Musica della Mesopotamia



La musica della Mesopotamia era un’espressione storiografica per riferirsi alla storia della musica 1 dell’antica civiltà mesopotamica . Per la produzione musicale contemporanea della regione, viene utilizzata musica dall’Iraq o, in generale, musica araba .

L’area tra i fiumi Tigri ed Eufrate (in greco “Mesopotamia”) è stata un territorio di grande ricchezza e diversità culturale sin dal Neolitico. Ognuna delle civiltà che hanno avuto presenza là ha lasciato i loro motivi culturali e le loro influenze musicali. Nel 4000 a. C. furono fondati i sumeri , poi gli akkadiani o babilonesi , gli assiri e anche gli ittiti , case , elamiti e persiani fino all’entrata di Alessandro Magno in Babilonia nel 500 d.C.

Inoltre, la Mesopotamia è stato un centro di influenza per molti popoli e civiltà: ittita , frigio , arabi , fenici , israeliti , Egizi , Greci , Persiani , Indo – tribù europee , e dei popoli dell’antica India . La musica della Mesopotamia, in particolare i suoi strumenti sono in questi paesi anche se a volte notevolmente modificato, così come troviamo anche influenze della direzione opposta.

Le fonti che ci permettono di conoscere la musica e gli strumenti di questi popoli sono documenti letterari e riproduzioni artistiche di strumenti (pittorici o scultorei), nonché alcuni casi eccezionali di reperti archeologici degli strumenti stessi. Ha persino trovato documenti che conservano la notazione musicale babilonese. 2

Strumenti

Strumenti a corda

  • La lirao Kitara è considerato lo strumento sumero nazionale. È già rappresentato alla fine del quarto millennio precristiano. Lire preziose, adornate con lastre d’oro, argento e conchiglia con profusione di illustrazioni, sono state rinvenute nelle tombe reali di Ur I. Queste lire sumere primitive sono così grandi che riposano a terra (lira sumerica). La sua scatola di risonanza è stata costruita a forma di toro (simbolo di fertilità). Più tardi quella forma fu stilizzata, ma la testa del toro rimase come un ornamento con una barra frontale (colonna). L’artista si sedeva davanti allo strumento e suonava le corde con entrambe le mani. Nelle riproduzioni, il numero di queste stringhe oscilla tra 4, 5 e 7, e negli strumenti trovati, anche tra 8 e 11. Le stringhe sono state fissate alla barra trasversale per mezzo di spille, e passarono sopra un ponte verso la tavola armonica. Sono disposti con un’inclinazione verso l’artista, in modo che possa raggiungerli tutti. La lira in piedi fu successivamente trasformata in una lira a mano, la cui prima immagine riprodotta proviene dall’era babilonese (1800 aC).
  • L’ arpa , (vedi Arpa di Ur ), la troviamo già nel periodo sumero. La scatola di risonanza e la cordiera formano un’unità sotto forma di arco (arco di un arco), oppure sono unite in un leggero gomito (arpa con un gomito). Secondo il modello, è stato tenuto verticalmente o orizzontalmente. Le arpe avevano da 4 a 7 corde. Gli assiri sapevano soprattutto l’arpa ad angolo. La sua scatola di risonanza è in alto, e la cordiera è ad angolo acuto con esso; il suo numero di stringhe è alto.
  • Il liuto è chiamato, in sumeriano , pantur , e in greco pandura , cioè piccolo arco musicale . La sua esistenza è documentata in riproduzioni babilonesi del secondo pre – millennio cristiano, quasi sempre in mano alle donne, ma è altrettanto tra gli Assiri. Colpisce il collo lungo (liuto con un collo lungo) con tastiera, su cui eseguire da 2 a 3 cavi, e la sua piccola risonanza del corpo, sul quale è disteso un cerotto zucca sagomato (anche carapace di tartaruga).

Strumenti a fiato

  • Flauto , la sua esistenza è stata dimostrata fin dai tempi primitivi. Si chiama gi-bu, “tubo lungo”, non ha imboccatura e si è tenuto in posizione quasi verticale. Inoltre ci sono scanalature di fori digitalizzati.
  • Chirimías , la doppia chirimía, formata da due tubi costruiti in argento, di uguale lunghezza e senza bocchino e con 4 fori ciascuno digitalizzati. Alcuni sono stati trovati nelle tombe di Ur I.
  • Le trombe dritte, come le trombe a spirale, compaiono solo nel periodo assiro. Sicuramente erano usati come strumenti di segnalazione nell’esercito.

Strumenti a percussione

Sonagli, tintinnio, sestri a forma di U, campane in ottone e dischi tascabili.

Una peculiarità costituiscono i grandi timballi di calderone di metallo. Conoscevano anche il piccolo tamburo cilindrico, che veniva portato verticalmente di fronte al ventre, e anche orizzontalmente in caso di due toppe, nel qual caso veniva colpito da entrambi i lati con le mani, il tamburo piccolo telaio (tamburello) e un grande tamburo di frame o bass drum (di un diametro approssimativo da 1,50 a 1,80 metri), di due patch, percussero due esecutori. Quest’ultimo strumento è presumibilmente di origine asiatica. Era spesso incoronato da una piccola figura eretta.

Pratica e tecnica strumentale

Non sappiamo per certo quale tipo di tecnica strumentale sia stata eseguita, ma ciò che ci azzardiamo a teorizzare è che hanno usato scale pentatoniche ed eptatoniche. Questa teoria nasce dall’analisi della cronologia del tempo che consente detta deduzione dovuta al numero di stringhe negli strumenti a corda e negli orifizi degli strumenti negli strumenti a fiato.

La musica sarebbe omofonica, ma sembra che avessero anche conosciuto il polifonico. Così, i lyres e le arpe quasi sempre venivano pizzicate con entrambe le mani e la chirimía suonava a due voci (forse una emetteva un pedale o un drone mentre nell’altra veniva suonata la melodia).

In diversi musicisti che compongono numerose immagini piccole orchestre sono stati rappresentati, in modo che la pratica orchestrale, ma non come noi sappiamo che oggi, era un po ‘esteso. Queste combinazioni sono di solito due arpe e cantante, o cetra, l’arpa, tamburi, cimbali, o anche fare doppio Chirimia, doppio flauto, arpa, Lira, et., Vale a dire, le combinazioni di suoni morbidi in modo chiaro. La Bibbia descrive concerto Nabucodonosor II (Daniel, 3), e come trombe o corna, scanalature o doppie oboi, e con arpe suonato singolarmente e poi insieme, così concertante tecnica nota.

Lo scopo musicale di queste città sarebbe principalmente artistico, dato che è possibile vedere le immagini del tempo che mostrano spettacoli musicali nelle celebrazioni del culto, nella danza e nei tornei di wrestling, ma anche durante i pasti e nei giardini. Possono anche servire gli strumenti dell’antico Egitto.

Riferimenti

  1. Torna all’inizio↑ Mendoza, dott. Adalberto García de (2 gennaio 2015). «XXVIII» . enciclopedia musicale . Palibrio. ISBN  9781463396497 . Estratto il 20 ottobre 2016 .
  2. Torna all’inizio↑ Córdoba, Joaquín (20 marzo 1996). Genio dall’est . Edizioni AKAL. p. 67. ISBN  9788446005445 . Estratto il 20 ottobre 2016 .
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *