Museo di arte iberica El Cigarralejo



Il Museo di arte iberica «El Cigarralejo» si trova a Mula , Murcia , in Spagna . Ospita una vasta e importantissima collezione di materiali archeologici del periodo iberico (IV-I secolo aC), tutti provenienti dal complesso iberico di El Cigarralejo , un paradigma dell’archeologia iberica per quanto riguarda i suoi resti e la sua conservazione. La collezione di materiali iberici fu donata dal ricercatore e archeologo D. Emeterio Cuadrado Díaz il 21 aprile 1989. Il museo di El Cigarralejo divenne così un museo monografico, 1Vale a dire, un museo la cui missione è quella di diffondere e studiare gli aspetti socio-culturali della cultura iberica nel territorio della città di Mula .

Fondazione

L’iberica Museo d’Arte “La Cigarralejo” è stata creata per ospitare una collezione di materiali archeologici provenienti da l’archeologo sito omonimo Emeterio Cuadrado scoperto nella sua fattoria privata, dedica a questo compito i 40 anni di riesumare 547 tombe tra il 1948 e il 1988. La maggior parte dei resti conservati provengono dalla necropoliscavato in questo periodo, 547 tombe di incenerimento iberica con i loro corredi funerari, vale a dire gli effetti personali del defunto che i loro cari poste nella tomba per servire lui nell’aldilà. I beni gravi variano in base al sesso, all’occupazione, al potere d’acquisto e allo stato sociale del defunto e coprono un periodo cronologico piuttosto lungo; tra gli inizi del IV secolo a. C. e i primi anni del primo secolo a. C.

Piazza assunti in carico gran parte degli scavi archeologici, solo le ultime campagne sono state rimborsate con denaro pubblico, e quindi gran parte dei materiali recuperati tra il 1948 e il 1984 sono stati privati. interventi recenti effettuati tra il 1981 e il 1983 sono stati pagati dallo Stato, e tra il 1984 e il 1988 sono state condotte con il permesso e le sovvenzioni dalla Regione autonoma di Murcia. Per quanto riguarda la necropoli, ci sono due collezioni: Stato, tombe da 1 a 478, e altri regionali, 479-547. Il 1 ° giugno del 1986, Piazza ha donato la sua collezione allo Stato, perché si è deciso di riabilitare il paese una vecchia casa padronale del XVII secolo per ospitare la collezione. L’importanza storica e culturale dei tarmaci consigliava l’accettazione, da parte dello Stato, di tale donazione,Nota 1

Il Ministero della Cultura ha accettato la donazione a condizione di avere un proprio edificio nella città di Mula e quindi di progettare i lavori di risanamento e l’adattamento della futura sede. Nota 2

Il progetto è stato eseguito in due fasi: la prima, realizzata tra il 1983 e il 1984, consisteva nel consolidamento e nel restauro della sede centrale. Il secondo, dopo un lasso di tempo, ha ripreso nel 1992 e il progetto di installazione museográfica, i manifesti dei programmi e segnaletica, nonché il ripristino di oggetti di esibire ha avuto luogo. Nota 3

Palazzo dei Marchesi di Menahermosa

Il palazzo è una tipica costruzione barocca di Murcian . Nel luogo in cui fu costruita, c’era una casa più piccola dalla fine del 17 ° secolo situata nella zona che si affaccia sulla strada attuale di González, proprietà della famiglia Guillén; e un altro che, a quel tempo, era diviso in due, appartenenti ai fratelli Valcárcel Melgarejo, Juan Diego e Fernando. Alla prima apparteneva la porzione della strada del Marchese, e di Fernando era la facciata che dà a quella del Grifo, oggi Patricio Moya.

Juan Diego Valcárcel, nato a Mula nell’anno 1696, visse nella città di Lima , in Perù , dove prese la sua laurea generale. Lì divenne amico del marchese di Menahermosa, José Antonio de Llamas e Estrada, al quale vendette varie proprietà nei campi e nel frutteto di Mula e nella sua parte della casa. Alla sua morte, nel dicembre del 1745, e poiché non aveva eredi per essere single, lo nominò erede universale, cosa che non piacque ai parenti della sua città natale. Il nonno del primo detentore del titolo, Diego de Llamas, era originario di Mula e dovette arruolarsi nell’esercito e trasferirsi nella zona di Almeria. Suo figlio Christopher è nato a La Rioja, un piccolo paese in provincia di Almeria, dove ha sposato Estrada Damiana, che sono nati diversi bambini, uno dei quali è stato Jose Antonio, battezzata il 27 maggio 1687. 2

Si stabilì in piazza nella milizia nel 1696, nel Peñon de Vélez de la Gomera, destino della sua famiglia. Durante la Guerra di Successione Spagnola si formò nelle file di Felipe V , in cui sprecò il coraggio e l’astuzia, segni di identità che lo aiutarono a salire la scala fino ad essere nominato Secondo Luogotenente delle Guardie Spagnole Reali nel 1711.

Otto anni dopo ha incontrato Ana Magdalena de Mena Ferrari, nata ad Alessandria, vicino a Milano. Il suo primo figlio, José Antonio, nacque a Madrid nel dicembre del 1721. Si trasferirono a Barcellona, ​​dove avevano le loro due figlie, María Josefa e Ana Magdalena, nel 1723 e nel 1726, rispettivamente. Ritornato a Madrid nel 1728, nella capitale della Spagna, nacque il suo ultimo figlio, Antonio, che morì nella frustrata spedizione contro Algeri nel 1775. Fiducioso uomo della monarchia borbonica, nel 1729 fu nominato capo delle armi terrestri del Perù, nella cui posizione era subentrato il generale del porto di El Callao e portava il titolo di Luogotenente del Capitano Generale del Regno del Perù. Si imbarcò per il Nuovo Mondo l’anno seguente con due domestici e in Perù rimase ventisette anni. In America acquistò il suo marchesato, nell’agosto del 1745, per la somma di 20.000 pesos. Tornò nel 1757 per essere nominato sindaco di Tarragona. In quella città si ritirò con il grado di tenente generale dell’esercito e andò a Mula, dove morì nel 1772. 3

Ana Magdalena de Mena Ferrari visse a Mula dalla fine degli anni ’30 con i suoi figli. Dal 1746, dopo aver ricevuto una copia della volontà del generale Valcárcel, decise di costruire la sua casa nella parte della casa che aveva lasciato in uno degli ordini.

Intorno al 1750, l’edificio fu completato. 2Fatto di mattoni a vista, materiale economico da acquistare, è di evidente austerità e sobrietà, se si astrae dalla gola dipinta con motivi militari e lo scudo marqueal, posto sulla grande facciata sud. E ‘dotato di piano terra, primo e soppalco. In questi, a cui dà luce una torre a quattro acque con ampie finestre, i cereali del raccolto erano immagazzinati, le salsicce del macello e i domestici dormivano. Anche il basso era destinato al servizio. In esso erano situate le cucine, il pozzo, la cantina dell’olio e il vino, le stalle e le autorimesse. Il principale era riservato ai proprietari, che guardavano attraverso ampi balconi. In questo spazio c’era la sala da pranzo, a cui si accedeva attraverso la porta centrale del pianerottolo della scala; le camere da letto e la grande sala da ballo.

Alla morte del primo marchese, suo figlio José Antonio Llamas y Mena espanse il palazzo a nord una volta acquisita la parte della casa appartenuta agli eredi di don Fernando Valcárcel. Il lavoro fu eseguito tra il 1778 e il 1780 e consisteva nell’aggiunta di un grande corpo con facciata in mattoni perfettamente chiusa con il preesistente. Sulla strada, l’aumento del pezzo di gola non dipinto è notato e, interiormente, nel cambiamento delle porte delle diverse stanze, più ornate di quelle primitive.

Gli sviluppi più importanti di questa fase, svolta dalla alarife mulero Rodrigo mastice, consistevano della creazione dell’oratorio presso il costo di chiusura dell’ultimo balcone a sud della facciata principale, che è stata decorata con dipinti semplici e stucchi da una mano anonima artista, che ha anche fatto i cappotti di armi di matrimonio di fronte alla mensa dell’altare; e la decorazione dell’ingresso principale con cave di marmo di copertura vicina Cehegín, che hanno importato insieme a ben – realizzato in pietra angolo settentrionale, 2000 reales. 2

Nel 1927 fu intrapreso l’ultimo rimodellamento del palazzo, incentrato sulla demolizione di parte delle scuderie e delle cucine per realizzare il giardino che esiste oggi.

Camere

Disposizione delle 10 camere al primo piano.
Signora seducente.
Illustrazione dell’encachado tumulare di una delle tombe della necropoli.

Il Museo di arte iberica espone nelle sue 10 sale oltre 80 tombe della necropoli di El Cigarralejo. Ciascuna camera è dedicata a un tema socio-culturale del mondo iberico. 4

Introduzione alla necropoli

Questa sala introduce il visitatore alla storiografia del sito con fotografie delle prime campagne archeologiche, il piano della necropoli con le sue 547 tombe e documenti che riflettono i 40 anni di lavoro svolto da Cuadrado.

Selezione delle tombe più antiche

La seconda sala mostra le tombe più antiche (4 ° secolo aC), alcune con un ricco corredo, così Cuadrado le chiamò “Tombe del Principe”. Le tombe 200 e 277 abbondano di ceramiche dell’Attica greca e oggetti di lusso della tipologia di vaso greco , come il cratere attico del pittore del «Tirso negro» della tomba 47.

Agricoltura

L’agricoltura era la principale attività economica in Iberia, dalla quale si trovano molti resti ben conservati. In questa terza stanza è possibile vedere la conservazione del corredo di un contadino, con attrezzi per la lavorazione del terreno (falce, cesoie per potare, rinforzo di un aratro), semi e ossa di vari frutti (uva, ghiande, mandorle). Puoi anche vedere la conservazione di corde e cesti di sparto.

Bestiame

Il bestiame è un’altra attività economica nel mondo iberico, studiato nella quarta stanza. Tra gli oggetti del corredo funebre vi sono ossa di animali domestici (mucca, cavallo, asino, pecora, capra, maiale e cane) e la caccia. Esibisce un corredo che potrebbe appartenere ad un conciatore, dati gli utensili usati per trattare le pelli.

Ceramica

L’abbondanza e la varietà dei contenitori in ceramica offre dati per lo studio della ceramica , un’attività che ha raggiunto un grande sviluppo in questa cultura. Nella quinta stanza ci sono stoviglie, utensili da cucina, bicchieri da toilette, urne . Motivi geometrici e motivi vegetali predominano in questi contenitori. Le ceramiche iberiche sono state realizzate con argilla raffinata, tornio e forno in forno. Viene esposto il corredo di un possibile vasaio, evidenziando i macigni per macinare i pigmenti minerali, usati come vernici, bricchette di quarzite e piccoli contenitori per contenitori di coloranti.

Industria tessile

L’industria tessile era anche un’attività tipica del mondo iberico, in particolare, un’attività eminentemente femminile che non era considerata un mestiere. Nella stanza ci sono numerosi oggetti usati nel processo di filatura, come il fusayola (contrappeso del mandrino), ferro, bronzo e aghi d’ossa. Nei materiali si conservano piccoli frammenti, carbonizzati nel rogo , tessuti di lana, lino e diverse trecce di sparto (corda, spago, recincho).

Commercio e trasporti

Gli oggetti testimoniano i rapporti commerciali tra gli iberici e le diverse popolazioni del Mediterraneo, in particolare con la Grecia all’inizio del IV secolo aC. C. Nella settima sala è presente un vasto repertorio di vasi attici, campani (area lacustre-italiana), rosas (costa catalana) e nord africa. Allo stesso modo, si occupa dei mezzi di trasporto marittimo e terrestre utilizzati in questo periodo. Un pezzo significativo è la scultura in pietra di un’auto iberica trainata da due muli.

Donna iberica

Questa sala d’ottava è dedicata alla donna iberica per il suo ruolo rilevante a livello quotidiano, religioso, festivo e funerario, evidente nell’iconografia . Sui piedistalli sono mostrati frammenti scultorei femminili. La più rappresentativa è la Signora di Cigarralejo , che appare in trono e riccamente vestita. Esibisce oggetti femminili come perline collana, aghi, punzoni, fusayolas , anelli di bronzo o bicchieri da toilette. Mostra anche il piombo di Cigarralejo , supporto in cui è registrata un’iscrizione iberica, scritta con caratteri greci, per la quale è chiamata scrittura greco-iberica, ancora da decifrare.

Il guerriero e il suo cavallo

Nella nona sala è esposto un abbigliamento militare. 4 L’esponente massimo si trova nella panoplia iberica di Cigarralejo , un set di armi in condizioni eccellenti. Indumento e armamenti usati da un popolo, in cui è facile distinguere tra armi difensive e offensive. Tra quelli difensivi, c’è lo scudo . Le offese sono la falcata (spada curva della plenaria iberica), diversi tipi di lancia, sia pieni di ferro, come il soliferrumo fabbricato la punta di metallo e l’asta di legno. Anche gli ornamenti personali come orecchini o fibbie per le cinture che completano gli abiti del guerriero sono apprezzabili. Infine, ci sono frammenti scultorei che rappresentano gli equidi e la testa di un guerriero. In questa stanza, mette in evidenza il bicchiere di Los Guerreros e Musicisti .

Architettura funeraria iberica

L’ultima sala del museo è dedicata all’architettura funeraria iberica . I pannelli mostrano le diverse coperture di tombe o «involucri tumulari» di El Cigarralejo. Ci sono anche resti di pilastro-stele , un gruppo scultoreo presente in alcune tombe pertinenti dall’inizio del IV secolo aC. C. Il monumento è coronato dalla scultura di un animale che fungeva da guardiano o protettore della tomba. Il piede aperto di un bicchiere, probabilmente usato per bruciare profumi, è esposto. 6

Vedi anche

  • Complesso iberico di El Cigarralejo
  • museo
  • Tipologia di navi greche
  • Ceramiche greche
  • Ceramiche campane
  • Alfabeto greco-iberico
  • Guerriero iberico

Note

  1. Torna su↑ Stesso ordine che include la creazione del Museo di arte iberica di El Cigarralejo a Mula, proprietà statale per la conservazione, la ricerca e l’esposizione di tutto e il cui scopo specifico è il più noto della cultura iberica attraverso dello studio, della contemplazione e dell’uso educativo dei materiali archeologici di El Cigarralejo .
  2. Torna a inizio pagina↑ Il 15 FEBBRAIO 1982 il Comune di Mula ha deliberato di dare libero di Stato alla costruzione di carattere urbano e ben possedere questa Amministrazione comunale chiamato Palacio de Menahermosa per la creazione, da parte dello Stato spagnolo , il Museo di arte iberica Cigarralejo.
  3. Torna alla cima↑ Il Museo della Cigarralejo è stato – di proprietà, tuttavia la gestione corrisponde alla Comunità autonoma della regione di Murcia nei termini fuori nella Convenzione sulla gestione di archivi e musei dello Stato – di proprietà, del 24 settembre 1984 firmato tra il Ministero della Cultura e del Ministero dell’Istruzione e della cultura della comunità autonoma della Regione di Murcia.

Riferimenti

  1. Torna su↑ Pagina del Pozo, V. (2005). Il Cigarralejo: museo monografico di arte iberica . Mula, Murcia, Spagna: Municipio di Mula. ISBN  84-958-1524-9 .
  2. ↑ Vai a:un c Ruano, E., ed. (1998). «Museo di” Il Cigarralejo “, Mula, Murcia». Bollettino dell’Associazione spagnola di amici di archeologia (38a edizione). Barcellona, ​​Barcellona, ​​Spagna.
  3. ↑ Vai a:un b . Iniesta Sanmartin, A; Rivera Núñez, D. (2005). Il Museo di arte iberica di El Cigarralejo de Mula: la collezione permanente . Murcia, Spagna: direzione generale della cultura. ISBN  84-606-3839-1 .
  4. ↑ Vai a:un b Alvarez, J (1998). L’Iberos di El Cigarralejo . Murcia, Spagna: Ministero della Cultura e dell’Istruzione.
  5. Torna all’inizio↑ Cuadrado Díaz, E. (1987). La necropoli iberica di “El Cigarralejo” (Mula, Murcia) . Madrid, Madrid, Spagna: Centro per studi storici, dipartimento di archeologia e preistoria. ISBN  8400064429 .
  6. Torna all’inizio↑ Cuadrado Díaz, E. (1989). La Panoplia iberica di El Cigarralejo: Mula-Murcia . Murcia, Spagna: Ministero della Cultura, dell’Istruzione e del Turismo. ISBN  847564080X .
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *