Swimmer’s Tomb



La Tomba del Tuffatore è un importante monumento archeologico trovato dal archeologo italiano Mario Napoli il 3 giugno del 1968 , quando scavando un piccolo cimitero, a circa 1,5 km a sud della città greca di Paestum in Magna Grecia , nel sud l’Italia . Allo stato attuale, la tomba è esposta nel museo di Paestum.

I quattro lati e la parte superiore della tomba sono fatti di cinque lastre di calcare locale, mentre il pavimento è scavato nel pavimento in pietra naturale. Le cinque lastre, unite dall’intonaco con grande precisione, formavano una camera di dimensioni approssimative di 215 x 100 x 80 cm. Le lastre che compongono il monumento sono state dipinte all’interno con la stessa tecnica utilizzata negli affreschi . I dipinti delle quattro pareti presentano la scena di un simposioe la lastra del tetto contiene la famosa scena che dà il nome alla tomba: un giovane che si getta nelle acque correnti di un ruscello. Sono stati in grado di distinguere due artisti, di cui il meno esperto è colui che ha decorato il muro sud. 1

L’importanza dei meravigliosi affreschi della tomba è che sembrano essere “l’unico esempio di dipinti greci che contengono scene con persone risalenti al periodo orientale , arcaico o classico che è sopravvissuto nella sua interezza. Delle migliaia di tombe greche che sono conosciute appartengono a quel tempo (circa 700 a 400 aC), questo è l’unico decorato con affreschi di persone ». 2

Solo pochi oggetti sono stati trovati all’interno della tomba. Vicino al cadavere (che si ritiene appartenga a un giovane uomo, nonostante lo stato dello scheletro estremamente deteriorato) c’era il guscio di una tartaruga, 3 due aríbalos e un piccolo leone attico ; quest’ultimo oggetto, realizzato con la tecnica delle figure nere utilizzate vicino all’anno 480 a. C., ha aiutato lo scopritore e altri studiosi a datare la costruzione della tomba intorno al 470 aC C.

Riferimenti

  1. Torna all’inizio↑ Holloway, p. 373.
  2. Torna all’inizio↑ Holloway, p. 365.
  3. Torna all’inizio↑ Probabilmente parte di una lira con una cornice di legno marcio.
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *