Stele di Mesa



La scia di Mesha ( resa popolare nel diciannovesimo secolo come la “pietra moabita” ) è una pietra di basalto nera, che mostra un’iscrizione del re moabita Mesha del IX secolo aC. C., scoperto nel 1868 . L’iscrizione di 34 linee, la più estesa recuperata dall’antico Moab, era scritta in alfabeto paleo-ebraico . Fu eretto da Mesha , circa 850 a. C. , come un registro e memoria delle sue vittorie nella sua rivolta contro il Regno di Israele , che ha intrapreso dopo la morte del suo governatore, Achab .

La pietra è alta 124 cm e larga 79 cm e spesso 36 cm; È arrotondato per eccesso. Fu scoperto nell’antica Dibon oggi Dhiban , in Giordania , nell’agosto 1868, dal reverendo FA Klein, un missionario tedesco a Gerusalemme. “Arabo dalle vicinanze, temendo la perdita di tale un talismano, pietra in pezzi, ma aveva già ottenuto uno stampo di [Charles] Clermont-Ganneau, e la maggior parte frammenti sono stati recuperati e assemblati da lui” [1 ] . Uno stampo è una stampa di cartapesta . Lo stampo (che non è mai stato pubblicato) e la stele ricomposta (che è stata pubblicata in molti libri ed enciclopedie) sono attualmente nel Museo del Louvre, in una delle sale dedicate al Levante : piano terra, ala Sully, sala “D”. La sua classificazione è “AO5066”.

Contenuto

La stele descrive:

  1. come Moab fu conquistato da Omri , re di Israele, come risultato del dispiacere del dio Quemos . Le vittorie di Mesha sul figlio di Omri (non menzionate per nome), sugli uomini della tribù di Gad in Ataroth e in Nebo e Jehaz;
  2. le sue costruzioni pubbliche, ripristinando le fortificazioni delle sue fortezze e costruendo un palazzo e serbatoi per l’acqua; e
  3. le sue guerre contro gli Horonaim .
עמרי מלך ישראל ( Omri re di Israele ) menzionato esplicitamente nella stele.

Questa iscrizione può essere interpretata come un supplemento e corroborazione della storia del re Mesha registrata in 2 Re 3: 4-27, guadagnando così un posto di rilievo nel corpus dell’archeologia biblica . Tuttavia, ci sono parti della Bibbia che possono generare confusione in contrasto con ciò che descrive la pietra. Nella Bibbia , specificamente nei Libri dei Re, non dice chi conquista Moab. Tuttavia, da tempo prima c’erano re in Israele, i Moabiti erano già stati conquistati (1 Giudici 3:30). E l’abbiamo trovato in 1 re16 racconta come Omri divenne re su Israele e disse che era già un comandante dell’esercito. Ricordiamo che in quei giorni il conflitto era all’ordine del giorno e che questo comandante Omri avrebbe potuto guidare l’esercito a conquistare o riconquistare Moab. Più tardi in 2 Re parla del re di Moab che rende omaggio al re di Israele (capitolo 3 versetto 4). E anche confuso da non menzionando nella pietra il nome del figlio di Omri, può essere interpretato come facciamo ora che è il figlio immediato, ma nella Bibbia, come in quel momento, lo chiamano figli ai nipoti, bis nipoti, ecc … in modo che la ribellione avvenga contro il figlio di Achab, Joram , che può anche essere chiamato “figlio di Omri”. Nella Bibbia, è Yahwehchi dà la vittoria a Joram. Israele si ritirò, secondo i Libri dei Re , a causa di “una grande furia” scatenata prima della visione di Mesha che sacrificava il suo primogenito sulle mura, molto probabilmente al dio Quemos. Questo passaggio descrive nella sua diciottesima riga a destra il tetragramaton che descrive il nome di Yahweh.

Con l’eccezione di alcuni varianti, come -in per -im nei plurali, la moabita iscrizione è identica a una prima forma di Ebraico . L’alfabeto moabita è il più antico tipo di alfabeto semitico di tipo fenicio. La forma delle lettere qui usate fornisce informazioni molto importanti e interessanti sulla storia della formazione dell’alfabeto, così come, tra l’altro, le arti della vita civile di quei tempi nella terra di Moab . Questo antico monumento, che documenta le eroiche lotte del re Mesha con Omri e Achab , fu eretto intorno all’anno 850 aC. C. Qui “abbiamo gli stessi blocchi in cui gli operai del mondo antico hanno scolpito la storia dei loro tempi e da cui l’occhio dei loro contemporanei leggeva migliaia di anni fa il record di eventi di cui essi stessi erano stati testimoni. ”

Nel 1994, dopo aver esaminato sia la Stele di Mesha come lo stampo di carta nel Louvre, lo scienziato francese André Lemaire ha riferito che la linea 31 della Stele di Mesha mostra la frase “Casa di Davide ” (in Biblica Recensione archeologica[Maggio / giugno 1994], pp. 30-37). Lemaire ha dovuto aggiungere una lettera distrutta, la prima “D” in “[D] avid”, per decodificare l’espressione. La frase completa nella parte finale della linea 31 sarebbe quindi leggere, “Per quanto riguarda Horonen, ha vissuto in casa [D] avido,” וחורננ. ישב. בה. In [ד] וד. (Nota: Le parentesi [] racchiudono lettere o parole che sono state integrate, in cui le lettere sono state distrutte o erano in frammenti che sono ancora persi.) La maggior parte degli studiosi ritengono che nessuna altra lettera ci integrata fornisce una lettura che ha un senso. Baruch Margalit ha cercato di integrare un’altra lettera: “m”, insieme a diverse altre lettere in luoghi successivi. La lettura che ne risultò fu “Ora Horoneyn era impegnato alla fine del [regno] del [mio] predecessore per [edom] itas”.Ugarit-Forschungen 26, p. 275). Tuttavia, la lettura di Margalit non è riuscita ad attirare alcun sostegno significativo nelle pubblicazioni scientifiche.

Nel 2001, un altro studioso francese, Pierre Bordreuil riportato (in un saggio in francese) che lui e pochi altri studiosi non ha potuto confermare la lettura di Lemaire di “Casa di Davide” sulla linea 31 della stele (Pierre Bordreuil, “a propos de l’iscrizione di Mesa ‘: note deux,” in PM Michele Daviau, John W. Wevers e Michael Weigl [. Eds], il mondo del aramei III , pp 158-167, in particolare pp 162- .. 163 [Sheffield, Inghilterra: Sheffield Academic Press, 2001]).

Mentre l’ultima menzione della “Casa del David” nel frammento della stele di Tel Dan è stata scritta da un re aramaico nemico, questa iscrizione proviene da un nemico moabita di Israele, anch’egli vanaglorioso di una vittoria. Se Lemaire ha ragione, ora ci sono due primi riferimenti alla dinastia David, uno sulla Mesha Stela (metà del IX secolo aC) e l’altro sulla Tel Dan Stela (metà del IX secolo aC). a metà del 7 ° secolo aC), come riportato su Time Magazine , 18 dicembre 1995. Per una discussione completa ma tecnica, vedi Lawrence J. Mykytiuk, _Identificando le persone bibliche nelle iscrizioni semitiche del nord-ovest del 1200-539 aC, Serie Academia Biblica, no. 12 (Atlanta: Society of Biblical Literature, 2004), pp. 265-277.

Nel 1998, un altro studioso, Anson Rainey, tradusse una sconcertante frase di due parole sulla linea 12 della Estela de Mesha, in Israele. דודה, come “il suo davidica altare del fuoco” (Anson Rainey F., “Mesa e sintassi,” in _The terra che io ti indicherò You_, a cura di J. Andrew Dearman e M. Patrick Graham, supplemento Serie, n. 343 [ Sheffield, Inghilterra: Sheffield Academic Press, 2001], pp. 300-306).

Le identificazioni della biblica Mesha, re di Moab e della biblica Omri, re del Regno settentrionale di Israele, sulla Estela de Mesha sono generalmente accettate dalla comunità scientifica, soprattutto perché ciò che viene detto di loro nella narrazione della Stela de Mesha si adatta bene alla narrativa dei libri biblici dei Re e delle Cronache.

L’identificazione di Davidnell’Estela de Mesha, d’altra parte, rimane controverso. Questa polemica è nata in parte dallo stato frammentario e la linea 31 della stele stele Mesha e parte di una tendenza dal 1990, in gran parte tra gli scienziati europei, a mettere in discussione o sottovalutare l’attendibilità storica della Bibbia ebraica (Antico Testamento). In Europa, PR Davies, Thomas L. Thompson e Niels P. Lemche mostrano una forte tendenza a rifiutare la storicità della Bibbia, mentre André Lemaire, KA Cucina, Jens Kofoed Bruun, e altri scienziati europei sono eccezioni a questa tendenza. Molti scienziati si appoggiano in una direzione o nell’altra ma in realtà occupano la via di mezzo. In generale, Gli scienziati americani e israeliani tendono ad essere più disposti ad accettare l’identificazione del re biblico David sulla scia di Mesha. La controversia sul fatto che le antiche iscrizioni confermino o meno l’esistenza del Re David menzionato nella Bibbia di solito si concentra meno sulla scia di Mesha e più sullascia di Tel Dan .

Storia che contiene

Moab, un regno confinante con Israele, gli è stato tributario sin dai tempi di David. Verso l’845 a. C. regnò in Moab Mesa, noto nella Bibbia come noqed, pastore di pecore, usato come titolo onorario nella letteratura ugaritica. Omri era il re di Israele, Moab ha pagato un grande tributo. In 2 Re 3,4 è elevato a 100 mila arieti e altrettanti agnelli con la loro lana; quello che sembra una cifra esagerata. La stele mostra che durante tutto il regno di Omri, Moab fu soggetto ad Israele. La rivolta iniziò nel mezzo del regno di suo figlio, che sarebbe stato Achab; mentre secondo la Bibbia è la morte di questo re quando Mesa si ribella (1 Re 1,1; 3,5). C’è anche una differenza nel numero di anni in cui l’oppressione è durata. Secondo la stele c’erano 40, mentre, aggiungendo gli anni di Omri (12, secondo 1 Re 16, 23) e metà di Ahab (11, secondo 1 Re 16,29, questo regnò 22 anni), non superiore a 23 anni. Per coordinare entrambi i dati, sarebbe necessario tradurre nell’ottava riga della stele “nipote” anziché “figlio”. Questa traduzione è supportata almeno dall’uso biblico (cfr Gen 29,5; 2 Re 8,18,26). Quindi, i 40 anni di oppressione israeliana corrisponderebbero al 12 di Omri, il 22 di Achab, il breve anno diAchazia (2 Re 1) e il 6 della metà del regno di Joram (2 Re 3,1). Secondo la Bibbia, Joram d’Israele ha risposto alla rivolta di Mesa alleandosi con Giosafat di Giuda e un re sconosciuto di Edom.

La prima parte della stele risponde con grande probabilità ai risultati della rivolta: Mesa si impadronisce di Médaba, Atarot e Nebo, arrivando fino a Yahaz, forza dei re di Israele. Questa zona si trova a nord del fiume Arnon. Il raid della punizione attaccò Moab a sud o sul retro di Moab, senza dubbio, perché nel nord avrebbero incontrato le nuove città fortificate e la barriera naturale del fiume Arnon. Costando il Mar Morto, i confederati avanzarono pericolosamente contro la capitale del regno. Nel deserto dell’Araba, il bisogno di acqua causò l’ambasciata dei tre re ad Eliseo (v.) Che ordinò di scavare fossati che una pioggia provvidenziale riempì la mattina seguente. Anche se non sono frequenti, le tempeste, che si innescano nella profonda depressione del Gor, causa grandi torrenteras verso il Mar Morto. Una spedizione di dominicani assistette a un evento simile nel marzo 1895 (vedi Revue Biblique, 1896, 445). L’acqua ingannò i Moabiti che credevano che fosse sangue (una certa forma di miraggio) e allo stesso tempo sollevò gli spiriti di Israele che si lanciarono alla conquista, devastando tutte le risorse del nemico. La distruzione di queste città è confermata indirettamente dalla stele, che cita Bet-Bamot e Bézer come città in rovina e ricostruita da Mesa. La preoccupazione di fortificare Qarhot, con l’ordine di costruire cisterne o cisterne, dimostra che Mesa temeva giustamente un’invasione o un lungo assedio. Paragonati a ciò che fece Ezechia in una situazione simile (cfr. 2 Par 32,1-8) Una spedizione di dominicani assistette a un evento simile nel marzo 1895 (vedi Revue Biblique, 1896, 445). L’acqua ingannò i Moabiti che credevano che fosse sangue (una certa forma di miraggio) e allo stesso tempo sollevò gli spiriti di Israele che si lanciarono alla conquista, devastando tutte le risorse del nemico. La distruzione di queste città è confermata indirettamente dalla stele, che cita Bet-Bamot e Bézer come città in rovina e ricostruita da Mesa. La preoccupazione di fortificare Qarhot, con l’ordine di costruire cisterne o cisterne, dimostra che Mesa temeva giustamente un’invasione o un lungo assedio. Paragonati a ciò che fece Ezechia in una situazione simile (cfr. 2 Par 32,1-8) Una spedizione di dominicani assistette a un evento simile nel marzo 1895 (vedi Revue Biblique, 1896, 445). L’acqua ingannò i Moabiti che credevano che fosse sangue (una certa forma di miraggio) e allo stesso tempo sollevò gli spiriti di Israele che si lanciarono alla conquista, devastando tutte le risorse del nemico. La distruzione di queste città è confermata indirettamente dalla stele, che cita Bet-Bamot e Bézer come città in rovina e ricostruita da Mesa. La preoccupazione di fortificare Qarhot, con l’ordine di costruire cisterne o cisterne, dimostra che Mesa temeva giustamente un’invasione o un lungo assedio. Paragonati a ciò che fece Ezechia in una situazione simile (cfr. 2 Par 32,1-8) L’acqua ingannò i Moabiti che credevano che fosse sangue (una certa forma di miraggio) e allo stesso tempo sollevò gli spiriti di Israele che si lanciarono alla conquista, devastando tutte le risorse del nemico. La distruzione di queste città è confermata indirettamente dalla stele, che cita Bet-Bamot e Bézer come città in rovina e ricostruita da Mesa. La preoccupazione di fortificare Qarhot, con l’ordine di costruire cisterne o cisterne, dimostra che Mesa temeva giustamente un’invasione o un lungo assedio. Paragonati a ciò che fece Ezechia in una situazione simile (cfr. 2 Par 32,1-8) L’acqua ingannò i Moabiti che credevano che fosse sangue (una certa forma di miraggio) e allo stesso tempo sollevò gli spiriti di Israele che si lanciarono alla conquista, devastando tutte le risorse del nemico. La distruzione di queste città è confermata indirettamente dalla stele, che cita Bet-Bamot e Bézer come città in rovina e ricostruita da Mesa. La preoccupazione di fortificare Qarhot, con l’ordine di costruire cisterne o cisterne, dimostra che Mesa temeva giustamente un’invasione o un lungo assedio. Paragonati a ciò che fece Ezechia in una situazione simile (cfr. 2 Par 32,1-8) La preoccupazione di fortificare Qarhot, con l’ordine di costruire cisterne o cisterne, dimostra che Mesa temeva giustamente un’invasione o un lungo assedio. Paragonati a ciò che fece Ezechia in una situazione simile (cfr. 2 Par 32,1-8) La preoccupazione di fortificare Qarhot, con l’ordine di costruire cisterne o cisterne, dimostra che Mesa temeva giustamente un’invasione o un lungo assedio. Paragonati a ciò che fece Ezechia in una situazione simile (cfr. 2 Par 32,1-8)

La stele ignora l’infanticidio effettuato da Mesa (2 Re 3,27). La Bibbia, una volta dimostrato il potere di Eliseo, allude al ritiro dell’esercito, senza altro. Mesa proclama la sua vittoria. La ragione del ritiro potrebbe essere dovuta all’orrore causato dal crimine rituale del re moabita o, forse, migliore, alla notizia di un’incursione siriana che minacciava direttamente Samaria.

Re Mesa consolidò tutto questo territorio, che aggiunse a Moab e compì tutte le opere menzionate nella stele, molto probabilmente dopo la rivoluzione di Yehú, che pose fine alla dinastia Omrí e con predominanza israeliana in tutta questa zona. La scia di Mesa conferma i dati biblici, mentre illustra il pregiudizio che tutti i racconti storici hanno allegato.

Bibliografia

  • J. GUILLÉN TORRALBA Re di Moab e Estela de Mesa
  • CH. CLERMONT-GANNEAu, La stele de Mésa, roì de Moab, Parigi 1870.
  • M. 1. LAGRANGE, L’inscription de Mésa, «Revue Biblique» 10 (1901) 522-545.
  • R. Dussaud, Les monuments palestiniens et judaiques, Parigi 1912, 4-22.
  • 1. B. PRITCHARD, Ancient Near Eastern Texts relativo all’Antico Testamento, New York 1950, 320-322
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *