Statua del sovrintendente Ebi II



La statua del sovrintendente Ebih-Il , datata all’anno 2400 a. C. ed elaborato nel dinastico periodo arcaico della Mesopotamia , al momento della civiltà sumera , considerata la più antica civiltà della storia, che si diffuse attraverso il sud della Mesopotamia , nella zona compresa tra i fiumi Tigri ed Eufrate .

Trova

Il pezzo è stato trovato nel corso dell’anno 1934 in qualche guidato da archeologo francese scava André Parrot , nel tempio della dea Ishtar , la più antica del eretta sull’antica città sumera di Mari , che si trova ad ovest delle dell’Eufrate , a oggi Di ‘ad Hariri , ( Siria ), e che fu abitata dal quinto millennio a. C. e il suo stadio di maggiore splendore era tra il 2900 a. C. e 1759 a. C., quando fu licenziato da Hammurabi . Nella Bibbia , Abramo attraversò Mari nel suo viaggio da Ur a Haran .

Caratteristiche

  • Altezza: 52,5 centimetri.
  • Larghezza: 20,6 centimetri.
  • Diametro: 30 centimetri.
  • Materiale: gesso , lapislazzuli e conchiglie .
  • Sul retro della statua è una scritta che dice: “Statua di EBIH-II, il sovrintendente, dedicato a Ishtar virili”.

Simbologia

La statua rappresenta il sovrintendente di Mari, EBIH-Il , ed è un voto fatto a Ishtar , dea babilonese dell’amore e della guerra, la vita, il sesso, la fertilità, e patrona di altre questioni minori, noti anche con il nome di Inanna in Sumeria , Anahit nell’antica Armenia ( Urartu ), Astarte in Fenicia e nelle religioni abramitiche.

Conservazione

Il pezzo è esposto nel Museo del Louvre a Parigi .

Vedi anche

  • Mesopotamia
  • Sumeria
  • Ishtar
  • Mari
  • Siria
  • Arte mesopotamica
  • Periodo Dinastico Arcaico
  • Museo del Louvre
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *