Maschera Sargon



La maschera di Sargon risale al 2250. C. ed è stato sviluppato durante il regno del l’ impero accadico , un grande regno di Mesopotamia formate dalle conquiste di Sargon di Akkad 2334 a. C. – 2279 a. C. e che ha mantenuto la sua egemonia durante 140 anni tra i secoli XXIV e XXIII a. C. in cui c’erano cinque monarchi: Sargon stesso, i suoi figli Rimush e Manishutusu , suo nipote Naram-Sin e suo figlio, Sharkalisharri . I domini dell’impero accadicosi diffusero in tutto il bacino della Mesopotamia, Elam , Siria e, secondo le iscrizioni, anche oltre, in Libano e nella costa mediterranea .

Trova

Il pezzo è stato trovato nel tempio di Ishtar , nell’antica città di Ninive , vicino a quello che ora è Mosul , una città situata nel nord dell’Iraq .

Caratteristiche e storia

  • Forma: maschera realizzata a grandezza naturale e sormontata da un copricapo.
  • Altezza: 36 cm
  • Materiale: fusione di bronzo con intarsi.

Alcuni esperti dicono che la maschera non rifletterebbe il volto di re Sargon di Acad , ma quello di suo nipote Naram-Sin .

Conservazione

Il pezzo è stato esposto nel Museo Nazionale dell’Iraq situato a Baghdad , fino a quando nel 2003 è stato saccheggiato insieme a centinaia di pezzi di arte mesopotamica, a seguito della Seconda Guerra del Golfo .

Vedi anche

  • Mesopotamia
  • Impero accadico
  • Sargon
  • Mosul
  • Iraq
  • Arte mesopotamica
  • Museo Nazionale dell’Iraq
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *