Musica bizantina



La musica bizantina è chiamata la musica della Chiesa greco- ortodossa . È legato al canto gregoriano essendo una monodia vocale senza accompagnamento strumentale ed essendo organizzato in otto modi oktoíjos .

Caratteristiche

Si differenzia dal canto gregoriano in quanto è cantato in greco (o arabo in quelle parti della regione precedentemente noto come Antiochia) ed è accompagnato vocalmente con un suono grave e mantenuto chiamato ison o ( isocrátima ).

Ha avuto origine nelle prime comunità cristiane del deserto del Sinai . È conservato nei monasteri greco-ortodossi e, con stili diversi, all’interno dei nuclei urbani delle zone cristiane orientali.

La musica bizantina è un sistema musicale completo che utilizza la ricca gamma di gamme melodiche del Mediterraneo orientale per esaltare i testi biblici e innnali che espongono mirabilmente la teologia dei Padri della Chiesa. Il monastero di Cantauque esegue la canzone bizantina non con testi greci, come è il più frequente che si fa, ma in francese.

The saltérica

La notazione della musica bizantina, chiamata saltérica, deriva da un sistema di accentuazione greca (tono, apostrofo …) che si è evoluto nel corso dei secoli verso i neumas (segni descrittivi). Situati sopra il testo, accentuano le sillabe musicalmente, cioè, danno loro l’intonazione e l’espressione che fa per loro. I neumi, a differenza delle note occidentali poste sul pentagramma, indicano semplici variazioni di livello. Le “note bizantine” hanno quindi un valore relativo; non hanno significato se non nella relazione tra gli uni e gli altri. Vengono aggiunti in movimenti melodici che variano in base alle modalità (quattro autentiche e quattro plagali) e ai generi musicali. Un esempio può essere visto nella notazione dell’Inno dei Cherubini.

L’interpretazione

Una partitura bizantina deve sempre essere interpretata oltre la notazione rigorosa; Questo, secondo la tradizione orientale, è un semplice scheletro destinato a essere coperto da molteplici vibrazioni e impulsi che vengono trasmessi solo da maestro a discepolo. In questo tema, la musica bizantina deve molto a Simón Karas e al suo successore Licurgo Angelópoulus. Infatti, a causa di un difetto di trasmissione orale, i cantanti avevano gradualmente eliminato l’interpretazione dei neumas: le caratteristiche della musica bizantina andavano perdute e sostituite da armonizzazioni, variazioni di intensità, espressioni sentimentali, ecc. S. Karas si avventurò in un’immensa opera di musicologia per ricostituire i fondamenti teorici della musica bizantina. E per restituire tutte le sue dinamiche alla linea melodica bizantina, ha reintrodotto numerosi segni della vecchia notazione.

L’ison (nota a pedale)

L’ison è l’unico accompagnamento della musica bizantina. La sua posizione deriva dalla teoria musicale poiché l’ison si manifesta e mette in evidenza le basi del modo in cui si svolge la melodia. Quando viene eseguito, conferisce a questa melodia un preciso colore modale. L’isone svolge quindi un ruolo insostituibile. Altre tradizioni musicali monotone lo usano anche (per esempio, la musica celtica).

Frammenti selezionati dei diversi generi di musica bizantina

  • Estijárico (o hymnic) genere Per il canto degli stijarios: inni intervallati nei salmi. Illustrato dal Doxastrikon di Pasqua. Uno dei momenti più forti dell’anno liturgico.
  • Daddico genere Per gli inni della Divina Liturgia (Messa). Illustrato dall’Inno dei Cherubini del primo tono. È cantato nella processione dei Santos Dones (offertorio).
  • Genere Polielos Deve il suo nome al ritornello versetto del Salmo 135: “La sua misericordia è eterna” (misericordia, in greco, è éleos). È cantato nei mattoncini delle grandi feste.
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *