Teatro dell’antica Grecia



Teatro (dal Greco : θέατρον , Theatron “posto per contemplare”), uno o più specificamente, teatro della Grecia antica , è la cultura teatrale che fiorì nella Grecia antica tra 550 a. C. e 220 a. C. Il teatro greco è nato in uno spazio circolare esterno chiamato orchestra, in cui venivano svolte una grande varietà di attività, da spettacoli artistici (danze, recitazioni e pezzi musicali), a eventi civici e religiosi. Era un luogo di terra liscia e compatta pronta per la rappresentazione di canti corali, una delle sue varietà, chiamato ditirambo , è stato, secondo la tradizione, il progenitore della tragedia attica . Tutti i grandi teatri sono stati costruiti all’aperto.

I festival teatrali e la messa in scena

Miti rituali e costumi nel teatro greco

Qualunque sia la definizione da dare alla parola mito o leggenda si può comprendere che sia designato un certo numero di storie antiche relative agli eroi e persino le divinità , di cui sono narrati imprese spettacolari, e quelli che il futuro immaginario collettivo di un popolo ha creato un insieme di simboli culturali. La letteratura greca è diffusa, dalle sue prime origini omerici , personaggi locali e saghe mitiche; quindi, si parla spesso del ciclo di Troia (attorno al quale sono raggruppati i principali eroi e le famiglie che hanno partecipato alla spedizione della guerra di Troia :Agamennone , Menelao , Elettra , Oreste ) e ciclo tebano (in cui compaiono figure di Edipo , Antigone , Eteocle e Polinice , gli dei Dioniso e Zeus e l’eroe locale Heracles , tra gli altri).

Tuttavia, la posizione che i vari autori di tragedie hanno mantenuto prima del mito è tutt’altro che omogenea. In una progressiva evoluzione, si osserva come in un primo momento Eschilo mostrato rispettoso e creduloni al mito e la religiosità tradizionale, mentre non molti anni dopo Euripide prendono una critica revisionista dei personaggi mitici e antiche credenze religiose. Quest’ultima probabilmente ha fatto altro che seguire nelle le orme di filosofi e pensatori come Senofane di Colofone , che ha difeso l’idea che gli dèi di Omeronon erano altro che pura finzione. D’altra parte, se c’è una caratteristica singolare del mito, è la sua anti-cronicità. Non esiste una singola versione di un mito. In ogni caso, per gli antichi greci, il contrasto tra mito e storia o tra pensiero mitico e pensiero razionale non era chiaro per noi . Indubbiamente, gli antichi greci credevano che Agamennone fosse un re antico che, con ogni certezza, aveva fatto ricorso a un’antica guerra di TroiaE sempre nel rispetto e venerazione le tombe dei “vecchi eroi” coloro che hanno continuato ad adorare creature benefiche, anche dopo la morte, per la comunità. Anche si ricorda che il mito è un prodotto di una società essenzialmente orale, una serie di conti che possono essere trasmessi in un formato multiplo: il canto, come poesia recitata, come plastica e rappresentazione iconografica. Il fatto che i greci non hanno avuto alcun libro sacro sulla verità degli dei, equivalente a quello che sono la Bibbia , la Torah o il Corano per le altre culture, ha dato il mito una versatilità quasi completa e la possibilità di essere rivisti una e di nuovo.

Il repertorio mitico sul l’ altra parte si collega con rituali religiosi fin dai tempi che è stata anche legati alla la teatro come parte di una serie di celebrazioni e feste religiose incorporati nella tradizione di antichi rituali . Per gli antichi Greci, la base della religione è più rituale che un insieme di credenze, e della civiltà contemporanea di nuovo qui è lontano dai Greci. La società ateniese era più ritualizzato che europea moderna, e in effetti il cristianesimo e di auto Protestantesimo attribuiscono importanza per la fede e la rivelazionemolto lontano dalle credenze dei greci. D’altra parte, tra rito e teatro antico c’è una serie di legami molto suggestivi che interagiscono in un senso o nell’altro, dal rituale al teatro e dal teatro al rituale. Questi sono gli elementi: il rituale di supplica, i rituali funerari, la purificazione o la catarsi della «preghiera».

In una società primitiva in cui la protezione personale non è assicurata istituzionalmente, i riti del supplicante acquistano un’importanza straordinaria. In realtà è interpretato come un atto abominevole per non fornire il diritto di ricezione a un supplicante o per espellerlo dal santuario in cui ha cercato asilo. Nel teatro abbondano le scene del supplicante che implora l’aiuto del potente, ed è possibile che i propri autori di tragedia abbiano approfittato dell’esistenza di questo rito di supplica perché hanno trovato in lui un meccanismo di enorme impatto scenico e drammatico.

D’altra parte, i riti doganali e funerari dei greci entrarono ugualmente nell’architettura drammatica. La persona che muore non troverà riposo definitivo fino a quando non avrà adempiuto una serie di riti religiosi legati alla loro sepoltura. La giovane Antigone capisce che deve seppellire suo fratello Polyneices , nonostante l’esplicito divieto di King Creon ; in Las Coéforas de Esquilo è un gruppo di persone inviate da Clitemestraper versare libagioni sulla tomba di Agamennone. Queste e altre pratiche funerarie comportano un complicato rituale: le donne piangono, ha battuto i loro seni, tagliato loro i capelli, i vestiti strappati, mentre intonano lamenti inarticolati tipo “io”, “tio”, “AI”, “AI “” Paian “” Paian “, mentre versando libagioni e presentare le loro offerte per il morto. In ogni caso, la morte avviene per la fonte di contaminazione greca MIASMA ( gr. Μíασμα, di cui l’individuo e la comunità devono essere puliti da un rituale di purificazione. Così, quando Oreste raggiunge Atenedopo aver ucciso la madre, gli Ateniesi dargli il benvenuto, ma non affrontano la parola, perché si è ancora contaminata dalla omicidio. E ancora nel Oedipus Rexun’intera città inquinata appare perché abita un assassino ancora non ha subito il rituale di purificazione. I cittadini affollano il palazzo di Edipo come supplicanti con una richiesta specifica: trovare la causa di inquinamento ed espellono lo dalla città. Si tratta di una sorta di appello al tempo politico e religioso, perché ‘l non solo per tornare la prosperità a Tebe , ma ha un carico di significato religioso.

Le Muse ispiratrici

Vale la pena ricordare che il teatro era dedicato interamente alle nove muse d’ispirazione, per il suo stretto legame con il dio Apollo , patrono delle Belle Arti . Ognuno di essi rappresenta virtù artistiche e cognitive, due di esse sono muse dirette del teatro antico.

I principali festival e festival

Il teatro era in Atene antica , come in molte altre culture, da sempre legato alla celebrazione di alcune feste e riti religiosi. Secondo le notizie che ha uno dei più antichi e più frequentata si svolgeva in onore del dio Dioniso ad Atene durante il 11 ° al 13 del mese chiamato in greco Anthesterion (mese dei fiori), che corrisponde grosso modo al nostro febbraio. C’è una testimonianza di Filostrato , 2Dove ci viene detto che il nome di Antesteria si riferisce a un rituale in cui una serie di ragazzi e ragazze ateniesi portava mazzi di fiori una volta raggiunta la pubertà durante una processione . Da parte sua, la ceramica greca attesta alcune rappresentazioni che sembrano corrispondere a queste celebrazioni. Le feste sono durate cinque giorni:

  • Nella prima, denominata Pithoigia , ha proceduto ad aprire le brocche (πίθοι, pithoi ) che erano stati conservati vini dal settembre precedente, il vino è stato consumato e fosse previsto in parte in onore del dio Dioniso e il beneficio e goditi i partecipanti.
  • Il secondo giorno, chiamato Choes , ha continuato la celebrazione festosa e una buccia di vino è stata sorteggiata tra coloro che hanno partecipato alle feste.

In ogni caso, bisogna ammettere che queste celebrazioni sono legate solo in modo tangenziale alle origini del teatro greco, sebbene indubbiamente fossero il precedente di altri festival discussi di seguito.

The Leneas

Queste feste si sono svolte ad Atene nel mese di Gamelion (mese di matrimoni), che corrisponde grosso modo al nostro gennaio un mese che è stato chiamato Leneo nel campo della città jonias secondo per la testimonianza di Aristotele 3

Il re assiste, in primo luogo, alla collaborazione dei curatori

che la gente ha votato con le braccia alzate, con i misteri; questi commissari sono due tra tutti Ateniesi, uno dei Eumolpidae e un’altra dai kerykes … è anche provvedere secondo al Dionisias Leneas, costituito da una processione e un concorso. La processione è organizzata in collaborazione con il re e i curatori, e il concorso è controllato dal re. Regola anche tutte le gare delle torce e, in qualche modo, è lui a regolare tutto

sacrifici tradizionali.

Queste Leneas si sono svolte ad Atene in un edificio chiamato Leneo, anche se non ci sono notizie chiare su dove potrebbe essere il sito, se nell’acropoli stessa o in periferia. È un’istituzione molto antica, precedente alle Grandi Dionisia, ed è probabile che dopo il tempo la sua celebrazione si sia spostata (attorno al 440 aC ) al Teatro di Dioniso . Sembra che la partecipazione a queste festività sia stata solo o principalmente atenea, senza la presenza numerosa di stranieri caratteristici di altre celebrazioni. Almeno che sembra ad attestare, tra le altre testimonianze, il comico Aristofane : 4

Diceopoli. Non prendete questo il torto modo , signori del pubblico, io, un mendicante, che era disponibile a parlare agli Ateniesi sulla città all’interno di una commedia, perché la commedia sa anche di giustizia. Dirò cose terribili, ma giusto, e ora non può rimproverare Cleon parla male della città la presenza di stranieri, perché we’re- solo è il materiale contenuto nel Leneas- e non gli stranieri sono venuti dal momento che né imposte né alleati delle città: ora siamo soli: grano senza sottobosco, pulito, perché le meteos chiamo la crusca dei cittadini

I Leneas erano la principale cornice di rappresentazione delle commedie di Aristofane, come è noto dalle notizie ( ipotesi ) che precedono il testo di alcune delle sue opere. Così, nell’ipotesi degli acarnienti si legge: «L’opera è una delle migliori composte e incoraggia la pace con tutti i mezzi. La Leneas è stata rappresentata in nome di Callistrato durante arcontato di Eucino 426 / 425. C. , e il primo è stato lasciato ». Anche nella seconda ipotesi Cavalieri trovare nuove allusioni a Leneas: “Il lavoro è stato rappresentato a spese pubbliche nel arcontado di Stratocles 424 / 424. C.nei Leneas sotto la direzione di Aristofane stesso. Era il primo Il secondo premio è stato vinto da Cratino con Los Sátiros e il terzo è stato assegnato da Aristómenes con Los Leñadores ».

Notizie simili si trovano anche nelle ipotesi di The Wasps and the Frogs , nonché in una serie di iscrizioni studiate da Csapo. 5

The Rural Dionysíacas

La celebrazione di queste feste si è svolta durante il mese di Posidonio, che equivale approssimativamente al nostro dicembre . Era una processione attorno a un fallo che cercava di promuovere la fertilità dei campi piantati durante la caduta. Noi non è dato preciso si è verificato quando l’associazione di questo festival per il dio Dioniso , anche se secondo la testimonianza di Platone 6 sembra che ci fossero varie celebrazioni, perché c’erano persone che frequentano consecutivamente per più di uno di loro:

E anche loro sono estraneo ilk ad essere annoverato tra i filosofi coloro che amano le audizioni, che non sarebbe venuto in ancora a causa della sua volontà di questi discorsi e le nostre intrattenimento, ma come se avessero affittato le loro orecchie, che corrono da un posto all’altro un’altra per ascoltare tutti i cori del partito Dionisias senza essere alcun dietro sia città o villaggio.

Una nuova testimonianza circa il contenuto di queste feste può essere visto nella commedia The acarnienses Aristofane, 7 in cui il personaggio Diceopoli parodia la processione della festa, mentre intona un inno alla Falo , personificazione della fertilità, che i suoi schiavi Santia prende come standard . E ‘stato ipotizzato che i passaggi come questo sono coloro che hanno avuto a utilizzare Aristotele quando nella sua Poetica 8 ci dice che la commedia, risale a queste compagnie di cantanti fallici ( Cf. komoi. Particolarmente famosi furono i festeggiamenti che si svolgevano nel Pireo . Sebbene la scienza epigrafica e filologica abbia alcune iscrizioni trovate sul terreno, il vecchio edificio del teatro del Pireo è completamente scomparso. In ogni caso sembra che i dionisiaci rurali avessero un carattere più agrario delle grandi feste della città, anche se proprio per questo motivo è possibile che abbiano mantenuto un carattere più marcatamente religioso e primitivo.

I cittadini Dionisiaci (Grandi Dionisiaci)

Ma i festival più famosi, feste ateniesi quintessenza erano chiamate Dionisias cittadini o Grandi Dionisie, istituito in onore del dio Dioniso, la cui immagine è stato trasferito dalla città di Eleutherae ( Beozia ) a Atene. È noto che ai tempi di Pisistrato ( VI secolo aC)), il festival aveva già raggiunto una notorietà notevole e che la sua celebrazione coincideva con il nostro mese di marzo, momento in cui la navigazione e il viaggio diventavano più confortevoli e sicuri con l’arrivo della primavera. La città di Atene era adornata per ricevere ambasciatori e alleati, uomini d’affari e politici ai quali lo Stato decorava per un servizio speciale reso in favore di Atene. La processione di una statua di Dioniso vagava per le strade della città, accompagnata da una sfilata di torce portate da giovani uomini in età militare . Il corteggiamento si unì anche al corteggiamento delle ragazze ( canéforas) con offerte per vari sacrifici. Ognuna delle dieci tribù della città ha organizzato un coro di cinquanta ragazzi e un altro coro di cinquanta adulti che hanno partecipato al concorso.

Per quanto riguarda le rappresentazioni drammatiche che hanno avuto luogo in questi giorni, è noto che Aristotele è stato responsabile della loro registrazione corretta per iscritto intorno all’anno 330 a. C. In un tenore simile sono le didascalie , iscrizioni trovate ai piedi delle dell’Acropoli , in cui sono stati risolti i titoli delle tragedie rappresentate alle Dionisie, le commedie di Dionisias e Leneas, i nomi degli Arconti , i nomi di gli autori di pezzi drammatici, ecc. Una delle iscrizioni principali è incompleta, e di fronte al nome di Eschilo (la cui prima vittoria nelle competizioni è datata nel 484 aC).) mancano circa dieci righe che dovrebbero riferirsi agli autori della tragedia della Denise.

Egli è venuto a presentare la straordinaria testimonianza di un’iscrizione, noto come ” Marmor Pario ” scoperto sull’isola di Paros , che hanno svolto alcuni eventi storici dalla fondazione mitica della città di Atene ( c . 1580 a. C . ) fino al 263 a. C. circa Questo documento parla della presentazione di alcuni festival drammatici in un periodo di tempo che va dal 580 a. Da C. a 508 a. C. . Il testo si legge come segue:

Dal momento che ad Atene il primo coro di attori comici è stata organizzata, con la gente di Icaria che per primo correvano a capo della loro organizzazione, e il poeta Susarione suo inventore, il vincitore è stato stabilito come un premio in un cesto di fichi e una pelle di quaranta libri vino … Dal momento che il poeta Tespi in scena il suo primo gioco in città, che è stata proposta come un premio per aver vinto una capra, è stato più di 250 anni, essendo arconte ad Atene una certa [… ] Teneo, vecchio … E dal momento che i primi uomini s’ coro è stato organizzato in un concorso, che ha vinto la vittoria Hipódico di Calcide, sono passati 236 anni, essendo arconte ad Atene Liságoras. 9

Qual era, allora, il legame tra queste festività e la celebrazione di concorsi drammatici? Nel corso del V secolo consentito al la gara di tragedie tre autori, ognuno dei quali aveva quattro pezzi tre tragedie e un dramma satirico secondo il seguente calendario e il programma della giornata precedente, chiamato Proagone , è stato dedicato a finalizzare i preparativi e gli autori hanno fatto la presentazione delle loro opere in compagnia dei loro attori. Il giorno successivo (il primo a parlare correttamente) iniziò con la processione e il trasferimento della statua del dio Dioniso, che fu accompagnato da gruppi di giovani all’Acropolie in essa interveniva la maggior parte dei cittadini, raggruppati secondo le diverse tribù della città. Attraversando l’agorà, finiva sull’altare che si trovava al centro del teatro stesso, dove si svolgeva la competizione dei dithyrambs ; Il secondo giorno sono state rappresentate cinque commedie; e ciascuno dei tre giorni seguenti ha messo in scena tre tragedie e un dramma satirico. In questo modo, durante i sei giorni di celebrazione delle Grandi Dionisie, furono messe in scena un totale di diciassette opere, oltre alle canzoni ditirambiche del primo giorno. Tuttavia, sia il numero di pezzi che la loro estensione erano regolati dai bisogni del programma giornaliero di spettacoli o da circostanze speciali durante alcuni anni della guerra del Peloponneso(431-404 aC). Eschilo autore trilogie (tre opere circa lo stesso carattere o motivo), mentre Sofocle abbandonato questa pratica, come attestato dal l’antico lessico Suida .

Per quanto riguarda la commedia, l’organizzazione era diversa. Ogni autore ha presentato un concorso (al di fuori nelle Leneas o nelle Dionisia ) una singola opera in ogni festival. Questo è ciò che è attestato nel V secolo e probabilmente nel IV secolo aC. C. , anche se forse merita di annotare che Aristofane poteva presentare in qualche occasione, eccezionalmente, due opere. C’è una didascaliaCi dice che un Diodoro ottenne il secondo e il terzo premio nello stesso anno, sebbene non si escludesse la possibilità che fossero due autori diversi con lo stesso nome. D’altra parte, il più comune era che durante il quinto secolo ogni anno cinque autori prendevano parte al concorso, sebbene durante gli anni della crisi della guerra del Peloponneso fossero ridotti a tre.

I costumi

I costumi di una rappresentazione greca sono composti da:

• Maschere: gli attori greci usavano maschere o, in mancanza, nascondevano i loro volti con fango o zafferano. Il nascondiglio del viso simboleggia il vestirsi con elementi nuovi e inusuali, necessari per eseguire il rituale, era anche un rituale.

Più tardi, quando il teatro era teatro e non era un atto religioso, la maschera era quell’elemento che trasformava l’ attore in un personaggio, c’erano maschere di vecchi, giovani, donne, ecc. Nel tempo, gli artigiani hanno ottenuto il vero realismo nelle maschere.

Inoltre, la maschera aveva dimensioni enormi in modo che fosse molto più visibile al pubblico e, insieme ai coturns (trampoli), mantenere la proporzione tra le diverse file di posti. D’altra parte, le maschere potrebbero servire da “megafono” aumentando la voce dell’attore. E infine, ha permesso all’attore di interpretare diversi personaggi.

• I coturnos: sono una specie di scarpe di legno con un’alzata che serviva per dare all’altezza l’attore. Sono riusciti a far risaltare i personaggi nobili al coro e dare proporzioni all’attore con la grande maschera. Quindi l’attore era enorme, quindi il pubblico poteva vederlo facilmente. Generalmente erano usati solo in tragedia.

• Abbigliamento: di solito, le tute utilizzate erano tuniche, corte o calze e mantelli. Secondo i colori dei vestiti il ​​personaggio aveva più o meno importanza, quindi, i colori scuri erano per i personaggi tristi, quelli felici per quelli importanti oi colori normali per i cittadini. Gli attori hanno usato alcune pastiglie per gonfiarsi, in modo da mantenere la proporzione con il coturno e la maschera. Inoltre potrebbero usare altri elementi come la corona nel caso dei re.

Il dialogo recitato e il canto

Se l’attore recitava e il coro rispondeva cantando c’era un dialogo epirremático. Nel caso in cui sia l’attore che il coro cantassero, fu data la figura di Kommós. L’insieme di dialoghi tra attore e coro era chiamato amebeo. A volte lo stesso versetto veniva recitato da due o più attori chiamati antilab.

Il coro

I movimenti del coro nella rappresentazione erano molto vari, il suo ingresso nella scena era chiamato paádo, generalmente preceduto dal prologo. Da quando il coro era entrato nell’orchestra, iniziò una canzone corale conosciuta come estasimo, che aveva versi lirici, lungo il pezzo c’erano tre stanimos. Inoltre, il coro potrebbe dialogare con gli attori.

Articolo principale: The Choir

Funzioni del coro nella tragedia greca

Il coro nella tragedia greca fungeva da intermediario. I cori sono stati coinvolti nell’azione, le loro canzoni erano importanti e spesso hanno spiegato il significato degli eventi che hanno preceduto l’azione.

Il coro di solito era vestito di nero, era con l’orchestra e accompagnava la scena. Ma non tutti i giorni, solo quando il pubblico ha pagato. citazione necessaria ]

Il coro è stato posizionato di fronte al pubblico, nella parte anteriore del palco (orchestra) e ha accompagnato l’esibizione con canti e danze. Dietro l’orchestra c’era l’atto teatrale (proscenio). Sullo sfondo c’era un palcoscenico (skene) in cui c’erano tre aperture in cui gli attori entravano e uscivano

Gli spettatori e il pubblico

La composizione del pubblico

È vero che la gente veniva da altre polis greche che in quel periodo arrivarono ad Atene approfittando del lusso marittimo della nuova stazione che aveva appena aperto, dopo la forzata parentesi invernale. Tuttavia, come una circostanza a quanto pare si è verificato solo nel Grandi Dionisie, dal momento che la Leneas frequentato solo gli Ateniesi, che si riflette in una chiara allusione parabasi delle le acarnienses di Aristofane .

Era difficile trovare un posto a sedere e c’era persino qualche violenza quando li compravi. Apparentemente, questo è stato uno dei motivi che hanno spinto Pericle a creare un fondo pubblico per coprire le spese dei cittadini con meno risorse chiaramente emarginate.
Inoltre, la maggior parte degli edifici è stata sottoposta a lavori di ristrutturazione per ampliare lo spazio dedicato agli spettatori .

C’erano posizioni fisse nei ranghi per i magistrati della città, i sacerdoti di Dioniso e quei cittadini che avevano contribuito in modo speciale al benessere pubblico, che riceveva come riconoscimento della città questo diritto di occupare uno dei posti preferiti ( la proedría ). I bambini dei caduti nella guerra e gli ambasciatori di altri stati hanno ricevuto lo stesso privilegio. il resto della grotta è stato distribuito dalle tribù, così a ciascuno di loro è stato assegnato un certo settore, ma non sembra che questo sia stato sufficiente per evitare alterchi e rush dell’ultimo minuto. L’importanza attribuita alla concessione di un seggio preferito è molto significativa, a parte il prestigio sociale che questo ha conferito al destinatario.

Un altro motivo che spiega questa massiccia assistenza alle rappresentazioni teatrali è l’assenza di discriminazioni di qualsiasi tipo per l’accesso a loro, a differenza di quanto accaduto con altri tipi di eventi come giurie o assemblee popolari.
Per quanto riguarda le donne, un collettivo quasi sempre emarginato dalle attività principali della società greca, alcuni mettono in discussione la loro presenza all’interno del teatro e si presume che abbiano assistito agli spettacoli dall’esterno sulle strade che costeggiavano il pendio del Acropoli su cui si trovava il teatro ateniese.
In alcuni passaggi comici in cui si fa riferimento al pubblico, come La paz de Aristophanes o El díscolodi Menandro , non sono menzionati in nessun momento. Tuttavia, una serie di testimonianze del 4 ° secolo aC. C., perfettamente retrotrabiles al periodo precedente, e alcuni aneddoti provenienti da autori recenti, sembrano indicare il contrario. Così, in un passaggio da Laws of Platone , si fa riferimento alla preferenza delle donne educate dal genere tragico. E in uno scholio di Aristofane viene menzionato un possibile decreto di un certo Spirocheco, che proponeva la separazione dei sessi nel teatro e persino una separazione tra donne libere e cortigiane .
D’altra parte, una biografia tarda di Eschilo menziona come la rappresentazione di EumenidesCausa queste reazioni di orrore tra il pubblico femminile che molti hanno persino abortito, e in Ateneo la notizia della grande ammirazione che ha prodotto tra uomini e donne allo stesso modo l’ingresso nei locali di Alcibiade , viene raccolto come un coro e vestito con abiti . di viola.

Anche i giovani hanno frequentato il teatro, come si può dedurre dal commento di Aristotele sulla politica sulla convenienza di vietarlo. Inoltre, a La Paz , 50-53, Aristofane lo conferma.

Sull’assistenza degli schiavi è possibile che servisse solo come compagnia per i suoi più giovani maestri. Si è istruttiva che Teofrasto includere nei suoi caratteri la figura di senza vergogna, il cui risultato speciale nel teatro è stato uno dei suoi schiavi con i loro bambini che occupano posti erano riservati per eventuali ospiti.

La risposta del pubblico

Le opere messe in scena rivelano una complessità di pensiero e sottigliezze letterarie che non sembrano essere disponibili a nessuno. Gli argomenti dei drammi sono basati sui dettagli della leggenda eroica e, nonostante la diffusione che ciò ha raggiunto grazie all’attività dei rapsodiee recitatori professionali, è difficile immaginare che tutti abbiano un notevole background in questo senso, date le sue molteplici varianti e la natura diffusa di alcune ramificazioni genealogiche. Gli studiosi nutrono seri dubbi al riguardo. Il teatro non sarebbe stato uno spettacolo d’élite, necessariamente condiviso con tutta la massa ateniese da imposizioni politiche e religiose? Aristofane allude ripetutamente all’ingratitudine degli spettatori sempre pronti a fischiare i vecchi poeti e alla volubilità e al cattivo gusto del pubblico. In The Birds prende in giro l’incapacità degli assistenti, non avendo ali per fuggire dal teatro e potendo tornare al momento giusto in cui la commedia finiva.

Non dovremmo sopravvalutare il livello del pubblico ateniese dalle parodie che Aristofane ha fatto di alcune tragedie o dei loro autori. Molti di questi riferimenti di cui alle opere che erano state messe in scena di recente, o erano legati piuttosto che ai passaggi specifici che potrebbero portare a supporre una certa conoscenza letteraria dagli spettatori, lo stile generale di un poeta, il suo tono, che era qualcosa di molto più facile da mantenere, specialmente se aveva ripetuto i suoi interventi negli anni successivi.

Nonostante tutto, sembra che almeno una parte del pubblico ateniese fosse all’altezza delle circostanze e abbia adottato un alto grado di serietà e intelligenza prima delle rappresentazioni. Ha riconosciuto le grandi figure, le cui opere vincenti nei concorsi e poi rappresentate con una certa regolarità, sono proprio quelle che sono sopravvissute.

Ci sono aneddoti su eccessive risposte emotive da parte del pubblico ad alcune rappresentazioni come indicato nel Le Eumenidi , o che si riferisce al divieto di rappresentazioni future di cattura di Mileto , lavorare Frínico , a causa dei sentimenti dolorosi che hanno causato agli spettatori.

Nel teatro greco, a differenza di Shakespeare, per esempio, la personalità dei personaggi non ha importanza e sono i problemi, la moralità e le azioni che vengono alla ribalta.
E ‘molto probabile che, data la varietà del pubblico, a volte i poeti erano dirette solo ad un settore più istruiti, il cui apprezzamento sarebbe destinato certe sottigliezze poetici. Dobbiamo citare l’aneddoto che racconta come sono stati salvati da una morte agonizzante nel Latomie di Siracusa quei prigionieri ateniesi che erano in grado di recitare interi passaggi da Euripide. O la notizia di Teofrasto sull’elevata distinzione e stima sociale raggiunta da coloro che erano in grado di recitare i parlamenti delle tragedie.

C’era anche un alto grado di propaganda e consapevolezza civica in tutte le celebrazioni che circondavano le rappresentazioni teatrali, sia all’inizio della competizione che una volta finita. La cerimonia di apertura delle feste divenne una grande manifestazione del potere ateniese e una promozione dei doveri civici. È stato esposto agli spettatori che sono venuti da tutto il mondo greco il tributo inviato dagli alleati di Atene, è stato sfilato orfani della città caduta, la cui educazione e armi era stato pagato dalla comunità, e gli onori proclamò di coloro che avevano beneficiato in qualche modo della polis.

I principali rappresentanti dello stato si sono seduti nelle prime file e hanno dovuto fare alcune offerte all’inizio della celebrazione. Buona parte del finanziamento era a carico di un ricco cittadino, che adempie a una tassa chiamata liturgia , la cui funzione era quella di provvedere ai bisogni primari della comunità.

L’assemblea assemblata all’inizio per determinare il corso della celebrazione, dovrebbe anche incontrarsi alla fine di esso per dettare l’organizzazione buona o cattiva del concorso da parte del magistrato incaricato a tale scopo.

Le giurie che hanno premiato i premi sono state selezionate tra i cittadini da un sistema curioso e complicato, ea volte è stato il pubblico, con la loro pressione sui giudici, a decidere l’esito (Platone allude con disprezzo alla “teatrocracia” così creata ). Nonostante le differenze nell’atteggiamento e nella risposta alle opere rappresentate, poche potrebbero essere sfuggite all’atmosfera generale che circonda l’evento: una settimana di festa pubblica in cui tutte le questioni sono state rimandate, glorificando l’orgoglio ateniese e in cui la città era dominata da un’esperienza unica che tutti i suoi abitanti potevano condividere personalmente: l’edificio come spazio scenico.

I precursori del teatro

Thespis inizia il suo viaggio

Thespis è considerato il padre del teatro. Tespis ha viaggiato in un’auto dove ha montato il suo teatro e ha rappresentato opere con temi diversi dal culto di Dioniso. La sua principale innovazione è quella di aggiungere un personaggio che ha dialogato e questo è stato il protagonista.

Eschilo: il creatore della tragedia

Articolo principale: Eschilo

Sofocle: il dolore e la solitudine dell’essere umano

Articolo principale: Sofocle

Euripide: il filosofo della scena

Articolo principale: Euripide

La commedia di Aristofane: utopia e realtà

Articolo principale: Aristofane

Menandro: la nuova commedia dei personaggi

Articolo principale: Menandro

Vedi anche

  • Tragedia greca
  • Teatro greco-romano
  • Menandro
  • Nuova commedia
  • muse
  • parabasi

Riferimenti

  1. Torna all’inizio↑ «teatro». Dizionario della lingua spagnola . Estratto il 29 giugno 2015.
  2. Torna all’inizio↑ Heroic 720, 6-12.
  3. Torna all’inizio↑ Costituzione degli Ateniesi 57, 1-2.
  4. Torna a inizio pagina↑ I acarnienses , 498-508.
  5. Torna all’inizio↑ 132-137, The Context of Ancient Drama , Ann Arbor, University of Michigan Press, 1995.
  6. Torna in cima↑ Republic V, 475d.
  7. Torna all’inizio↑ vv. 241-279.
  8. Torna all’inizio↑ IV, 1449a.
  9. Torna su↑ Il frammento del « Marmor Parium » è quello raccolto in FgrH 239, 54-55, 58 e 61.

Bibliografia

  • Adrados , FR
    • Iustration politica nella Grecia classica , Madrid, 1966.
    • Festa, commedia e tragedia , Barcellona, ​​pianeta, 1972.
    • Teatro greco e teatro attuale , Madrid, Alianza, 1999.
  • Arnott, P.
    • Un’introduzione al teatro greco , New York, 1965.
    • Pubblico e spettacolo nel teatro greco , Londra, 1984.
  • Baldock, M.
    • Tragedia greca. Un’introduzione , Londra, 1992.
  • Bieber, M.
    • La storia del teatro greco e romano , Princeton, 1961
  • Buckham, Philip Wentworth
    • Teatro dei Greci , 1827.
  • Csapo, E. e Slater, W., The Context of Ancient Drama , Ann Arbor, University of Michigan Press, 1995.
  • Davidson, JA
    • Letteratura e alfabetizzazione nell’antica Grecia, parte 1 , Phoenix , 16, 1962, 141-56.
    • Peisistratus e Omero , TAPA , 86, 1955 1-21.
  • Díaz Tejera, A., Ieri e oggi della tragedia, Siviglia, Alfar, 1989.
  • Dover, KJ, commedia aristotelica , Londra, 1972.
  • Easterling, E .. Knox (a cura di), Storia della letteratura classica di Cambridge , Madrid, Gredos, 1990.
  • Easterling, Pat and Hall, Edith (eds.), Attori greci e romani: aspetti di un’antica professione , 2002. [1]
  • Altrimenti, Gerald P.
    • Aristotele Poetics: The Argument , Cambridge, MA 1967.
    • The Origins and Early Forms of Greek Tragedy , Cambridge, MA 1965.
    • Le origini di ΤΡΑΓΩΙΔΙΑ , Hermes, 85, 1957 17-46.
  • Foley, H., “Tragedia e l’ideologia democratica: il caso di Sofocle Antigone ” in Storia, Tragedia, Teoria , pp. 131-150, 1995.
  • Ghiron-Bistagne, E., Recherches sur les acteurs in la Grèce ancienne , Parigi, 1976.
  • Gil, Luis
    • Commedia attica e società ateniese , studi classici, XVIII, 1974, pp. 61-82.
    • Aristofane, Madrid, Gredos, 1996.
  • Green, R. & Handley, E., Immagini del teatro greco , Londra, 1995.
  • Haigh, AE, The Attic Theatre , 1907.
  • Highet, G., The Classical Tradition , 2 voll., Messico, FCE, 1954.
  • Lasso de la Vega, J.
    • “Realtà, idealità e politica nella commedia di Aristofane”, Cuadernos de Filología Clásica, IV, 1972, 9-89 (raccolte nel suo libro De Safo a Plato, Barcellona, ​​Planeta, 1976, 243-325).
    • Temi greci nel teatro francese contemporaneo , Murcia, Università di Murcia, 1981.
  • Lesky, A.
    • La tragedia greca , Barcellona, ​​Lavoro, 1966.
    • Storia della letteratura greca , Madrid, Gredos, 1976.
  • López Férez, JA (a cura di), Storia della letteratura greca , Madrid, Cátedra, 1988.
  • Musti, D., Demokratía. Origini di un’idea . Madrid, Editorial Alliance, 2000.
  • Navarre, O., Les répresentations dramatiques en Grèce , Parigi, 1929 (traduzione in spagnolo, Buenos Aires 1955).
  • Oliva, C.-Torres, F., Storia di base dell’arte scenica , Madrid, Cátedra, 1990.
  • Pickard-Cambridge, Sir Arthur Wallace
    • Dithyramb, Tragedy and Comedy , 1927.
    • Il teatro di Dioniso ad Atene , 1946.
    • I Drammatici festival di Atene , 1953
  • Rachet, G., La tragédie grecque , Parigi, 1973.
  • Ragué i Arias, MJ, cosa era Troy. I miti greci nell’attuale teatro spagnolo , Madrid, 1992.
  • Ridgeway, William, Origine della tragedia con speciale riferimento ai tragici greci , 1910.
  • Riu, Xavier, Dionisism and Comedy , 1999. [2]
  • Romilly, J. de, La tragédie grecque , Parigi, 1982.
  • August Wilhelm von Schlegel , Literature , 1809. [3]
  • Sourvinou-Inwood, Christiane, Tragedy and Athenian Religion , Oxford University Press , 2003.
  • di Ste. Croix, GEM , “La prospettiva politica di Aristofane”, in E. Segal (a cura di), Letture di Ocford in Aristofane , Oxford, OUP, pp. 182-193, 1996.
  • Taplin, O., tragedia greca in azione, Berkeley – Los Angeles, 1978.
  • Trendall, AD-Webster, TBL, Illustrazione al dramma greco, Londra, 1971.
  • Vara, J., Origine della tragedia greca , Cáceres, Università di Extremadura, 1996.
  • Walton, JM, studio di teatro greco, Londra, 1980.
  • Wiles, David, The Masked Menander: Sign and Meaning in Greek and Roman Performance , 1991.
  • Wise, Jennifer, Dionysus scrive: L’invenzione del teatro nell’antica Grecia , Itaca, 1998. recensione
  • Mattino, G., Terminologia della scena nella tragedia attica , Drammaturgia e messa in scena nel teatro greco, Madrid, Ediciones Clásicas, 1998.
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *