Obelisco nero



L’ obelisco nero di Salmanasar III è un monumento che risale all’anno 827 a. C. ed è stato eretto al tempo dell’impero assiro , che si diffuse attraverso la Mesopotamia nella zona dei fiumi Tigri ed Eufrate .

Trova e cronologia

La scultura è stata scoperta nel 1846 dall’archeologo Austen Henry Layard in Nimrud o Kalhu , antica capitale assira, situata lungo il fiume Tigri , circa 30 km a sud est di Mosulin oggi s’ Iraq e fu eretta come un monumento pubblico, in tempi di la guerra civile, e le sue rilievi i successi elencati dal re Shalmaneser III , figlio e successore di Ashur-Nasir-pal II che governò l’Assiria da 858 a. C. e 824 a. C.e il suo comandante, trentuno, che riflette le tasse ricevute da altri regni conquistati dagli Assiri: cammelli, scimmie, elefanti e rinoceronti , metalli, legno, avorio e cinque scene si sviluppa su ogni lato del dell’obelisco (totale 20 caselle), essi narrati uno script con caratteri cuneiformi in preghiera.

  • Tributo degli abitanti di Guilzanu (regno dell’Iran nordoccidentale ).
  • Tributo di Jehu , re del luogo di Omri (vecchio regno del nord di Israele ).
  • Omaggio al paese di Musri (probabilmente l’Egitto).
  • Tributo di Marduk-apilusur, principe del paese di Sukhu (regno del medio Eufrate situato tra la Siria e l’ Iraq ).
  • Tributo di Qarparunda, principe del paese di Khattin ( Antiochia , attuale provincia di Hatay, Turchia ).
Rilievi della seconda registrazione dell’obelisco nero, in cui appare un emissario del re israeliano Jehu o Osea , o forse uno di loro, prostrato davanti al monarca assiro Shalmaneser III . Il testo cuneiforme dell’Assiria esprime: “Il tributo di Osea, figlio della [casa di] Omri”, 1 che non implica che la figura prostrata sia necessariamente un re. 2

L’obelisco era situato in un’aula di tribunale nel palazzo di Kalhu , come propaganda per il suo regno ed è in uno dei suoi rilievi che si può vedere l’immagine più antica di un israelita che è noto (l’emissario del re Jehu o Osea , o forse uno di loro). 3

Caratteristiche

  • Altezza: 197,850 cm.
  • Larghezza: 45.080 cm.
  • Materiale: calcare.
  • Contiene un’iscrizione con le conquiste del re, i suoi ascendenti e titoli.
  • Forma: Obelisco a base rettangolare coronato da una torre a gradini.

Riferimenti

  1. Torna all’inizio↑ Alan Millard, Scoperte dal Bible Times , Oxford: Lion, 1997, p. 121
  2. Torna su↑ Il nome in questione è lontano dall’essere unico o straordinario tra gli ebrei dell’antichità.
  3. Torna al top↑ Tra i ricercatori che hanno datato nell’anno 841 aC includono HWF Saggs ( “Le monde juif avant l’Exil”, del 1979, in: Le monde du judaïsme , ed Elie Kadourie, Parigi: Thames & Hudson. , 2003) e Allan Millard ( Discoveries from the Bible Times , Oxford: Lion, 1997 p.121). Nel 1850, Henry Rawlinson presume che la prostrata carattere di Israele prima che il re assiro era il personaggio biblico noto come Ieu , decimo re del regno di Israele ( sulle iscrizioni di Assiria e in Babilonia , 1850, TC Mitchell, La Bibbia nella British Museum: Interpretazione delle prove, Paulist Press, 2004, p. 14; e Saggs, p. 20). Questo, è stato sostenuto che aveva una fondazione in 2 Re 9 . Nel 1851, Edward Hincks legato il personaggio in questione in un modo diverso e annotò nel suo diario che il testo cuneiforme dall’Obelisco Nero non si riferisce a Ieu, ma Osea , che, come si legge nella Bibbia, era schiavo di Shalmaneser, re che anno dopo anno gli ha reso omaggio, fino a quando si è fermato e alla fine fu catturato dai cospirare contro il re assiro, 2 re 17: 3 . Osea altra parte, era re di antica e settentrionale regno di Israele (730-722 aC) e, in base alla Bibbia, omaggio a un re assiro chiamato pagato “Salmanassar , ” solo che era un altro homónimo- monarcaSalmanasar V (che fu re tra 727 e 722 prima della nostra era). Secondo il racconto biblico, fu Salamanasar V che catturò Osea e lo accecò, portandolo in Assiria per essersi rifiutato di rendere omaggio e cospirare contro di lui avendo chiesto aiuto agli egiziani. Dalle informazioni disponibili tende ad emergere una notevole disparità tra ciò che narrano le iscrizioni cuneiformi dell’Obelisco Nero e ciò che esprime il racconto biblico. Nonostante questo, e chiunque sia il personaggio che appare rappresentato nell’Obelisco Nero, la verità è che è la più antica immagine visiva di un israelita conosciuto nella storia ( Assyrian , 2007, al quale si è acceduto il 7 giugno, 2014).
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *