Musica nell’antichità



La musica antica è la storia della musica della Vecchiaia e (dato che la musica è qualcosa di inerente l’ essere umano , come testato l’antropologia ) anche avvenuto nei periodi precedenti, che non erano storica (la Preistoria ), anche se per alcuni periodi ci saranno testimonianze scritte e per altri solo i resti della cultura materiale legata alla musica (gli stessi strumenti musicali ).

Non dovrebbe essere confuso con il concetto di musica antica , che è usato in modo equivalente alla musica classica , prima del XVIII secolo e geograficamente limitato all’Europa occidentale .

Musica nella preistoria

Articolo principale: Musica nella preistoria

Poiché ci sono uomini sulla terra, ci sono molte manifestazioni musicali, perché queste sono una conseguenza del bisogno dell’uomo di comunicare o esprimere sentimenti. Ancor prima che l’uomo producesse strumenti musicali, ha già fatto musica cantando, battendo le mani o colpendo oggetti. L’ antropologia ha dimostrato la stretta relazione tra la specie umana e la musica, mentre alcune interpretazioni tradizionali legate loro comparsa in attività intellettuali legate al la concezione del soprannaturale (facendo si svolgono un ruolo di scopo superstiziosa, magica o religiosa), è attualmente il relativo con rituali di accoppiamento e con il lavoro collettivo. 1 Queste prime canzoni sarebbero state fatte sulla base di molte ripetizioni o provenivano da uncampo melodico molto limitato, molto vicino alla lingua parlata. Tracce di un certo linguaggio musicale sono conservate in geroglifici che indicano l’ascesa o la discesa del suono dal movimento della mano con le dita.

Le prove sono poche, ma quelle esistenti sembrano indicare, l’esistenza di alcuni “strumenti musicali” già nella preistoria. Non c’è più da vedere i ritmi che nelle canzoni e nei balli, praticamente hanno tutti i popoli che fino ai nostri giorni hanno conservato uno stile di vita molto simile a quello dei nostri antenati. Gli scrapers ne sono un esempio, è il più basilare quando si producono suoni, oltre a colpire qualcosa o produrli con la voce. I raschietti sono costituiti da piccoli frammenti di ossa con rientranze parallele che, se sfregate con un altro utensile, come un legno o un ardiglione, producono suoni. Un raschietto è stato trovato tra i 50.000 ei 40.000 anni da Schulen (nel nord del Belgio) ed è stato escluso che questi marchi siano stati prodotti da alcuni animali. I raschietti sono oggetti noti e la loro distribuzione è praticamente in tutto il mondo. La sua semplicità fa guadagnare punti a favore nell’essere uno dei primi strumenti inventati.

Anche se è stata scoperta una nuova scoperta nella musica preistorica, che potrebbe dare un grande sollievo quando si tratta di situarsi nel tempo, poiché nella ricerca effettuata nel 2009 nella grotta Geibenklösterle, in Germania, un importante sito paleolitico, Hanno trovato due flauti da circa 43.000 anni fa, uno studio corroborato da nuovi metodi di datazione. Uno è fatto con l’avorio di mammut e l’altro con l’osso del raggio di un grifone. Questo indica che potrebbero essere tra i primi strumenti musicali dell’Umanità. Il fatto che la musica esistesse come un’attività creativa in quel momento dà un’idea dello sviluppo simbolico e della coesione sociale di quei primitivi gruppi umani di cacciatori e raccoglitori.

Sono stati trovati oggetti molto antichi, dal Paleolitico medio, con buchi che ricordano i flauti, ma gli studi indicano che non erano tali, perché in questo caso compaiono i segni delle zanne degli animali. La capacità simbolica dei Neanderthal è molto dubbia, ma alcuni dei resti lasciati da loro ci fanno dubitare di quanto potrebbero creare ciò che chiamiamo musica. Le falangi degli animali trafitti da loro (sito di Prolom III, Crimea) potrebbero essere state fatte per estrarre il midollo, ma anche per essere usate come fischi. In breve, soprattutto, è difficile dire qualcosa e le opinioni sono molto contrastanti. Se fosse vero che sono stati fischi, anche essi possono essere utilizzati per produrre suoni con uno scopo pratico, come esche da caccia, segnali o l’imitazione di qualche animale avvertimento.

Nelle cose Paleolitico superiore cambiano completamente, l’evidenza è scrappers chiare come Pekárna Cave (Moravia) e il Neolitico è già indiscutibile, sia in Medio Oriente e in Europa (Janakavo, Polonia). Flauti e fischi da tre a sette fori trovati dalla Francia alla Russia con una lunghezza compresa tra 20 000 e 15 000 anni effettuati sulle ossa di uccelli, orso o di renna. Alcuni di questi fischietti sono decorati con disegni incisi.

Ma la collezione più spettacolare di strumenti musicali del Paleolitico superiore è quella del sito di Mezin o Mezhirich (Ucraina), nelle case dei mammut, anche nell’era glaciale. Sono strumenti a percussione fatti con ossa di mammut decorate con ocra, c’è anche un castanet e due maracas d’avorio.

D’altra parte sono le proprietà acustiche delle caverne, che sicuramente potrebbero essere migliorate nelle cerimonie. Alcune stalattiti vibrano ed emettono suoni quando vengono colpiti da altri oggetti. Ad esempio, nella grotta di Nerja (Malaga – Spagna) puoi vedere le tracce di questa azione in alcune di esse. Attualmente in questa grotta vengono eseguiti numerosi concerti grazie a dette proprietà acustiche.

Ma la cosa più vicina a noi, è senza dubbio l’uso di conchiglie marine. Sono stati trovati in diversi siti e soffiare attraverso di loro ha sempre avuto una funzione cerimoniale in molte parti del mondo, anche il suo uso per questo scopo ci ha raggiunto oggi. I fischietti in ceramica con un singolo foro (simile alle ocarine) e le maracas di argilla, così come i tamburi, si trovano in un numero maggiore dal Neolitico.

Danza nelle grotte di El Cogul ( Lleida ). In questa pittura rupestrediverse donne danzano intorno a un uomo nudo. I riti associati a danze e ritmi ripetitivi erano comuni in quasi tutte le culture preistoriche.

L’uomo primitivo ha trovato la musica nella natura e nella sua stessa voce. Ha anche imparato a usare oggetti rudimentali (ossa, bastoni, bauli, conchiglie …) per produrre suoni.

Ci sono prove che circa cinquanta secoli fa in Sumeria esistevano già strumenti a percussione e archi (lira e arpa). Le antiche canzoni di culto erano piuttosto lamentazioni su testi poetici. La musica è basata principalmente su ritmi e movimenti che imitano gli animali. manifestazioni musicali dell’uomo consistono di esternare i loro sentimenti attraverso il suono emanato della propria voce e per distinguere discorso che utilizza per comunicare con gli altri esseri.

I primi strumenti erano oggetti, utensili o lo stesso corpo umano che poteva produrre suoni. Questi strumenti li possiamo classificare in a) Autofonte : quelli che producono suoni per mezzo della materia con cui sono costruiti; b) Membranofoni : serie di strumenti più semplici di quelli costruiti dall’uomo. Batteria: realizzata con una membrana a tenuta stagna, una noce di cocco, qualsiasi contenitore o una vera e propria tavola armonica; c) Accordi : archi, arpa; d) Aerophones: il suono ha origine da vibrazioni di una colonna d’aria. Uno dei primi strumenti: il “flauto” originariamente costruito con un osso con buchi. Inoltre, hanno usato gusci di tartaruga.

Musica nell’Antica Era

Ancient East

Il concetto di vecchio orientale comprende le civiltà del Medio Oriente ( Mesopotamia e in Egitto , dove la civiltà emerse intorno al primo IV millennio. C. ) e l’ Estremo Oriente ( India , la Cinae il Giappone , dove sorgono le civiltà po ‘più tardi).

Antica Cina: simbologia e consistenza nella musica tradizionale cinese

Fin dai primi tempi, in Cina la musica era tenuta in massima considerazione. Tutte le dinastie gli dedicano una sezione speciale. Ancora oggi, la musica cinese è immersa nella tradizione secolare, leggendaria e misteriosa di una delle più antiche filosofie del mondo.

Nel teatro tradizionale cinese, la musica svolge un ruolo fondamentale in aggiunta alle esibizioni. I parametri nella scelta, i repertori sono sempre stati coerenti con la ricerca di armonia sociale, nel contesto storico di ogni momento, con la sua estetica corrispondente.

I cinesi devono aver percepito l’altezza relativa dei suoni in modo empirico, senza bisogno di Feng umani o mitologici, senza periodi di calma o inviati all’Olimpo cinese. Ovviamente avrebbero dovuto collegare le diverse lunghezze dei tubi con i diversi suoni che si ottengono in essi. Non è strano neanche che abbiano applicato la relazione 3: 2, dato che ha un valore simbolico per loro: armonizzare il cielo con la terra.

Un sistema musicale “rappresenta l’inventario dei suoni usati da una musica, l’altezza e la distanza dei suoni musicali tra di loro”. Se individuiamo ciò corrisponde ad una quinta giusta, un po ‘più piccola di quella ottenuta con le corde. Questo principio è chiamato ciclico, perché il totale dei suoni che la scala del repertorio si integra, è generato da una costante matematica nelle lunghezze dei tubi che compongono il sistema. Musicalmente si manifesta con intervalli di appena quinto quando ascendi e di appena quarto quando discendi.

La spiegazione acustica che sostiene questo sistema musicale è quella del quinto colpo. Se soffiamo forte in un tubo chiuso, corrispondente, per esempio, a Fa4, otterremo solo un quinto superiore, cioè Do5 . Ma questo Do5 può anche essere ottenuto soffiando normalmente in un altro tubo che misura due terzi della lunghezza del primo.

Quando viene tagliato un terzo tubo, che misura due terzi di Do5 , si ottiene un quinto più alto di Do5 , cioè Sol5 . Poiché questo suono è molto lontano da huang-chung , la sua lunghezza è raddoppiata e Sol4 è ottenuto, poiché la doppia relazione corrisponde all’ottava.

Ma i teorici cinesi hanno capito che potevano ottenere lo stesso Sol4, tagliando un tubo che misurava quattro terzi di Do5.

Lavorando in questo modo, e sempre successivamente con le relazioni due terzi e quattro terzi, hanno raggiunto la scala 12 lu, con la quale viene raggiunto l’ottavo. A proposito, non l’ottava destra poiché il rapporto 1: 2 non è mai uguale all’equazione 12 2/3. Hanno ottenuto, quindi, una scala di dodici toni di temperamento disuguale.

Il pericolo di questa scala ciclica è che, indipendentemente da quante precauzioni vengano prese, le frazioni diventano sempre più complicate e irriducibili a numeri interi. Se diamo il numero ottantuno al huang-chung e applichiamo il principio ciclico (2/3 – 4/3), quando arriviamo al sesto lu, iniziano i numeri con le frazioni e le equazioni da rendere diventano più complicate: 81 – 54 – 72 – 48 – 64 – 42,666 – 56,888 – ecc. , semplice lu per la sua solita scala.

Nel IV secolo a. C. I teorici cinesi cercarono di archiviare i quinti per raggiungere l’ottava, cioè provarono lo stesso temperamento, ma solo nell’anno 1596 il principe Tsai-Yu propone di affinare i tubi secondo un principio equivalente al temperamento equabile.

Perché l’accordatura del lu non venga alterata, li hanno costruiti in pietra o metallo, materiali più durevoli delle canne di bambù. Il lu costruito con lastre costituiva i litofoni di pietra o il carillon. All’inizio c’erano dodici lastre, poi ne sono state aggiunte altre sei. I litofoni non erano strumenti melodici appropriati, ma punti di r’i-tse (strumenti) e chung-lu (canto) e in memoria dei primi antenati in wu-i (strumenti) e chia-chung (canto). Tutto questo doveva essere correlato, anche, con danze specifiche.

I litofoni di dodici lastre erano situati in due file di sei ciascuno. La riga inferiore corrispondeva a lu dispari (principio YAN, maschile) e superiore a lu pairs (principio YIN, femminile). Secondo VAN AALST, il primo lu è la perfezione in sé perché l’intero sistema dipende da esso, è la fonte della sua origine, è il sistema potenziale. Pertanto la riga dispari corrispondeva all’inizio YAN.

Ogni volta che un tubo maschio produce un tubo femmina, il tubo maschio è un marito e il corpo femminile è femmina. Ogni volta che un tubo femmina produce un tubo maschio, il tubo femmina è la madre e il maschio il figlio.

I primi cinque suoni del ciclo delle quinte costituiscono la solita scala di base, anemitonale pentatonica (senza semitoni).

Dal 1300. C. stati utilizzati solo la prima serie cinque note dove cinque trasposizioni modali, o che tonico basato ognuno dei suoni, il numero teorico di possibili modi per ottenere e uno lithophone 12 lastre è di 60 modalità pentatoniche, e 84 se bilance con Piens . Questo numero di possibili scale anche dinastie diverse, ed anche variato il numero di scale impiegati.

Mesopotamia

Articolo principale: Musica della Mesopotamia

In Mesopotamia i musicisti erano considerati persone di grande prestigio, accompagnavano il monarca non solo in atti di culto, ma anche nelle sontuose cerimonie del palazzo e nelle guerre. L’arpa è uno degli strumenti più apprezzati in Mesopotamia: ognuna delle civiltà che hanno avuto la presenza ha lasciato il suo terreno culturale e le sue influenze musicali.

La Mesopotamia è stata un centro di influenza per una moltitudine di popoli e civiltà: ittiti, frigi, arabi, fenici, israeliti, egiziani, greci, persiani, tribù indoeuropee e popoli dell’antica India. La musica della Mesopotamia, in particolare i suoi strumenti, si trova in questi paesi anche se a volte considerevolmente modificati.

vai a questo link se vuoi saperne di più sugli strumenti di mesopotamia o maggiori informazioni https://es.wikipedia.org/wiki/M%C3%BAsica_de_Mesopotamia#Instrumentos

Antico Egitto

La musica in Egitto aveva una conoscenza avanzata riservata ai sacerdoti, nel Nuovo Regno usavano già la scala di sette suoni. Questa città era ricca e variegata strumentale, alcuni dei più rappresentativi sono l’arpa come strumento a corde e il doppio oboe come strumento a fiato. La musica egiziana è intervenuta in tutte le fasi della vita. Ballerini e suonatori di flauto hanno accompagnato gli operai nel campo o alle feste del raccolto. Particolare sollievo o sviluppo si verificherebbe nei templi e nelle cerimonie religiose. La musica è stata sviluppata anche in campo militare. Gli strumenti musicali che spiccano in Egitto sono: l’arpa, la lira, il liuto e il sistro. Il sistro è uno strumento a percussione con una struttura in legno a forma di U e barre di metallo. Negli strumenti a fiato avevano un flauto dritto e un doppio flauto e anche nelle parate militari veniva usata la tromba. Tra le figure di rilievo nel mondo della musica egiziana spiccano: Pitagora, un greco insegnato nei templi egiziani che era un matematico musicale. ancheTolomeo e Ctesibio , che ha inventato l’organo idraulico. Strumento in cui l’alimentazione d’aria dei tubi è data da un meccanismo che utilizza la pressione dell’acqua. Era una musica non sistematizzata, ma sappiamo che combinava una serie limitata di suoni non troppo distanti l’uno dall’altro.

Musica nell’antichità classica

L’ antichità classica o greco-romana hanno dato luogo a arte classica , nei suoi aspetti di arte visiva (soprattutto nella scultura e architettura), influenzato modo straordinario nel plasmare l’arte occidentale e la sua letteraria, filosofica, scientifica e fatto giuridicamente nella cultura della civiltà occidentale . Gli aspetti musicali, d’altra parte, non potrebbero essere preservati allo stesso modo, data la loro natura effimera e la loro trasmissione attraverso l’esempio, poiché non sono state sviluppate forme di notazione musicale. Tuttavia ci sono testimonianze letterarie e riproduzioni artistiche che permettono di vedere l’importanza della musica in questo tempo e in questi luoghi.

Grecia antica

Articolo principale: Musica dell’antica Grecia

In Grecia i primi eventi musicali decifrabili e scritte che sono oggi conservati nei manoscritti appaiono. E ‘dalla parola greca da cui proviene la musica ( mousikè ), che comprende sia la poesia e la danza e la musica. Essi credevano che la musica ha avuto origine negli dèi e semidei (origine divina) come Apollo , Anfione e di Orfeo , e molti greci come Platone, considerato che la base dell’educazione (scritto un capitolo su di esso nella sua “Repubblica”). La scrittura musicale era fatta con le lettere dell’alfabeto . Esistenti diverse scale che a loro volta formavano modalità, da cui provengono i nostri toni moderni. Alcune di queste modalità (scale modali o greche) sono ancora considerate oggi, sono persino state usate nella musica popolare. Della grande importanza che la musica ha raggiunto in Grecia, mostra eventi come la competizione musicale che si è celebrata ogni anno ad Atene, le canzoni che hanno accompagnato le rappresentazioni teatrali e le frequenti feste in onore del dio Dioniso . Gli strumenti musicali più eccezionali erano; l’ arpa , la cetra , la cetra , l’ aulos (che è una specie di flauto a doppio tubo), la krotala ( nacchere ) e il kymbala( cimbali ), il sistro e vari tipi di tamburi come il timpano . La lira e la cetra erano gli strumenti riservati alla Polis e, come mostrano alcune sculture o disegni, sono i più usati nella vita musicale di tutti i giorni.

Scena di un banchetto intorno al 2 ° secolo aC C. Questo bassorilievo proviene dalla cultura indo-greca. Era normale trovare un musicista che suonasse una siringa o qualcosa di simile. Nell’antica Grecia, la musica era influenzata da tutte le civiltà che la circondavano, data la sua importante posizione strategica. Culture come quella mesopotamica, etrusca, egiziana o addirittura indoeuropea hanno avuto un’influenza significativa sia nella loro musica che nei loro strumenti musicali. I greci attribuivano grande importanza al valore educativo e morale della musica, motivo per cui è strettamente correlato al poema epico. Appaiono gli aedosche, accompagnato da una cetra, vagava di città in città mendicando e conservando un ricordo orale della storia della Grecia e delle sue leggende. Fu allora che la musica era strettamente legata alla filosofia . I saggi dell’epoca sottolineano il valore culturale della musica. Pitagora lo considera una medicina per l’anima, e Aristotele la usa per raggiungere la catarsi emotiva.

Più tardi il dithirambo appare ad Atene , canzoni dirette a Dioniso, accompagnate da danze e aulos. Anche drammi, tragedie e commedie nascono in modo combinato ma senza perdere la danza, la musica e la poesia.

Roma

Articolo principale: Musica dell’antica Roma

La musica a Roma è l’erede della musica in altre civiltà, in particolare in Grecia. Sin dai tempi antichi c’erano scuole di flauto e tromba. In questo momento diventati importanti spettacoli teatrali, accompagnati da musica e accompagnamento musicale in anfiteatro, giocolieri e acrobati anche agito nelle vie del paese accompagnati da persone che hanno giocato il tamburello e la tibia (flauto a forma di osso). Era comune per le coppie più ricche dare concerti nelle loro ville. Tra gli strumenti musicali di Roma hanno evidenziato trombe e ámbalos (cembali metallo), tibia e valevano dei tamburi e degli organi. La musica militare ha avuto un grande sviluppo in questa era.

Roma conquistò la Grecia, ma la cultura di questo è stato molto importante, e anche se entrambe le culture sono state fuse, Roma non ha portato nulla alla musica greca. Certo, si è evoluto in modo romano, a volte variando la sua estetica. La musica veniva solitamente utilizzata nelle grandi feste. I musicisti virtuosi o famosi erano molto apprezzati, aggiungendo aspetti umoristici e distesi alle loro esibizioni. Questi musicisti vivevano in un modo bohémien, sempre circondato da feste. Nei teatri romani le commedie erano rappresentate in stile greco. Gli autori più famosi furono tra gli altri Plauto e Terence. La tragedia aveva trascendenza essendo il suo massimo coltivatore Seneca. La musica ha avuto un ruolo trascendentale in questi spettacoli.

I romani cercano di imitare queste arti e aggiungere l’elemento della musica vocale. Questi nuovi artisti sono stati chiamati buffoni, che significa ballerini in etrusco, con la fondazione di Roma succede una pietra miliare musicale, i Ludiones, questi erano alcuni attori di origine etrusca che ballavano per il ritmo della tibie, una specie di aulos. Nessuna musica di questo stile ci è pervenuta tranne un piccolo frammento di una commedia di Terencio. Quando l’Impero Romano si consolida, arriva l’immigrazione che arricchisce notevolmente la cultura romana. I contributi di Siria, Egitto e Spagna erano rilevanti. Torna in vecchi stili come citarodia (versi con cetra) e citarística (virtuoso singolo cetra) appaiono. Le gare e le competizioni in questa disciplina erano abituali. Nonostante tutto questo, non è chiaro che Roma apprezzato istituzionale e culturale per la musica.

Riferimenti

Bibliografia

Recente scoperta del 2009 sul flauto: quotidiano El Mundo, link: Gli strumenti musicali più primitivi sono stati realizzati con osso di avvoltoio

Note

  1. Torna all’inizio↑ Marvin Harris Our Species ; Juan Luis Arsuaga Il collare del Neanderthal , L’enigma della sfinge .
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *