsbibliothek di San Gallo. Codici 547-669. Hagiographica, Historica, Geographica 8.-18. Jahrhundert. Harrassowitz, Wiesbaden 2003, ISBN 978-3-447-04716-6 . Fonte citata in : Biblioteca dell’abbazia di San Gallo
  33. Torna all’inizio↑ William O’Sullivan, “Manoscritti e paleografia”. In A New History of Ireland vol 1. Prehistoric and Early Ireland, ed. Dáibhí Ó Cróinín. Oxford, 2005. 535. Fonte citata in: Book of Mulling
  34. Torna al top↑ Dodwell, CR, arte anglosassone, una nuova prospettiva, 1982, Manchester UP, ISBN 0-7190-0926-X . Fonte citata in: Stockholm Codex Aureus
  35. Torna a inizio pagina↑ Blair, P. Hunter, “The Northumbria e il loro Southern Frontier” Archaeologia Aeliana, quarta serie, 26 (1948), pp. 98-126. Fonte citata in: Southumbrians .
  36. Torna a inizio pagina↑ Campo, Robert, motivi geometrici da Islamic Art & Architecture, 1998. fonte citata in: motivi geometrici islamici . Vedere anche periodo geometrico (un periodo di arte antica greca), astrazione geometrica , modello (struttura) , soggetti (arti visive) e trafori .
  37. Torna all’inizio↑ Emma C. Bunker, Arte di stile animale da est a ovest, Asia Society. p. 13. Fonte citata in stile Animale . Vedi anche l’arte animalista .
  38. Torna all’inizio↑ Dodwell (1993), 85, 90; Wilson, 141
  39. Torna all’inizio↑ Ryan
  40. Torna su↑ Relazioni scandinave con l’Irlanda durante il periodo vichingo Walsh, A. Fisher Unwin, Londra, 1922. Fonte citata in: Ricemarco Psalter
  41. Torna all’inizio↑ Richard Gameson, “The Hereford Gospels”, di Hereford Cathedral: A History (Londra, 2000),. Fonte citata in: Vangeli di Hereford
  42. Torna all’inizio↑ Grove Art Online, S2
  43. Torna in cima↑ Forsythe, Katherine. Studi sul libro dei cervi. Dublino: Four Courts Press, 2008. ISBN 978-1-85182-569-1 . Fonte citata in : Libro dei cervi
  44. Torna all’inizio↑ Grove
  45. Torna all’inizio↑ Henderson, 63-71
  46. Torna all’inizio↑ John Fleming e Hugh Honor, Christian Art nel Nord Europa , in World History of Art , Akal, 2004, ISBN 8446020920 , pg. 332
  47. Torna su↑ Tale polemica è rivolta a Schapiro, 225-241, Nordenfalk, 11-14, Wailes & Zoll, 25-38, Wilson, 32-36, e Oxford Art Online “Insular art”, The Oxford Dictionary of Art .
  48. Torna all’inizio↑ Pfeffer Mediæval. Fonte citata in: Insular script
  49. Torna in cima↑ Dizionario inglese di Oxford “Insular” 4 b. Sembra chiaro che questo appuntamento del 1908 presuppone un uso già consolidato dell’espressione. Hicks individua il primo utilizzo nel 1901.
  50. Torna all’inizio↑ Cowgill, Warren (1975). «Le origini del celtico insulare congiunte e finali verbali assoluti». In H. Rix (a cura di). Flexion und Wortbildung: Akten der V. Fachtagung der Indogermanischen Gesellschaft, Regensburg, 9-14. Settembre 1973 . Wiesbaden: Reichert. pp. 40-70. ISBN  3-920153-40-5 .
  51. Torna all’inizio↑ “Antichità”: Wallace, Patrick F., O’Floinn, Raghnall eds. Tesori del National Museum of Ireland: Irish Antiquities, 2002, Gill & Macmillan, Dublin, ISBN 0-7171-2829-6 . Fonte citata in : Cathach of St. Columba
  52. Torna all’inizio↑ tra: Durham Cassiodoro
  53. Torna in cima↑ Nordenfalk, 29, 86-87

 

Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *