Signora di Warka



La Lady of Warka , ” Lady of Uruk “, ” Mask of Warka “, anche colloquialmente chiamata ” The Sumerian monalisa “, è una scultura datata all’anno 3300 a. C. , è stato scolpito nel tempo della civiltà sumera , che è considerata la prima e più antica civiltà della storia, che si è diffusa nella Mesopotamia meridionale , nella zona dei fiumi Tigri ed Eufrate , (l’attuale Iraq ) concretamente formata parte del periodo Uruk , un periodo archeologico nella storia della Mesopotamia tra il 3800 a. C.e il 3200 a. C. , nell’ultimo millennio del Calcolitico

Trova e Storia

Il pezzo è considerato uno dei primi pezzi di storia in cui si riflette un volto femminile, e fu scoperto nel 1938 durante gli scavi effettuati dagli archeologi tedeschi, nel complesso di templi dedicati alla divinità sumera Inanna ; dea dell’amore e della fertilità, che fanno parte delle rovine dell’antica città di Uruk , situata vicino alla città di Samawa , 280 km SSE di Baghdadnella provincia irachena di Al Muthanna .

Caratteristiche

  • Forma: piastra altorilievo
  • Altezza: 20 centimetri
  • Materiale: calcare metamorfico di marmo e accessori in lapislazzuli , bitume , lastre d’oro .
  • Figura che si ritiene rappresenti la dea sumera Inanna .

Curiosità e conservazione

La Lady of Warka è stata una delle migliaia di oggetti che sono stati rubati dal National Museum of Iraq durante l’ invasione dell’Iraq nel 2003 , scomparendo il 9 aprile 2003 e restituito a settembre dello stesso anno da un cittadino iracheno che ne aveva avuto. sepolto nel cortile di casa sua

Vedi anche

  • Mesopotamia
  • Sumeria
  • Periodo Uruk
  • Uruk
  • Iraq
  • Arte mesopotamica
  • Museo Nazionale dell’Iraq

Riferimenti e bibliografia

  • Articolo del giornale messicano il secolo di torreón pubblicato il 23 settembre 2003
  • [1] Articolo del quotidiano spagnolo abc,] pubblicato il 23 settembre 2003 .
  • Asimov, Isaac (1986). «I Sumeri – La guerra». Il vicino Oriente . Madrid: Alleanza editoriale. ISBN 978-84-206-3745-7 .
  • Margueron, Jean-Claude (2002). «L’epoca del dinastico arcaico». Mesopotamia . Fuenlabrada: presidente. ISBN 84-376-1477-5 .
  • Leick, Gwendolyn (2002): «Uruk», in Mesopotamia: l’invenzione della città. Barcellona: Rubí, 2002. 84-493-1275-2
  • Van De Mieroop, Marc. Una storia del Vicino Oriente antico . Blackwell Publishing: Malden, 2005. ISBN 0-631-22552-8
  • Margueron, Jean-Claude (2002). Mesopotamia . Fuenlabrada: presidente. ISBN 84-376-1477-5 .

nella regione mesopotamica, scolpito in pietra arenaria (pietra bianca). Lavorato approssimativamente da ciò che vediamo come natura sperimentale. Sarebbe policromo con colori come la carne per la pelle e altri colori per diversi ornamenti e dettagli. C’è una grande mancanza di stasi, con occhi a mandorla senza palpebre, una rappresentazione geometrica. Il naso sarebbe l’asse simmetrico. Abbiamo trovato continuità nelle sopracciglia che rappresenterebbero le caratteristiche tipiche dell’area. Occhi diafani in cui vorrei evidenziare diverse pupille molto dilatate, con lo sguardo che è la parte fondamentale del lavoro.

Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *