Oinochoe



Oinochoe ( greca οἰνοχόη oinokhóē , gli antichi greci οἶνος oinos , ‘ vino ‘ e χέω Kheo , ‘versare’), oinócoe , oinochoe o Oinochoe è una brocca di vino usato per fare il vino da un cratere è stato Aguado -dove prima di servire. Esegue una funzione simile a Olpe ed è caratterizzata da un unico manico e una dimensione di 20 a 40 cm. L’altezza della Oinochoe è al periodo geometrico e diventa raro per le figure nere . Continue reading

Candelabros de Lebrija



Candelabros de Lebrija , risalgono alla fine del VII secolo a. C. , e sono una serie di sei candelabri del tempo di ibera , che furono usati dalla città del tartésico , nome con il quale i Greciconoscevano la prima civiltà dell’Occidente . Erede della cultura megalitica del sud-ovest iberica, è stato sviluppato presumibilmente nel triangolo formato dalle province di Huelva , Siviglia e Cadice , sulla costa sud-occidentale della penisola iberica, anche se quasi certamente è stato sviluppato in un laboratorio etrusca e potrebbe avere arrivato a Tartessos in alcuni scambi commerciali. Continue reading

Trascinato dalla Condomina

La arracada de la Condomina , un pezzo d’oro del VI secolo aC. C. , è un gioiello dell’oreficeria ibera orientalista . E ‘stato trovato nei pressi di Villena ( Alicante ) ed è uno dei più importanti pezzi del museo archeologico della città.

Esso è realizzato con tecniche di filigrana e granulato, presentando sferule capped, simili per forma e disposizione dei tubi orecchini Ebora . Continue reading

Portland Vessel

Il vaso di Portland è un contenitore romana a forma di vaso costruita agli inizi del primo secolo , che è servito come ispirazione per molti produttori di vetro e porcellana degli inizi del XVIII secolo in poi. Questo lavoro è esposto nel British Museum dal 1945 . Misura circa 25 centimetri di altezza e 17,7 di diametro. Era fatto in vetro blu viola con un cammeo di cristallo bianco che circonda l’intera nave e raffigurante scene con personaggi e divinità umane. 1 Continue reading

Tesoro di Berthouville

Berthouville tesoro è il nome storiografica di un tesoro scoperto da caso il 21 marzo 1830 da Prosper taurina, un contadino di città francese di Berthouville (Normandia). 1

Consiste di cento pezzi d’ argento , alcuni dei quali sono considerati capolavori di terapie romane. Molti di loro hanno iscrizioni votive perché un certo Quinto Domizio Tutus dedicato al dio Mercurio , ed è databile alla metà del primo secolo. C. Altri donatori sono chiamati Propertus Secundus, Lucia Lupula, Merio Caneto Epaticcus o Freedman Elio Eutico. Continue reading

Sarcofago Ludovisi

Sarcofago Ludovisi o Grande Ludovisi sono denominazioni museali e storiografiche del sarcofago romano 1 del III secolo , scolpite in marmo proconnesiano , che rappresenta una battaglia tra barbari e romani. Fu scoperto nel 1621 fuori dalla porta di San Lorenzo a Roma, la vecchia Porta Tiburtina , 2 e acquistato dal cardinale Ludovico Ludovisi , nipote di Papa Gregorio XV . Nel 1901 fu incorporato nel Museo Nazionale delle Terme e fa parte della Collezione Boncompagni Ludovisi conservata a Palazzo Altempsda Roma ; 3 mentre il coperchio del sarcofago è conservato nel Museo Romano-Germanico centrale a Magonza . Continue reading

Oscillum

Oscillum , plurale oscilla è una parola latino applicato a piccole figure, in particolare maschere, che sono stati appesi come offerte a diverse divinità, in connessione con feste e altre cerimonie. E ‘considerato un diminutivo della parola che si “faccia” e, quindi, avrebbe significato “faccia”. Come oscilla mosso dal vento, oscillare venne a significare “in movimento dal vento, la gamma”. Continue reading

Obelisco di Salustiano

Il Salustiano Obelisco o obelisco di Trinità dei Monti è un obelisco risalente al periodo romano , trasportati da Egitto ed eretta in cima alla scalinata della Piazza di Spagna , in fronte alla chiesa di Trinità dei Monti a Roma . Fa parte dei tredici Obelischi di Roma , misura 13,91 metri 1 e la sua altezza totale con la sua base è di 30,45 metri. Continue reading

Flaminio Obelisco

L’ obelisco Flaminio (così chiamato perché segna l’inizio della Via Flaminia ) o l’ obelisco di Piazza del Popolo fa parte dei tredici Obelischi di Roma ed è uno dei primi ad essere trasportati in città dall’Egitto . È scolpito in granito rosso di Aswan , misura 23,30 metri e pesa 235 tonnellate. Con la base e la croce raggiunge un’altezza totale di 36,50 metri. Continue reading

nimbo

Un nimbo (dal latino , nimbo , “nuvola nera” o “aura”) è la luminosità , come una corona, solitamente circolare , che appare dietro e intorno alla testa in un’immagine o in un’icona . Come un simbolo, non sottolineare la luce carattere spirituale o divina rappresentato.

Sebbene sia solitamente usato come sinonimo di alone , di solito viene posizionato sulla testa (un cerchio o un’ellisse allentato o spazzolato sulla testa) o la sua luminosità può coinvolgere l’intero corpo del personaggio. Continue reading

Mosaico romano

Quando i Romani stavano conquistando per tutto il II secolo a. Nelle regioni dell’Asia minore e della Grecia , il mosaico era già diffuso in tutto il mondo di lingua greca. L’arte del mosaico passò facilmente nel mondo romano, iniziando così un genere artistico-industriale, di cui fecero una vera specialità. Si diffuse in modo tale che si possa dire che non esisteva una casa o una villa romana dove non c’erano mosaici. I mosaici romani sono facili da scoprire per gli archeologi e finora il loro numero è molto alto, ma presentano una grande difficoltà di conservazione. Il posto ideale sembra essere nei musei dove la cura, la pulizia, la temperatura, l’umidità, ecc. sono a vostra disposizione, ma il problema è nello spazio che sarebbe necessario per immagazzinarli in modo meritevole. Continue reading

Missorium

Il Missorium è il termine latino usato comunemente dagli storici e dagli storici dell’arte del XX secolo per designare grandi piatti di piatti in argento o oro della tarda antichità . Tuttavia, come dimostratoAM Canto, 1 il vocabolario termine è preso in prestito dal greco indietro, minsórion , descrivendo alcune argenteria, ma il cui utilizzonon attestato in epoca romana, ma nel VI-VII secolo d. C. (vedi ad esempio messorium … una mensa nel glossario di Isidoro di Siviglia e la voce missorium, -ii nel Dizionario latino di Oxford), e più spesso in epoca bizantina. Il senso generale che è moderno data il termine (con la letteratura molto abbondante, soprattutto tedesco e inglese) è “piatto d’argento inviato o dato per conto dell’Imperatore”, anche se, come risulta, non è documentato nell’antichità, o in tempi imperiali, né per quella forma né per quell’uso. Continue reading

Lucerna (lampada)

lucernari o antiche lampade romane erano piccoli utensili, in pietra o in terracotta , utilizzati fin dalla preistoria, anche se si fosse gli antichi romani che hanno sfruttato la loro produzione di massa e l’uso diffuso di avere la luce artificiale. Sono stati nutriti con olio d’oliva e da uno a una dozzina di stoppini . Alcuni avevano maniglie, quindi potevano essere portati da una stanza all’altra, e potevano anche essere trasportati da attori nelle opere o da partecipanti a attività rituali. Continue reading

lacrimogeno

Il lacrimatorio (dal latino lacrima , “lacrima”) è un tipo di piccola nave o fiala di terracotta , alabastro o cristallo . Chiamato per tombe a essere prevalente nella romana e greca in ritardo, che viene erroneamente credevano nel mese di gennaio che lutto versato le sue lacrime. Hanno una forma affusolata, o una bottiglia con un collo lungo e piccolo e un corpo con una forma a bulbo. Potrebbero essere utilizzati anche per conservare unguenti, forse unguenti profumati o paste, presenti nelle cerimonie funebri, che spiegherebbero la scoperta di tanti di questi vasi nelle tombe. Pertanto, questo tipo di navi anche chiamato pomata (latino unguentarium ). Continue reading

Kline

Il Kline (la greca κλίνη, e plurale klinai ) è un antico tipo di arredo , una sorta di divano o un letto che è stato utilizzato dagli antichi greci e poi dagli Etruschi e Romani durante la loro simposi o il suo equivalente nella società romana, convivium .

Utilizzando tre klinai disposti intorno a un tavolo basso generalmente quadrata su tre lati, U – a forma, lasciando la stanza eliminato per consentire avvicina servi un formato tricliniari , dove i commensali, sdraiato sul fianco sinistro, goduto del cibo. Se si usano solo due klinai , si forma un biclinium . Continue reading

Imago clipeata

Imago clipeata (nel plurale immagina clipeatae ) è l’espressione latina , traducibile letteralmente come immagine – scudo , che designa i ritratti circoscritti in una cornice circolare, così chiamata a causa della loro somiglianza con gli scudi rotondi ( clipeus ). Il suo uso era il privilegio delle famiglie ricche.

Inizialmente, le immagini di maiorum erano maschere mortuarie modellate in cera sui volti del defunto, che venivano trasportate dai loro parenti più prossimi nella processione funebre. Nel corso del tempo, sono stati sostituiti da medaglioni . Continue reading

Fascinus

Il fascinus o fascinum , personificazione del fallo divino nella magia e religione dell’Antica Roma .
La parola può anche riferirsi alla divinità di Fascino ( Fascinus ), alle effigi e agli amuleti del fallo e degli incantesimi usati per invocare la sua protezione divina. 1 Plinio il Vecchio lo chiama un invidiae Medicus , un “dottore” o rimedio per invidia ( invidia ) o il malocchio . Continue reading

Diatreta

In Roma antica , è stato chiamato Diatreta per bere un bicchiere o bronzo o , più in generale, il vetro ornato di lavoro di soccorso o di niellate.

Si chiamava anche Diatreta per una tecnica di fabbricazione del vetro di lusso consistente nel coprire questo tipo di occhiali o occhiali con un altro strato dello stesso materiale realizzato in un altro colore con la forma di una rete. Continue reading

Warren Cup

La Warren Cup è un’antica nave d’argento risalente all’impero romano . E ‘solo da essere decorato con due rappresentazioni di omoerotica – due atti sessuali espliciti tra uomini – di grande qualità artistica. E ‘conosciuto con il nome del suo primo proprietario in epoca moderna, il collezionista e scrittore americano Edward Perry Warren , che ha comprato è da un rivenditore nella città di Gerusalemme, nel 1911 . Continue reading

Coppa Trivulzio

La Coppa Trivulzio è un diatreta di vetro risalente al IV secolo. C. , che è stato sviluppato da orafi del dell’Impero Romano ed è stato trovato per l’anno 1675 in Castellazzo Novarese una città e comune italiano della provincia di di Novara , nella regione del Piemonte . 1

Simbologia

Si tratta di una diatreta , vetro bronzato o la tazza o più in generale di vetro ornato con rilievi o niellate e in questo caso si è creduto che avrebbe potuto essere un dono. Continue reading

Coppa Licurgo

Il bicchiere di Lycurgus è una tazza di vetro in una gabbia di vetro romana del IV secolo realizzata con un vetro dicroico , che ha colori diversi a seconda che la luce passi o no. Il vetro assume una tonalità rubino quando il vetro è illuminato da dietro e verde se illuminato frontalmente. 1 È l’unico oggetto di vetro romano completo realizzato con questo tipo di vetro, 2 e quello con il cambiamento di colore più notevole; 3 è stato definito “il pezzo di vetro più spettacolare del periodo, con una decorazione abbondante, che è noto per essere esistito”. 4 Continue reading

Arethusa (rivista)

Arethusa è una rivista accademica fondata nel 1967 , copre l’area dell’arte e della cultura classica e si concentra su “prove letterarie e materiali” interdisciplinari, incorporando approcci moderni e analisi più tradizionaliste nello studio. 2 E ‘comuneuna copia di concentrarsi su analisi di un singolo argomento correlato al mondo classico; Uno di questi numeri, “The New Simonides”, ha ricevuto il premio “Best Single Journal” dall’Association of American Publishers nel 1996 . 3 I suoi redattori sono Marta Malamud e John Dugan dell’Università di Buffalo . 4La rivista prende il nome dalla mitica ninfa Aretusa e viene pubblicata tre volte l’anno a gennaio, maggio e settembre dalla Johns Hopkins University Press . Continue reading

Vyne Ring

L’ anello Vyne o anello Silviano è un anello d’ oro , probabilmente risalente al IV secolo , scoperto nel 1785 in un campo arato vicino a Silchester , nell’Hampshire ( Inghilterra , Regno Unito). Apparentemente era di proprietà di un britorromano chiamato Silviano, e fu rubato da un’altra persona chiamata Seneciano, sulla quale Silviano lanciò una maledizione . Continue reading

Arte dell’antica Roma

L’arte romana sono tutte quelle manifestazioni delle arti visive sviluppate nella città di Roma che sono state esportate in tutti i territori. Impero Romano . Le prime manifestazioni dell’arte romana sorsero sotto l’influenza dell’arte etrusca e furono infettate dall’arte greca ; i Romani conoscevano nelle colonie della Magna Grecia si trova nel sud Italia che hanno conquistato nel processo di unificazione territoriale della penisola, durante il IV e il III secolo. C. L’influenza greca aumenta quando, nel II secolo aC. C. , Roma occupa la Macedoniae la Grecia . Continue reading

Sigillo cilindrico

Nel Vicino (Vecchio) Oriente , un sigillo cilindrico era un cilindro inciso con motivi che rappresentavano gli dei o contenevano i simboli del potere. Servivano, quasi sempre, a stampare questi motivi su argilla, ma si trovano anche nelle tombe reali. Sono comparsi dal periodo di Uruk (4100 – 3300 aC). Versioni successive useranno notazioni con geroglifici mesopotamici

Il sigillo era di pietra, vetro o altri materiali, come l’ematite , ossidiana , steatite , ametista e corniola sono stati utilizzati per fare sigilli cilindrici, ma i lapis era molto popolare per la bellezza della pietra blu. Tombe e altri siti che contenevano oggetti di valore come oro, argento, perline e pietre preziose spesso includevano uno o due sigilli cilindrici. Continue reading

Pietre dure

Si chiama pietre dure ad una tecnica di arti decorative costituite intarsio per intarsi di marmi e semi – pietre preziose come giada , il quarzo , l’ agata , il diaspro , i lapislazzuli , il calcedonio , il granito , il porfido , ecc L’artigianato di pietre dure comunemente noto con il termine italiano dura pietra (o, nel il plurale, pietre dure ), come è stato in questo paese dove questa tecnica è iniziata nel Rinascimento. Con questa tecnica erano soliti creare francobolli, oggetti di ornamento personale o piccoli pezzi di decorazione. Continue reading

Opus sectile

Opus sectile è una tecnica artistica tipica del mosaico romano , di cui ci sono pochi esempi di arte medievale ( cosmatesco ) e recuperato in età moderna ( INTARSIO , pietra dura ). 1

Materiali di natura diversa ( madreperla , vetro ), ma di solito pietre di diversi colori, come marmo , tagliati in pezzi di bassissimo spessore, la cui forma è determinata dalla forma rappresentano , dal combinando con l’altra per occupare l’ intera spazio ( tassellazione ), sia con criteri geometrici ( abstract ) o figurativo . Diversamente opus tesselatum (tecnica usuale di mosaico ), le parti non sono piccole e omogenea, ma è relativamente grande e in modi molto diversi. 2Altre tecniche artistiche simili, ma con altri materiali e caratteristiche, sono l’ intarsio e il damasco . Continue reading

Miniature Olmec

Le miniature di Olmec sono una serie di piccole figure archetipe prodotte dagli abitanti della Mesoamerica durante il Periodo Preclassico . Mentre è possibile che molte di queste figure può o non sono state prodotte dalle popolazioni del cuore olmeca , possiedono le caratteristiche e le motivazioni cultura Olmeca . Mentre il controllo esercitato dagli Olmechi sulle aree al di là del suo territorio di base è sconosciuta, figure preclassico con motivi Olmechi erano diffuse tra i 1000 secoli al 500 aC, che indica una coerenza di stile e il tema lungo quasi tutto il Mesoamerica. Continue reading

Magatama

Il Magatama ( 勾 玉 o 曲 玉 ) sono perle emerse in Giappone durante l’ era Jōmon .

Questi oggetti possono essere trovati generalmente sepolti in tumuli mortuari come offerte alle divinità. Continuano la loro popolarità con l’avvento delle élite governative dell’era Kofun in Giappone e sono solitamente indicati come indicativi della dinastia Yamato . Sono composti principalmente da giada ( 翡翠 ), agata ( 瑪瑙 ), quarzo ( 石英 ), talco ( 滑石 ) e diaspro ( 碧玉 ). 1 Continue reading

Lapidario (professione)

Si chiama lapidario alla persona che ha il mestiere di intagliare pietre preziose.

Gli strumenti utilizzati dal lapidario sono:

    • Verricello , composto da due ruote che devono eseguire lo sfregamento.
    • Quadrante , per contenere la pietra mentre è scolpita e lucidata.
    • Bastone di cemento , con il cui aiuto è fissato con stucco o stagno .
    • La polvere , che si trova tra le due ruote con la pietra, lo spende un po ‘alla volta e gli dà forma. Quando si tratta di diamanti , questa polvere è anche diamante, imbevuto di olio d’oliva. Per le altre pietre, sono stati usati tripoli o stagno.

Continue reading

Adolf Furtwängler

Adolf Furtwängler ( Freiburg , 30 giugno del 1853 – Atene , ottobre di ottobre del 1907 ) è stato un famoso archeologo e storico dell’arte tedesco .

Sposò Adelheid Wendt, era il padre di direttore e compositore Wilhelm Furtwängler , matematico Philipp Furtwängler , alpinista Walter e Furtwängler Marit Furtwangler (1891-1971), sposata con il filosofo Max Scheler . Egli è il nonno della archeologo tedesco Andreas Furtwängler . Continue reading

Stele maya

La Maya stele è una sorta di monumento della cultura della Mesoamerica vecchio. Consisteva in un’alta pietra scolpita ed era spesso associata a pietre circolari basse che ora vengono chiamate altari. 1 La preparazione di questi monumenti sparsi in tutta la regione Maya durante il periodo classico (250 -. 900 dC), 1 e considerato che queste coppie stele Altare sono un segno distintivo della civiltà Maya che periodo. 2 La tradizione scultorea che ha generato la stele è emersa in una forma completamente sviluppata ed è probabile che abbia uno sfondo di legno intagliato. 3La stele più antica che fu trovata nella sua posizione originaria nelle pianure Maya fu scavata nella grande città di Tikal in Guatemala . 4 Durante il periodo classico quasi tutti i regni Maya nelle pianure meridionali eressero stele nel suo centro cerimoniale. 5 Continue reading

Teschio di cristallo

teschi di cristallo sono un paio di teschi scolpiti in quarzo trasparente o latteo, noto nella storia dell’arte come “cristallo di rocca”, il cui scopritori affermano che le ipotesi sono artefatti mesoamericanos Columbian; tuttavia, nessuno degli esemplari resi disponibili per lo studio scientifico è stato autenticato come pre-colombiano. I risultati di questi studi hanno dimostrato che i teschi di cristallo esaminati sono stati prodotti in metà del XIX secolo o poi, quasi certamente in Europa, durante un periodo in cui c’era molto interesse per l’antica pre – culture colombiane. 2Nonostante alcune affermazioni presentate in diverse pubblicazioni di divulgazione, le leggende su teschi di cristallo con poteri mistici non comprendono la mitologia e il mondo spirituale dei nativi mesoamericani o di altri amerindi . 3 Continue reading

Cong (giada)

Il cong (in cinese: 琮) è un antico artefatto di giada cinese , il primo cong è stato prodotto dalla cultura Liangzhu (3400-2250 aC). Gli esempi successivi risalgono principalmente alle dinastie Shang e Zhou .

Per quanto riguarda la forma, un cong è un tubo con una sezione interna circolare e una sezione esterna quadrata. La superficie esterna è divisa verticalmente o orizzontalmente in modo tale che l’assieme definisca un cilindro cavo incorporato in un blocco rettangolare. Le proporzioni variano: una cong può avere un rapporto di snellezza bassa o essere più alta della larghezza. Le facce esterne sono talvolta decorate con facce simili a maschere, che possono essere collegate ai disegni di taotie trovati nelle successive navi di bronzo. Continue reading

Giada cinese

La giada cinese è tutta quella giada estratta o scolpita in Cina dal Neolitico . È la pietra dura utilizzata in Cina per eccellenza per scolpire sculture. Sebbene in Europa sia conosciuta soprattutto la giadeite verde brillante, in tutta la storia della Cina, la giada è stata presentata in una grande varietà di colori e la nefrite bianca “grasso di agnello” è stata il tipo di giada più apprezzato . Le cave di Henan e lungo il fiume Yangtze sono state sfruttate fin dalla preistoria e sono quasi esaurite; All’inizio del 21 ° secolo gran parte della giada viene estratta dalla provincia dello Xinjiang nel nord-ovest. Continue reading

Casa Fabergé

La House of Fabergé , ( pronuncia francese: / fabɛʁʒe / ) (in russo: Дом Фаберже) è un gioiello , fondata nel 1842 a San Pietroburgo , in Russia Imperiale , da Gustav Fabergé, utilizzando il nome sottolineato “Fabergé”. Gustav succedette il figlio Peter Carl Fabergé, fino a quando la società è stata nazionalizzata dai bolscevichi nel 1918. L’azienda è famosa per la progettazione di elaborati uova incrostati di gioielli agli zar russi, e un certo numero di altri alta – lavoro di qualità e dettagli intricato. Nel 1924, il figlio di Peter Carl chiamato Alexander con il fratellastro Eugène fondò la società Fabergé et Cie a Parigi, dedicato alla produzione di articoli simili di gioielleria, ma aggiungendo il nome della città al marchio della sua concorrenza, lasciando il nome “FABERGÉ, PARIGI”. Nel 1937, il marchio “Fabergé” è stata venduta e poi rivenduto nel 1964 per l’azienda cosmetica Rayette Inc., che ha cambiato il suo nome a Rayette – Faberge Inc. Come il nome è stata rivenduta più volte, società di Fabergé ( come la Fabergé Inc.) hanno lanciato linee di abbigliamento, la colonia Brut (che divenne la colonia più venduta dell’epoca), il profumo Babe, i prodotti per capelli e persino la produzione cinematografica. Continue reading

cammeo

Si chiama cameo a tutto il rilievo ottenuto in pietra preziosa, generalmente, di vario colore e con figure delicate. Per i cammei, le pietre utilizzate erano le agate e ancor più le varietà sardoniche e di onice , sfruttando la distinzione dei colori offerti dalle acque o dagli strati di tali pietre, in modo da lucidare e debellare convenientemente il primo strato, il secondo strato era lasciato per il fondo e fu il primo con i rilievi della figura. 1 Ma ora e nei secoli passati queste pietre sono imitate e falsificate con vetro e smalto, saldando un rilievo di pietra o vetro con un’altra pietra di un colore diverso. Continue reading

Capra che passa in rassegna un boschetto

La capra che cerca un cespuglio o un ram dei cespugli è una figura appartenente a una coppia che è stata scavata a Ur , nel sud dell’Iraq , e risalente al 2600 – 2400 aC circa. C. . E ‘esposto nella Galleria della Mesopotamia del British Museum di Londra , mentre la figura compagno è nel Museo della University of Pennsylvania a Filadelfia . Continue reading

Bi (giada)

La Bi è un artefatto di giada proveniente dall’antica Cina. I primi Bi furono prodotti nel periodo Neolitico , in particolare dalla cultura Liangzhu (3400-2250 aC). Gli ultimi esemplari risalgono principalmente alle dinastie Shang , Zhou e Han .

Bi è un disco piatto con un foro circolare al centro (immagine a destra). La Bi del Neolitico non ha decorazioni, mentre quelle di epoche successive della Cina, come quelle della dinastia Zhou, hanno incisioni sempre più elaborate sulla superficie. Continue reading

Arte fatimida

L’ arte fatimide designa la produzione artistica avvenuta sotto la dinastia dei Fatima , che regnò in Ifriqiya e successivamente in Egitto tra il 909 e il 1171 .

Regnante al Cairo dal 969, la dinastia dei Fatimidi è una delle poche dinastie sciite nel mondo islamico e l’unica i cui membri portano il titolo di califfo . Contro gli Abbasidi , che regnò in Iraq, diede origine a un’importante produzione artistica, favorita dalla competizione tra le due dinastie. Continue reading

Pátera ibera di Perotito

L’Ibera patera Perotito è una patera di argento prodotta dai iberici , risalente agli anni 1000 a. C. – 1 a. C. , la cui scoperta è stata fatta in una fattoria noto come Perotito, situato a Santisteban del Puerto , comune spagnolo della provincia di Jaen , in Andalusia , situato nella regione di Condado . Il pezzo è esposto permanentemente nel Museo Archeologico Nazionale di Madrid , con l’inventario numero 1917/39/1. 1 Continue reading

Patera di Titulcia

La Patera di Titulcia , popolarmente chiamato Medusa Titulcia è una patera di argento e di oro , il tipo di phiale mesomphalos (o umbilicata patera in latino), risalente al IV secolo e il III secolo. C., ed è stato sviluppato dai Carpetanos, una comunità che ha vissuto nella zona centrale della penisola iberica , soprattutto nel corso superiore del fiume Tago e raggiungere il bacino superiore del fiume Guadiana , nel territorio che comprende parte del attuali province spagnole di Guadalajara , Toledo , Madrid eCiudad Real . 2 Continue reading

Pátera de Parabiago

La Patera di Parabiago è una patera di argento risalente alla metà del IV secolo. C. , che fu elaborato dagli orafi dell’impero romano durante il mandato di Flavio Claudio Juliano . E ‘stato trovato nel corso dell’anno 1907 in Parabiago una città e comune italiano della provincia di di Milano , nella regione della Lombardia . 1 Continue reading

Patera di Otañes

La Patera Otañes è una patera di argento e oro , di cronolog’ia incerta (tra Secolo I d. C e il IV secolo. C. ), che è stato sviluppato da orafi dell’Impero Romano . E ‘stato trovato accanto ad altri pezzi d’argento da Don Antonio Maria de Otañes , tra il 1798 e il 1800 attorno alle rovine di Castle Peak, che si trova in Otañes , una città nel comune di Castro Urdiales ( Cantabria , Spagna ). 1 Continue reading

Patera di Minerva

La Patera Minerva è una patera di argento dorato, risalente al primo secolo d. C., che è stato elaborato dagli orafi dell’impero romano ; fu trovato il 17 ottobre 1868 nella città di Hildesheim , una città situata nella parte meridionale dello stato federale della Bassa Sassonia ( Germania ), insieme a 60 oggetti d’oro che fanno parte del cosiddetto Tesoro di Hildesheim . 1

Simbologia

Si tratta di una piccola barca, piatto piano che è stato utilizzato nelle cerimonie e riti dell’antichità religiosi, come libagioni , iconografico e elementi ellenistici insieme. Si ritiene che Patera e il resto del tesoro faceva parte stoviglie di un comandante romano, probabilmente Publio Quintilio Varo . Continue reading

patera

Patera è chiamata un piatto di piccolo fondo che veniva usato nelle cerimonie e nei riti religiosi dell’antichità .

I Fenici , anche se gli artisti più industriali e commerciali, coltivate gioielli, monili d’imitazione e broncería in stile agli altri popoli della Est con i quali essi erano collegati e combinando i disegni di ogni altro. C’è un piatto d’argento con rilievi assiro-egiziani disposti in aree, trovati a Curium ( Cipro ) e un altro simile, scoperto ad Amatonte (della stessa isola) oltre a vari amuleti d’oro, argento e bronzo. Continue reading

Pettine d’oro di Scythian

Il pettine d’oro è un oggetto che è stato datato tra 430 e 390. C. , ed è stato sviluppato dal popolo scita cultura indo – europee steppe a nord del Mar Caspio , originari nel bacino del fiume Volga o in Asia centrale, che si muoveva per l’Europa da est a 700. C. , la cui lingua, antica osseto o alánico , apparteneva ai lingue iraniche (come persiano o curdo ). Continue reading

Arte scitica

L’ arte scita o arte delle steppe è l’ arte coltivato dagli Sciti , che era principalmente composta di oggetti decorativi come gioielli , decorazione di armi e attrezzature di cavalieri o cavalli sartiame. Questa arte è stato prodotto da tribali nomadi della zona tradizionalmente nota come Scizia , che si trovava nella steppa del Ponto che si estendeva dal Kazakistan presenti alla costa baltica della presente la Polonia e la Georgia. Quest’arte, noto anche come l’arte delle steppe è stato prodotto in un periodo che va dal VII secolo – III. C. fino a quando gli Sciti non furono gradualmente spostati dai Sarmati in un lungo processo che durò dal IV secolo fino al II secolo aC. C. Continue reading

Tappeto Pazyryk

Il tappeto Pazyryk è uno dei tappeti più antichi al mondo che sono ancora conservati. Di solito è datato nel 5 ° secolo aC. C. , ed è stato scoperto nel 1949 dall’archeologo sovietico Sergey Rudenko nella tomba di un principe scita situato nella valle di Pazyryk , situato nel massiccio dell’Altaj della Siberia .

Le sue dimensioni sono 200 × 183 cm e ha 3600 nodi per dm². Attualmente è conservato nel Museo dell’Ermitage a San Pietroburgo , in Russia . Continue reading

Enmetena Silver Glass

L’ Enmetena Silver Glass , risale all’anno 2400 a. C. , ed è stato elaborato al tempo della civiltà sumera , considerata la prima e più antica civiltà della storia, estesa dal sud della Mesopotamia, nella zona dei fiumi Tigri ed Eufrate (attuale Iraq )

Trova

Il pezzo è stato trovato nell’antica città sumera di Girsu , ora Tel Telloh , nella provincia di Dhi Qar , in Iraq . Continue reading

Rod e hoop

La verga e il cerchio o la verga e l’anello è un simbolo rappresentato in Mesopotamia in stele , foche cilindriche o rilievi . Di solito è trasportato da un dio o una dea e nella maggior parte dei casi viene offerto a un re che sta in piedi, spesso facendo un sacrificio o mostrando rispetto. Il simbolo può essere trovato dal Rinascimento sumerico al periodo neo-assiro , e la teoria più comunemente accettata indica che si tratta di un metro e una corda avvolta in un anello. 1 Altre teorie indicano ail bastone da pastore e una corda per tenere il naso di un animale, 2 e altri, che in nessun caso è una corda a forma di canestro. 3 Continue reading

Pazuzu

Pazuzu è il re dei demoni del vento, figlio del dio Hanbi nella mitologia sumera , assira e accadica . Per i Sumeri, rappresentava anche il vento di sud-ovest, che causava le tempeste, e anche il portatore di peste e pestilenze, delirio e febbre.

Descrizione

Di solito è raffigurato come un corpo di uomo, testa di leone o testa di cane, corna di capra sulla fronte, artigli di uccello al posto dei piedi, due paia di ali d’aquila, coda di scorpione e pene a forma di serpente . Di solito è anche mostrato con il palmo della mano destra in alto e il palmo sinistro in basso. Questa posizione delle mani simboleggia vita e morte, o creazione e distruzione. 1 Continue reading

Preghiera di Gudea

L’ Orante Gudea è una scultura datato tra il 2550 e il 2520 a. C. E ‘stato sviluppato nel dinastico periodo arcaico della Mesopotamia , al momento della civiltà sumera , considerata la prima e più antica civiltà della storia, che si diffuse attraverso la Mesopotamia meridionale, nei fiumi Tigri ed Eufrate . La statuetta indossa solo kaunakes e aveva gli occhi di lapislazzuli Continue reading

Obelisco nero

L’ obelisco nero di Salmanasar III è un monumento che risale all’anno 827 a. C. ed è stato eretto al tempo dell’impero assiro , che si diffuse attraverso la Mesopotamia nella zona dei fiumi Tigri ed Eufrate .

Trova e cronologia

La scultura è stata scoperta nel 1846 dall’archeologo Austen Henry Layard in Nimrud o Kalhu , antica capitale assira, situata lungo il fiume Tigri , circa 30 km a sud est di Mosulin oggi s’ Iraq e fu eretta come un monumento pubblico, in tempi di la guerra civile, e le sue rilievi i successi elencati dal re Shalmaneser III , figlio e successore di Ashur-Nasir-pal II che governò l’Assiria da 858 a. C. e 824 a. C.e il suo comandante, trentuno, che riflette le tasse ricevute da altri regni conquistati dagli Assiri: cammelli, scimmie, elefanti e rinoceronti , metalli, legno, avorio e cinque scene si sviluppa su ogni lato del dell’obelisco (totale 20 caselle), essi narrati uno script con caratteri cuneiformi in preghiera. Continue reading

Maschera Sargon

La maschera di Sargon risale al 2250. C. ed è stato sviluppato durante il regno del l’ impero accadico , un grande regno di Mesopotamia formate dalle conquiste di Sargon di Akkad 2334 a. C. – 2279 a. C. e che ha mantenuto la sua egemonia durante 140 anni tra i secoli XXIV e XXIII a. C. in cui c’erano cinque monarchi: Sargon stesso, i suoi figli Rimush e Manishutusu , suo nipote Naram-Sin e suo figlio, Sharkalisharri . I domini dell’impero accadicosi diffusero in tutto il bacino della Mesopotamia, Elam , Siria e, secondo le iscrizioni, anche oltre, in Libano e nella costa mediterranea . Continue reading

Musica della Mesopotamia

La musica della Mesopotamia era un’espressione storiografica per riferirsi alla storia della musica 1 dell’antica civiltà mesopotamica . Per la produzione musicale contemporanea della regione, viene utilizzata musica dall’Iraq o, in generale, musica araba .

L’area tra i fiumi Tigri ed Eufrate (in greco “Mesopotamia”) è stata un territorio di grande ricchezza e diversità culturale sin dal Neolitico. Ognuna delle civiltà che hanno avuto presenza là ha lasciato i loro motivi culturali e le loro influenze musicali. Nel 4000 a. C. furono fondati i sumeri , poi gli akkadiani o babilonesi , gli assiri e anche gli ittiti , case , elamiti e persiani fino all’entrata di Alessandro Magno in Babilonia nel 500 d.C. Continue reading

Letteratura assira-babilonese

La letteratura accadica 5 è uno dei più antichi nel mondo. Sulla base delle tradizioni della letteratura sumera , i Babilonesi compilarono una vasta tradizione testuale di narrativa mitologica , testi giuridici, lavori scientifici, lettere e altre forme letterarie. Dato il suo status di società di scribi , Babilonia conferì un grande prestigio alle sue grandi opere letterarie e alla pratica della filologia

Letteratura nella società Asiro-Babilonese

Molto di ciò che si sa dei Babilonesi era inciso in caratteri cuneiformi con un ago di metallo su tavolette di argilla chiamate coctiles di Laterculae di Plinio il Vecchio ; il papiro sembra essere stato anche usato, ma non è stato conservato. Continue reading

Ur Lire

lyres di Ur , chiamati anche arpe di Ur , sono considerati gli strumenti a corde più antichi. Risalgono all’anno 2400 a. C. e sono stati sviluppati in tempi di civiltà sumera , che è considerato il primo e più antico della civiltà della storia, che si diffuse attraverso il sud della Mesopotamia , nei fiumi Tigri ed Eufrate , (oggi Iraq ) formano specificamente parte del Periodo Dinastico Arcaico , un periodo archeologico della storia della Mesopotamia tra l’anno 3000 a. C. e il2334 a. C. Continue reading

Leone che cammina

The Walking Lion è uno dei tesori esposti al Royal Ontario Museum (ROM), a Toronto. È un rilievo murale di un leone ambulante fatto di mattoni policromi smaltati. Viene da Babilonia , l’Iraq , ed è datata al tempo di Nabucodonosor II (605-562 aC il re del neo – impero babilonese . E ‘ è uno dei tanti di tali rilievi che ornavano le pareti dell’ingresso cerimoniale del palazzo nel mese di gennaio e molto simile a quelli che si sono allineati lungo il percorso della processione dalla porta Istar al tempio Marduk. Continue reading

Lente Nimrud

Il ” Lens Nimrud ” è un pezzo di cristallo di rocca 3.000 anni che è stata scolpita durante il regno di l’ impero assiro , che si estendeva dalla Mesopotamia nei fiumi Tigri ed Eufrate .

Trova

La scultura è stata scoperta nel 1850 dall’archeologo Austen Henry Layard in Nimrud o Kalkhu antica capitale assira, situata lungo il fiume Tigri , circa 30 km a sud est di Mosulin oggi s’ Iraq , nel nord-ovest del palazzo dell’imperatore assiro Assurnasirpal II . Continue reading

Lancia sumera di Lugal

La Lancia di Lugal , è una lancia di bronzo, risalente al 2600. C. , al momento della civiltà sumera , che è considerato il primo e più antico della civiltà nella storia, e che si diffuse attraverso il sud della Mesopotamia , nei fiumi Tigri ed Eufrate , (oggi Iraq ) specificamente questo pezzo Fa parte del periodo dinastico arcaico , un periodo archeologica della storia della Mesopotamia tra il 3000 a. C. e 2334 a. C. Continue reading

Lamasu del palazzo di Ashurnasirpal II

Il ” Lamasu il Palazzo di Assurnasirpal II ” è una datazione scultura da 883 a. C. ed è stato scolpito durante il regno di l’ impero assiro , che si estendeva dalla Mesopotamia nei fiumi Tigri ed Eufrate .

Trova e Storia

La scultura è stata scoperta nel 1845 dall’archeologo Austen Henry Layard in Nimrud o Kalkhu antica capitale assira, situata lungo il fiume Tigri , circa 30 km a sud est di Mosul in oggi s’ dell’Iraq , e con un altro lamasu classificato come guardiani della la porta di accesso alla sala del trono nel palazzo del assiro dell’imperatore nord-ovest Assurnasirpal II . Continue reading

La regina della notte (rilievo)

L’ altorilievo , The Queen of the Night , chiamato anche ” Relief Burney “, datato tra gli anni 1800-1750 a. C. , fu scolpito al tempo dell’impero paleo-babilonese , sotto il regno di Hammurabi , che si diffuse attraverso la Mesopotamia nell’area dei fiumi Tigri ed Eufrate , l’attuale Iraq . Continue reading

Gudea con il vetro che scorre

Gudea con il vetro che scorre è una scultura del XXII secolo a. C. (Mesopotamia), che rappresenta il governatore Gudea . È detenuto dal Museo del Louvre (a Parigi ) con il codice AO 22126.

Descrizione

La scultura rappresenta Gudea , che era patesi (“governatore”) della regione del Lagash tra il 2144 e il 2124 a. C. 4 Continue reading

Stele di Zakkur

La Stele di Zakkur (o Zakir ) è una stele eretta da Zaccur king di Amat e Luhuti (o Lu’aš), città della regione Nuhasse (attuale territorio della Siria), che regnò intorno 785 a. In esso, questo re rende omaggio a due antiche divinità semitiche per la vittoria vinta contro una coalizione di regni vicini.

Scoperta

La stele è stata scoperta nel 1903 dall’archeologo e diplomatico francese Henri Pognon nel villaggio di AFIS Tell (come indicato nella scia Hazrach ) 1 45 km a sud est di Aleppo , nel territorio dell’antico regno di Hamath ; 2 essendo la scoperta pubblicata nel 1907. 3 Continue reading

Wake of Naram-Sin

La stele di Naram-Sin o Vittoria stele costruito in Sippar approssimativamente nel 2.250 a. C. , 2 in occasione della vittoria del re Naram-Sin , figlio di Sargon di Acad sulla tribù Lullubi di Zagros . 3

In esso si può vedere un paesaggio montuoso, con alberi, dove si sviluppa una scena in cui prevale la figura del re Naram-Sin, più grande dei suoi sudditi e nemici e coronata da un elmo con due corna, tipico degli dei. Il re vittorioso schiaccia i cadaveri dei suoi nemici con il piede, mentre uccide altri due e alcuni cadono. I soldati accadici di un livello inferiore alzano la testa in segno di ammirazione e rispetto per il loro sovrano. Continue reading

Stele degli avvoltoi

La Stele of the Vultures è una serie di incisioni che commemorano la vittoria del re Eannatum di Lagash su Umma , alla fine del periodo arcaico della dinastia . La sua creazione si trova intorno al 2450 a. C.

Dopo un primo conflitto tra loro che sarebbe stato risolto attraverso l’arbitrato del re di Kish , Meslim , anni dopo un nuovo re di Umma, Akurgal , che si sarebbe distinto nella costruzione di templi e canali, avrebbe ripreso la guerra. Quindi, secondo il racconto nella stele, il figlio del re di Lagash, Eannatum, sconfisse il re di Umma, che avrebbe posto Lagash in una posizione egemonica in Sumer . Continue reading

Statue di Gudea

Sono state trovate ventisette statue di Gudea , un sovrano ( ensi ) dello stato di Lagash nel sud della Mesopotamia . Gudea governò tra h. 2144 – 2124 a. C. e le statue dimostrano un livello di abilità molto sofisticato per il loro tempo. Le statue conosciute sono state classificate “A-AA” dagli archeologi.

Provenienza

Le statue AK sono state trovate durante gli scavi di Ernest de Sarzec nel cortile del palazzo di Adad-nadin-ahhe a Telloh (precedentemente Ngirsu). Le statue MQ provengono da scavi clandestini a Telloh nel 1924; il resto proviene dal commercio d’arte, con provenienze sconosciute e, a volte, autenticità dubbia. Non c’è una ragionevole certezza che le figure L e R rappresentino Gudea . Continue reading

Statua seduta del principe Gudea

La statua sedentaria del principe Gudea , risale al 2120 aC e fu sviluppata durante il Rinascimento sumero in Mesopotamia , considerata la prima e più antica civiltà della storia, che si diffuse nella Mesopotamia meridionale, nell’area dei fiumi Tigri e Eufrate .

Trova

Il primo Ernest de Sarzec (1832-1901), console francese nella città irachena di Bassora, trovò il capo, nell’anno 1877 , e il resto del corpo fu trovato dal capitano G. Cros nell’anno 1903 . Entrambe le parti sono state dissotterrate dalle rovine del tempio di E-ninnu o House of the 50 , situato a Ngirsu , antica città sumera , situata a circa 25 chilometri a nord-ovest di Lagash , attuale Tel Telloh , nel governatorato di Di Car , Iraq . Continue reading

Statua del sovrintendente Ebi II

La statua del sovrintendente Ebih-Il , datata all’anno 2400 a. C. ed elaborato nel dinastico periodo arcaico della Mesopotamia , al momento della civiltà sumera , considerata la più antica civiltà della storia, che si diffuse attraverso il sud della Mesopotamia , nella zona compresa tra i fiumi Tigri ed Eufrate . Continue reading

Statua della dea Narundi

La statua della dea Narundi , è una datazione scultura dal 2100 aC , durante il regno di Elam , تمدن عیلام in Farsi , situata ad est di Sumer e di Akkad , oggi s’ del sud-ovest dell’Iran . Gli Elamiti chiamavano il loro paese Haltamti (a fine Elamita, Atamti ), che i suoi vicini Accadi adattati come Elam . L’alta Elam fu poi più identificato dal suo basso capitale Susa , e geografi successive Tolomeo chiamato esso Susiana . nome ElamL’antico persiano era Hujiyā , che sopravvive nel nome della provincia Khuzestān ( Juzestán ). Juzestān insieme a Fars contengono i resti dell’antico Elam . Continue reading

Statua di Bassetki

La Statua Bassetki è un manufatto archeologico risalente al periodo della dell’Impero accadico che fiorì in Mesopotamia tra il 2350-2100 aC 1 ed è stata trovata nel 1960 vicino alla città di Bassetki in provincia di Duhok , il nord dell’Iraq . La statua, in fusione di rame puro , pesa circa 150 kg e mostra una figura umana nuda seduta su un piedistallo rotondo. Solo la parte inferiore della figura ci ha raggiunto. Il piedistallo contiene un’iscrizione in lingua accadicaindicando che una volta la statua era situata all’ingresso di un palazzo del re accadico Naram-Sin . La statua è stata rubata dal Museo Nazionale dell’Iraq durante l’ invasione dell’Iraq del 2003, ma è stata successivamente ritrovata e restituita al museo. Continue reading

Banner di Ur

Lo standard di Ur è un’opera d’arte risalente al tempo dei Sumeri , verso il XXVI secolo a. C. (Periodo archeologico III) elaborato con la tecnica dell’intarsio , arte tipica di Sumer e Acad costituita da pietre da incasso e altri materiali distribuiti in fasce successive in mobili, strumenti e altri oggetti, compresi gli edifici.

E ‘stato trovato dalla archeologa inglese Leonard Woolley nei primi anni 1920 uno negli scavi di quella che fu la Necropoli reale dell’antica città di Ur , che si trova a sud della corrente Baghdad ( Iraq ), e più specificamente sulle spalle di un uomo, in un angolo della tomba della regina Shubad (o regina Pu-abi). Continue reading

Signora di Warka

La Lady of Warka , ” Lady of Uruk “, ” Mask of Warka “, anche colloquialmente chiamata ” The Sumerian monalisa “, è una scultura datata all’anno 3300 a. C. , è stato scolpito nel tempo della civiltà sumera , che è considerata la prima e più antica civiltà della storia, che si è diffusa nella Mesopotamia meridionale , nella zona dei fiumi Tigri ed Eufrate , (l’attuale Iraq ) concretamente formata parte del periodo Uruk , un periodo archeologico nella storia della Mesopotamia tra il 3800 a. C.e il 3200 a. C. , nell’ultimo millennio del Calcolitico Continue reading

Codice di Hammurabi

Il Codice di Hammurabi è uno dei più antichi gruppi di leggi che sono stati trovati e uno degli esempi meglio conservati di questo tipo di documento creato nell’antica Mesopotamia. Si basa sull’applicazione della legge di Talion , 2 ed è anche uno dei primi esempi del principio di presunzione di innocenza , poiché suggerisce che l’accusato o l’accusatore hanno l’opportunità di fornire prove. 3 È stato scritto nel 1750 a. C. dal re di Babilonia Hammurabi , 89 dove unifica i codici esistenti nelle città dell’impero babilonese. Attualmente è conservato nel Museo del Louvre a Parigi . ottobre novembre Continue reading

Chiodo Fondazione

In Mesopotamia un chiodo argilla , chiodo dedizione o chiodo dedizione è una piccola scultura, di solito in cuscinetti argilla testi iscritti in caratteri cuneiformi , che erano le cose sulle pareti dei templi o edifici per registrare che erano di proprietà divina del dio a cui erano dedicati e danno loro una magica solidità.

Furono usati dai Sumeri e da altre culture mesopotamiche dal III millennio aC. C. I protagonisti degli dei (chiamati “Dei chiodo”) e sono di rame o di bronzo , sono stati effettuati soprattutto al momento della Gudea , principe di Lagash . Sono stati trovati in quasi tutti i templi del Rinascimento sumero . Più tardi ci sarebbero state rappresentazioni dei governanti locali e ci sono casi con rappresentazioni di animali. 1 Continue reading

Capo del colossale toro del Palazzo delle cento colonne

Il capo del toro colossale Cento Colonne Palazzo , è una datazione scultura 426 da – 424 a. C. che è stata scolpita nel tempo della impero achemenide durante il regno di Serse I (in persiano : ] خشایارشاه ) ( circa 519 – . 465 aC ), re achemenide di Persia ( 486 – . 465 aC , Son) di Darío I e Atosa , figlia di Ciro II il Grande . Il suo nome Serse(scritto anche Serse) è una traslitterazione al greco (Ξερξης, “Xerxēs”) del suo nome persiano dopo la sua ascesa al trono, Jshāyār shāh , che significa “governatore di eroi”. Nella Bibbia è menzionato come אחשורש ( Axashverosh o Assuero traslitterato in greco). Continue reading

Testa di Hammurabi

The Head of Hammurabi , è una scultura che risale all’anno 2000 a. C. all’incirca, al tempo dell’impero paleo-babilonese , un antico regno situato nella regione della Mesopotamia , attorno all’attuale Iraq e che proveniva dallo stato della città di Babilonia , estendendosi attraverso Acad e Sumeria .

Trova e cronologia

Mappa dell’impero paleo-babilonese dopo le conquiste di Hammurabi, intorno al 1750 a. C. Le case nomadi , forse provenienti dal sud-est dell’Iran, si erano già insediate sui monti Zagros , all’estremità orientale dell’impero. Presto sarebbero avanzati su di lui.

Continue reading

Bracciale di Oxus

Il braccialetto di Oxus , parte del cosiddetto tesoro di Oxus , è un braccialetto d’oro risalente al 500 aC. C. , al tempo della dinastia Aqueménida fondata da Ciro II Grande , che dominò la Persia e gran parte della Mesopotamia a partire dall’anno 550 a. C. fino alla sua caduta causata dalla conquista di Alessandro Magno nell’anno 331 a. C. Continue reading

Arte della Mesopotamia

L’ arte mesopotamica è una divisione cronologica e geografica della storia dell’arte che cerca di Mesopotamia durante i tempi antichi . Si riferisce alle espressioni artistiche delle culture che fiorirono sulle rive dei fiumi Tigri ed Eufrate dal Neolitico (al VI millennio aC) fino alla caduta di Babilonia per i Persiani nel 539 aC. C.

Tra le due date si svilupparono le civiltà sumera , accadica , babilonese (o caldea ), casita , hurrita ( mittana ) e assira ( arte assira ). Continue reading

Arte assira

L’ arte assira, nella città di Ninive (scultura, architettura, pittura e ceramica) conosce attraverso gli scavi e gli studi successivi a Ninive (presentare Mosul), e le altre città che facevano parte della civiltà delle persone asirio . Gli archeologi che lavoravano in Mesopotamia studiarono le antichità assire prima di quelle babilonesi, semplicemente perché era più facile per loro. Era più facile per loro accedere e seguire le tracce degli scavi della città di Ninive , dove le fondamenta di pietra erano quasi intatte, piuttosto che farlo a Babilonia, dove l’ adobe era abbondante.molto distrutto dal passaggio dei secoli. Con gli studi esaurienti dei palazzi, dei templi e del layout delle città assire, gli archeologi hanno acquisito l’esperienza che ha permesso loro di seguire, nelle città mesopotamiche demolite e quasi totalmente distrutte, un piano di lavoro già praticato. Continue reading

Architettura caldea

L’ architettura caldea o neobabilonese si riferisce a quella usata nelle regioni della Mesopotamia inferiore , attorno alla città di Babilonia . Come monumenti antichi sono le primitive torri di piattaforme a gradini che forse servivano da modello per le piramidi egizie più antiche citazione necessaria ] vista dalla somiglianza della sua struttura. E sebbene le rovine dei monumenti architettonici esplorati in Mesopotamia non siano antiche come le piramidi d’ Egitto , altre diverse vestigia e resti di civiltà trovati in quelle regioni sembrano accordare un’antichità maggiore di quelle sulle rive del Nilo.in particolare le iscrizioni ideografiche conservate nel British Museum . Continue reading

Pendente amuleto achemenide con testa di leonessa

L’Amulet-ciondolo achemenide capo leone è un pezzo che è stato sviluppato nel tempo l’ impero achemenide (in antico persiano , Hakhāmanishiya ), fondata da Ciro il Grande , dopo aver vinto l’ultimo re Medo ( 550 a. C. ) e estendere il proprio dominio dal altopiano centrale di Iran e gran parte della Mesopotamia , fino alla sua caduta causata dalla conquista di Alejandrando grandi in 331. C.

Trova

L’amuleto aqueménida fu rinvenuto nella città reale di Susa ( Iran ), in cui fu capitale dell’Impero Persiano durante il periodo dell’Aqueménida . Continue reading

Principe dei gigli

L’ affresco del principe dei gigli è un rilievo in stucco dipinto minoico .

Si tratta di un lavoro in cui viene mostrata la modalità egiziana una figura di una donna con i capelli lunghi che appare con la parte anteriore del busto e il resto del profilo. Ha un cappello di piume ornato e una collana. La mano sinistra conteneva qualcosa di simile a una corda con la quale probabilmente portava a un animale sacro. Ha un’altezza di 1,20 metri ed è considerato appartenente al Minoan recente II, intorno all’anno 1470 aC. C. per il costume del personaggio. Si è ora nel Museo Archeologico di Iraklion , 1 e altra forma di riproduzione è nel Palazzo di Cnosso . Continue reading

Jaganatha

Jagannātha o Yáganat , è uno dei nomi sanscriti usati per chiamare il dio Krishna . Significa “signore” (nātha) dell ‘”universo” (yagat) .

Nome sanscrito ed etimologia

    • jagannātha , nel sistema AITS (alfabeto internazionale per la traslitterazione del sanscrito ). 1
    • जगन्नाथ, in scrittura devanagariana di sanscrito. 1

Continue reading

Arte fenicia

l’arte fenicia è il nome storiografica di arte della civiltà fenicia , entrambe le metropoli fenicia del Mediterraneo orientale , come le colonie fenicie . Per la produzione artistica del principale colonia fenicia, Cartagine , il termine viene spesso usato arte carthaginian o arte punica (anche se il termine púnico è anche usato per riferirsi a tutte fenicio).

Le produzioni artistiche fenicie hanno una forte componente artigianale . Nelle loro sculture , ceramiche , gioielli e oggetti di metallo , influenze predominanti egiziano con elementi asirios , in un primo periodo (dal X sec. C. antica una data che è tipicamente assegnato all’arte fenicia al settimo secolo a. ). In un secondo periodo è andato su a dominare l’ influenza greca , raggiungendo a volte confuso con le produzioni greche, anche se di solito rilevato più rozzezza e l’eclettismo dell’artista fenicio nelle opere dei suoi laboratori. Continue reading

Arte egea

I primi esempi di arte trovati in tutto il Mar Mediterraneo , prima di essere popolata da greci sono figurine di pietra bianca che rappresenta le dee (famosa statuetta di una sacerdotessa del serpente) e alcuni personaggi maschili, in piedi o seduti, con po ‘di sollievo e tratti molto stilizzati. Probabilmente sono dei piccoli idoli legati a culti di cui non sappiamo nulla. Queste statuette sono state trovate nelle isole Cicladi , e il più antiche risalgono al la metà del III millennio aC È la fase conosciuta come l’arte del Medio Elladico.

Poi abbiamo trovato e rappresentazioni di arte o di Creta minoica , che raggiunge il suo splendore tra i secoli XVIII e XIV aC Nel Creta avere resti di alcuni grandi palazzi aereo (quasi labirinti autentici) complicati, come il grande labirinto di Cnosso a nord scavato Sir Arthur Evans , e Festo, a sud dell’isola. Continue reading

Coroplastia

La coroplastia (dal greco koré , bambola , e plassein , per formare), o la scultura coroplastica è l’arte di fare figure o rilievi di argilla , modellandoli e cucinandoli. L’artista che si dedica a quest’arte si chiama coroplasta.

Storia

Le prime rappresentazioni di coroplastia sono nel Neolitico , essendo le figure femminili esageratamente naturalistiche , vedendo in queste opere antropoformi costanti indicazioni di tatuaggi . Il culto funerario caratterizzato da queste figurine era generale in tutta Europa. Esempi simili sono stati trovati a Hissarlik , in Egitto , a Cucuteni , Jassy e Philippopolis . Continue reading

Arte delle Cicladi

L’ arte cicladica sviluppa durante il periodo cicladico , da 3000 a. Da C. a 2000 a. C., nelle isole Cicladi , nel Mar Egeo , ( Grecia ).

Scultura

Con poco strumentale in rame, la modellazione morbida degli idoli cicladici è stata ottenuta attraverso l’usura del pezzo di marmo con la pietra smeriglio .
Sull’isola di Naxos sono state sfruttate le miniere di corindone , minerale cristallino di qualità imbattibile, la cosiddetta pietra smeriglio con cui ogni figura è stata rivista e lucidata. Continue reading