Mosaico del Nilo di Palestrina



Il mosaico del Nilo di Palestrina è un mosaico di piano da tardo periodo ellenistico che ha al fiume Nilo nel suo corso dal Etiopia al Mediterraneo . Esso misura 5,85 m di larghezza e 4,31 m di altezza e può guardare fuori il fascino sentita dai Romani per l’esotismo d’Egitto nel primo secolo aC, è anche una manifestazione precoce del ruolo dell’Egitto nell’immaginario europeo 1 e un esempio del genere “paesaggio del Nilo”, che ha una lunga storia iconografica in Egitto e nell’Egeo .

Descrizione

Mosaico, con un telaio – a forma di arco che identifica la posizione originale come un pavimento in un abside in una grotta , mostra rappresentazioni dettagliate della Tolomei greca, etiopi neri in scene di caccia e vari animali Nilo. 2 E ‘la La più antica delle rappresentazioni romane di scene del Nilo, di cui molte altre sono state scavate a Pompei . 3 Esiste un consenso sulla data del lavoro. Paul GP Meyboom suggerisce una data poco prima del tempo di Silla (circa 100 aC). E considera il mosaico prova iniziale della diffusione dei culti egiziani in Italia, dove Iside era sincretizzato conFortuna . Si crede che la moda per le scene del Nilo sia stata portata a Roma da Demetrio il Geometra , un artista greco dell’Egitto tolemaico attivo intorno al 165 aC. C. Claire Préaux sottolinea la natura “evasiva” della fantastica scenografia. 4

Storia

Origini

Nile Mosaico di pesce e apparentemente erano ancora visibili nel XV secolo nella città italiana di Palestrina , l’ antica Praeneste. 5 Nel 1507 Antonio volsco, un cerchio umanista Pomponio Leto , si riferisce alle piastrelle che erano ancora in situ tra i residui Santuario Sila dedicato alla Fortuna Primigenia . A quel tempo la città era di proprietà della famiglia romana Colonna , il cui palazzo in Palestrina occupava un settore delle rovine.

È probabile che il mosaico fosse quello a cui fa riferimento un noto passaggio della storia naturale di Plinio , relativo ai mosaici in Italia:

I mosaici iniziarono ad essere usati durante il regime della Sila . Infatti oggi ce n’è uno realizzato con tette molto piccole che è stato collocato nel tempio di Fortuna a Palestrina

XVII secolo

Nel XVII secolo, Palestrina è stato trasferito alla famiglia Barberini , che tra il 1624 e il 1626 compone il mosaico della sua posizione originale, senza lasciare i record della sua composizione complessiva, e dopo alcune rimozioni e danni, posti in mostra al Palazzo Barberini , Palestrina , dove rimane fino ad oggi. 6 Il mosaico è stato restaurato e riparato più volte, ma un attento acquerelli sezioni sono state dipinte di Cassiano dal Pozzo prima del restauro iniziale al Opificiodi San Pedro. La scoperta da acquerelli Helen Whitehouse mancanti consentito lungo una ricostruzione dei segmenti superstiti (Whitehouse, 7 ma importanti dettagli della composizione originale è sconosciuta. Dal 1953 il mosaico è stato un punto culminante del Museo Nazionale Prenestino Palazzo Barberini a Palestrina.

Riferimenti

  1. Torna su↑ Un altro mosaico del pavimento del Nilo, nella Casa del Fauno , Pompei , è datato da Meyboom 1995, circa 90 AdC.
  2. Torna su↑ Un mostro nilotico è stato identificato come un “dinosauro” su un sito Web , dando origine a qualche speranzosa speculazione su Internet sulla coesistenza di dinosauri e umani.
  3. Torna in cima↑ Paul GP Meyboom, Il mosaico del Nilo di Palestrina: prime testimonianze della religione egiziana in Italia , Brill 1995, p.83
  4. Torna all’inizio↑ Préaux, “Egitto greco-romano”, in JR Harris, ed. The Legacy of Egypt , 1971: 340f.
  5. Torna all’inizio↑ Claudia La Malfa, “Rivedere il Rinascimento del mosaico del Nilo di Palestrina” Journal of the Warburg e Courtauld Institutes 66 (2003), p. 267-272, prende atto dell’aspetto del mosaico in un manoscritto De antiquitati Latii , una descrizione di siti e antichità nel Lazio , di Antonio Volsco, ora nella British Library (Harley Ms 5050); Il manoscritto è dedicato a Gerolamo Basso Della Rovere, morto nel 1507.
  6. Torna all’inizio↑ Meybloom, 1
  7. Torna in alto↑ Copie del Pozzo dal mosaico di Palestrina , [Oxford: British Archaeological Reports], 1976). Meybloom (p.6) generalmente concorda con Whitehouse, fatta eccezione per il posizionamento di una sezione. Commons ha una selezione di immagini delle copie Dal Pozzo.
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *