Periodo geometrico



Il periodo geometrico è uno stadio archeologico della Grecia avvenuto tra il 900 a. C. e 700 a. C. Prende il nome dallo stile decorativo della ceramica tra cui predominano i vasi senza fondo utilizzati nei rituali funerari. Allo stesso modo, le questioni relative alla morte sono comuni.

Struttura geografica

Si può dire che lo stile geometrico si estendeva attraverso la maggior parte del mondo greco, sebbene raggiungesse la sua massima qualità ad Atene . Tuttavia, le scuole regionali sono sviluppate con importanti peculiarità tra cui spiccano la scuola di Tebas , Beozia , Corinto e Argos .

Cronologia

Puzzle geometrico con coperchio a forma di cavallo.

La base utilizzata per l’elaborazione di una cronologia del periodo geometrico è l’evoluzione della ceramica, poiché è l’elemento che la maggior parte dei pezzi ci ha raggiunto. Può essere diviso in tre periodi:

  • Geometrico antico (900 aC- 800 aC )
  • Supporto geometrico (800 aC – 760 aC )
  • Tardo geometrico (760 aC – 700 aC )

Ancient Geometric

Il cambiamento più importante rispetto al periodo protogeometrico appare nella decorazione: la linea curva viene abbandonata a favore di linee rettilinee. La rappresentazione figurativa di animali e persone inizia nello stesso momento in cui la decorazione guadagna terreno nel contenitore ( horror vacui ). Lo sfondo nero verniciato è conservato.

Supporto geometrico

Appaiono due innovazioni tipologiche: da un lato rappresentazioni di cavalli come pomelli sulle copertine dei píxides . Sono cavalli con forme geometriche molto schematiche.

D’altra parte appare la forma jar , che non è documentata in precedenza.

La decorazione inizia a coprire l’intera superficie per mezzo di più fasce di motivi ripetuti (meandri, metope, zigzag, tasti, svastiche, dama e quadri)

Late Geometric

Particolare dell’anfora 804 del Pittore del Dípilon che mostra un defunto nel suo letto funerario circondato da plañideras.

Vengono prodotti grandi contenitori, a volte più di un metro e mezzo. In questa fase predomina lo sfondo chiaro, in contrasto con le epoche precedenti. La decorazione è presentata continuamente o sotto forma di metope separate da triglifi . Le rappresentazioni sono generalizzate, prima di animali e infine umane, sia scene isolate che compositive. Uccelli, cervidi, capridi e cavalli sono stati identificati, tutti in atteggiamenti stereotipati, quasi araldici e senza concessioni ai dettagli.

Il primo artista individualizzato in ceramica greca appare: il Pittore di Dípilon , il cui laboratorio gli deve 20 vasi funerari che appaiono nella necropoli di Dípilon o Ceramica ad Atene. Il suo stile è caratterizzato dall’uso del fregio continuo nella decorazione dei vasi, tra cui spicca l’anfora 804 del Museo Archeologico Nazionale di Atene . Il pittore di Hirschfeld è stato anche distinto , tecnicamente più avanzato del pittore del Dípilon, e le sue opere più famose sono il cratere del 990 del Museo Archeologico Nazionale di Atene e il cratere del Metropolitan Museum di New York .

Scultura

Vedi anche: Scultura dell’antica Grecia

Durante l’ epoca oscura la scultura scomparve quasi completamente , fatta eccezione per alcune statuette modellate in terracotta, tra cui spicca il centauro di Lefkandi .

Dall’VIII secolo a. C. compaiono piccole sculture geometriche in bronzo con tracce geometriche. Queste sono figure di animali, di solito cavalli o esseri umani provenienti da santuari in cui sono stati depositati come offerte votive . Questi quota di figure con decorazione ceramica sul corpo delle figure si riduce a ciò che è necessario, in fase di marcato articolazioni e muscoli esageratamente.

Molte delle figure rappresentano guerrieri vestiti con elmi e armi, la cui morfologia potrebbe indicare che sono dei o eroi. Uno dei gruppi più interessanti rappresenta la lotta tra un centauro e un eroe , forse Eracle e Neso , di Olimpia e datati alla metà dell’VIII secolo aC. C. Evidenziano anche diverse statuette d’avorio come la Signora del Dípilon .

Architettura

Dopo i secoli bui , in questo momento, a Creta, e alcune isole delle Cicladi , abbiamo trovato piccoli santuari che ricordano l’antica Megaron , sormontato una hall con Antas e tra di loro, potrebbero essere le colonne che anticipano il tempio classico in antis , come in santuario Apollo in Dreros ( c. 750 a. C. ). L’alloggiamento formerà tecnica quadrato o più ampia e costruzione, in alcuni casi avevano prese pietra a 1 m utilizzando principalmente il fango e pali di legno.

Sulla terraferma, continua a prevalere in forma di Megaron, anche se è noto anche dal Elladico Medio costruire case con abside , anche se tecnicamente molto povera. Solo alla fine del VII secolo a. C. inizierà a usare la pietra come base per le pareti. Il tetto, con rami a due acque.

L’evoluzione del megaron miceneo una costruzione più allungata e raggiungeranno prototipi portano tempie arcaici, è esemplificata nei primi santuari come Thermos ( Etolia ), dove dal IX secolo. C. modelli differenti sovrappongono, da absidal presentare cella e opistodomos circondate da columnata , precedente peristalsi , nell’ottavo secolo. C.

Altri edifici simili, trovati in questo periodo, furono rinvenuti a Lefkandi ed Eretria (entrambi in Eubea ). Anche del tempo sono stati il ​​riposo dei Templi di Hera a Samos , Argos e Olimpia .

Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *