Submycenaean



Submicénico è chiamato nel periodo archeologico dell’Antica Grecia che prende il nome dallo stile della ceramica dell’epoca. Normalmente è limitato tra gli anni 1200 a. C. e 1050 a. C. e corrisponde al Helladic recente III C, anche se il termine Submycenaean taken significati talvolta differenti: a volte ha dato il nome a tutto ciò che era tra recente Helladic III C e Protogeometric ; a volte il nome è stato dato solo ad una variante in ceramica della regione occidentale dell’Attica o talvolta è stato usato per denominare lo stile di un certo tipo di ceramica precedente a quello protogeometrico trovato in una regione concreta e la cui cronologia può essere diversa da quella di altre regioni.

Ceramica

Si possono distinguere tre fasi nei risultati di questo periodo: una vecchia fase di ceramica di qualità, ma di motivi anodini provenienti da strati di Micene , Tirinto e Lefkandi , una fase centrale, in cui una ceramica molto fine può essere vista in diversi depositi che denotano un influenza reciproca e una fase tardiva in cui la qualità è diminuita in modo significativo.

Le ceramiche submicénica realizzati tornio stile simile a coesistevano micénico (almeno in alcune aree, come in Corinto ) con altri brunita ceramica chiamato Barbara , fatta a mano e di origine sconosciuta.

Alcuni degli elementi caratteristici del periodo sono il vetro a forma di uccello, la bottiglia e la bottiglia, di origine cipriota .

Altre caratteristiche dell’archeologia del periodo

Questo periodo è caratterizzato dalla spopolamento di gran parte degli insediamenti micenei , soprattutto nelle regioni di Messinia , Laconia e Attica , mentre in altre parti della Grecia come Achaia , il Dodecaneso e Cicladi viene percepita maggiore derivato popolazione probabilmente di movimenti migratori dalle aree non occupate. Generalmente continuità degli elementi caratteristici del periodo micénico come la presenza di sepoltura nella camera tombe simili a quelle dei periodi precedenti ma una netta riduzione dei detriti ceramica e ajuares elementi decorativi.

Bibliografia

  • Maria José Hidalgo de la Vega, Juan José Sayas Abengochea e Jose Manuel Roldan Hervas: storia della Grecia antica , a pagina 77. Salamanca: Università di Salamanca, 1998. ISBN 84-7481-889-3 .
  • Ian Morris. Storia e cultura La rivoluzione dell’archeologia , pagine 242-243. Barcellona: Edhasa, 2007. ISBN 978-84-350-2648-2
  • Oliver Dickinson. L’Egeo , pagine 31-33. Barcellona: Bellaterra, 2010. ISBN 978-84-7290-488-0
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *