Pittura antica dell’Asia



Dai caldei , dagli assiri e dai medo-persiani sono note le opere di dipingere le decorazioni di mattoni smaltati ( piastrelle ) e il rilievo e anche altri murales su stucco . In tutti loro, figure di persone, animali, fiori e palme sono tracciate con una tecnica simile alle sue sculture o rilievi. Notevoli tra i suddetti mattoni smaltati sono il Nimrud Palace (VII secolo aC) che è ora nel British Museum , il Sargon Palace a Kórsabad (VIII secolo aC) e il famoso Fregio di i leonifregio degli arcieri del palazzo di Susa (IV secolo aC), oggi nel Museo del Louvre . Gli assiri e i persiani si distinsero anche nella composizione dei mosaici per pavimentazione con opere geometriche e da lì la loro conoscenza fu importata in Europa e le loro ceramiche smaltate .

In India , le pareti di edifici importanti sono state decorate con affreschi dai colori vivaci raffiguranti varie scene di caccia e processioni in onore di Buddha e le statue o rilievi delle divinità sono stati animati con smalti e policromi. Solo le figure degli animali e quelle del Buddha sono trattate nell’antica India con una certa imitazione della natura di cui le rappresentazioni mitologichesono sfortunatamente private .

In Cina e in Giappone il dipinto è stato coltivato nello stesso periodo della scrittura geroglifica e dei tratti calligrafici, da diversi secoli prima dell’era cristiana. Verso l’inizio di questo hanno iniziato a dipingere le figure con una sensazione di realtà, anche se appaiono quasi sempre con un certo affetto di formula e razza. Gli artisti cinesi sono fissati nella sagoma del disegno e nella prospettiva lineare, con poca o nessuna preoccupazione per il chiaroscuro ed è caratteristico in essi rappresentare in un dipinto tutte le varianti di una scena, ripetendo le figure dei personaggi in azione. I suoi dipinti su porcellana sono molto famosi(forse dall’inizio della nostra era) con disegni tipici di foglie e altre strane figure. Il dipinto più antico in Giappone, tra i conosciuti, risale al settimo secolo dell’era cristiana.

Vedi anche

  • Scultura medo-persiana

Riferimenti

Il contenuto di questo articolo include materiale di Archeologia e Belle Arti , del 1922, di Francisco Naval e Ayerbe, che è di dominio pubblico.

Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *