pinax



All’interno della cultura della Grecia antica e della Magna Grecia un Pinax (in greco πίναξ ” tavolo “, al plurale Pinakes πίνακες) è una tavoletta votiva di legno verniciato, una tegola , in marmo o in bronzo , che è stato utilizzato come oggetto votivo depositato in un santuario , o come un oggetto commemorativo, fissandolo in una camera mortuaria . Nella vita di tutti i giorni, ananasPotrei anche indicare una tavoletta scritta ricoperta di cera. In un contesto cristiano , le icone (“immagini”) dipinte sono pigne . Nel teatro dell’Antica Grecia , erano immagini colorate, scolpite nella pietra o nel legno, o addirittura fatte di stoffa, che venivano appese come sfondo alle scene.

Il Pinakes marmo scolpito individualmente, mentre terracotta sono state fatte in stampi, e ottone potrebbe essere creato ripetutamente da un modello a cui prese una cera e resina, secondo la tecnica nota di stampaggio la cera persa . A Locri sono state recuperate migliaia di pinakes accuratamente sepolti, la maggior parte dei quali appartenuti ai santuari di Persefone o Afrodite .

L’architetto Vitruvio Roman menziona la presenza di pigne nella cellula dei templi e persino come possesso di persone. Queste collezioni erano chiamate pinakotheka , 2 che attualmente è il termine tedesco moderno per un museo d’arte , come l’ Alte Pinakothek di Monaco.

Callimaco , poeta e curatore della Biblioteca di Alessandria , fece una sorta di indice o “mappa pittorica” ​​dei contenuti della biblioteca, che chiamò Pinakes . 3

Le ananas sono una caratteristica delle collezioni classiche appartenenti ai più vasti musei.

Vedi anche

  • exvoto
  • Cebetis Tabula

Titoli di opere letterarie

  • Pinakes , uno dei primi cataloghi bibliografici, Callimachus of Cyrene, 3 ° secolo aC. C ..
  • Pinax theatri botanici , del botanico svizzero Gaspard Bauhin, 1623

Riferimenti

Note

  1. Torna al top↑ Dopo essere stato recuperato dagli archeologi, Pinakes legno utilizzato verniciatoperdere virtualmente ogni traccia di immagini dipinte. Anchele ananas in terracotta erano dipinte con colori vivaci.
  2. Torna su↑ Confrontare bibliotheka (biblioteca), che viene utilizzato per designare collezioni in diverse lingue europee moderne.
  3. Torna all’inizio↑ Christian Jacob, da Alessandria ad Alessandria: interfacce accademiche di una biblioteca universale , 2002.
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *