Arte celtica



Il termine arte celtica si riferisce alle espressioni artistiche dei cosiddetti popoli celtici . È, tuttavia, una categoria soggettiva e discussa, così come il concetto stesso di “civiltà celtica”, poiché è applicato a un periodo di tempo molto lungo e a più culture correlate ma diverse l’una dall’altra.

Infatti, l’espressione “arte celtica” è usata soprattutto in relazione all’arte tardo pagana e paleocristiana delle isole britanniche , la cui espressione più degna di nota sono i manoscritti medievali illustrati riccamente ornati con elementi estetici tipici dell’arte isolana nativa. Esempi sono il Libro di Kells , il Libro di Durrow oi Vangeli di Lindisfarne . Da notare anche le pietre scozzesi dei pictiani , i calici, le spille e le croci celtiche .

L’arte celtica insulare, con il suo caratteristico ricciolo e motivi a spirale, è strettamente correlata (e influenzata da) all’arte ornamentale e zoomorfa vichinga , in particolare allo stile Borre .

Caratteristiche dell’arte celtica insulare

  • Astrazione geometrica: l’arte è dematerializzata, mantenendo solo le linee essenziali della figura rappresentata o addirittura totalmente dispensandola (spirali, interlacciate, ecc.). Le forme sono ridotte a schemi geometrici.
  • Creatività: spesso il lavoro è solo un pretesto per dare libero sfogo alla tecnica e alla fantasia dell’artista.
  • Horror vacui : il cosiddetto orrore del vuoto, coniato dai Romani (vedi la Colonna di Traiano ) è anche molto caratteristico dell’arte celtica. Non c’è virtualmente spazio vuoto nello spazio predisposto dall’artista.
  • Zoomorfismo: gli animali, che siano una specie esistente o fantastica, hanno una preferenza quando vengono inclusi nella decorazione celtica. Probabilmente queste figure avevano un carattere totemico nella loro origine .
  • Predominanza della ornamentali sul contenuto: artista celtica in grado di individuare una scena nel centro del lavoro, ma sempre essere ricreato in ornamenti secondarie, che sembrano essere più attraente per lui e che meglio riflettono il loro modo di esprimersi.

In breve, l’arte celtica è caratterizzata dal suo simbolismo e dal suo gusto per la geometria, producendo un senso di “caos ordinato” con le sue forme variegate ma simmetriche. Non ignora un certo naturalismo , ma definisce ciò che viene espresso sfuggendo al realismo totale.

Arte celtiberica

La sua costruzione più caratteristici sono i castros , popolate di recinti murati erette sulle cime delle montagne, che si trovano nelle zone occupate dai Celti nella valle del Duero o in Galizia : Cogotas ( Ávila ) e Castro di Santa Tegra ( Pontevedra ), rispettivamente.

Un po ‘più tardi e in relazione alla cultura iberica, sono le città di Arévacos , alcuni con grande sviluppo urbano e Numancia , e più primitivo, case e strade scavate sulla roccia e Termancia .

La scultura è rappresentata principalmente dai cinghiali , figure di animali che somigliano a tori, protettori del bestiame. I tori di Guisando ( Ávila ) sono caratteristici di questa scultura animalesca .

Opere di arte celtica

  • Acropoli di Roquepertuse (in inglese)
  • Spilla Tara
  • Calderone di Gundestrup
  • Calice di Ardagh
  • Calice di Derrynaflan
  • Lindisfarne Vangeli
  • Libro di Kells
  • Il libro di Durrow
  • Croce di Muiredach

Vedi anche

  • Carnyx
  • Ciclo dell’Ulster
  • Cultura celtica
  • Isatis tinctoria , coltivata dai Celti per ottenere una tintura blu.
  • Labirinto celtico (in inglese)

Riferimenti

  • Harding, Dennis, William. L’archeologia dell’arte celtica, Routledge, 2007, ISBN 0-415-35177-4 , 9780415351775, Google books
  • Johns, Catherine, The Jewellery of Roman Britain: Celtic and Classical Traditions, Routledge, 1996, ISBN 1-85728-566-2 , 9781857285666, Google books
  • Laing, Lloyd e Jenifer. Art of the Celts, Thames and Hudson, London 1992 ISBN 0-500-20256-7
  • “NMI”: Wallace, Patrick F., O’Floinn, Raghnall eds. Tesori del National Museum of Ireland: Irish Antiquities ISBN 0-7171-2829-6
  • Megaw, Ruth e Vincent (2001). Arte celtica ISBN 0-500-28265-X
  • “Megaws”: Megaw, Ruth e Vincent, “Celtic Art”, Oxford Art Online, accessibili il 7 ottobre 2010
  • Raftery, Barry, “La Tène Art”, a Bogucki, Peter I. e Crabtree, Pam. J.: Antica Europa 8000 aC – 1000 dc: enciclopedia del mondo barbarico, 2004, Charles Scribner’s Sons, ISBN 0-684-80668-1 , 9780684806686. testo online (leggermente abbreviato)
  • Sandars, Nancy K., Prehistoric Art in Europa, Penguin (Pelican, now Yale, History of Art), 1968 (nb 1st edn.)
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *