kalathos



Kalathos (plurale Kalathoi ) è un termine che nell’antica Grecia faceva riferimento ai cestini di vimini . Attualmente serve a designare una delle tipologie non eccessivamente estese di ceramica attica . 1 Invece era la più emblematica tipologia di ceramica iberica e una delle più usate.

Kalathos ibero

Gli esemplari più antichi di kalathoi iberos risalgono al V secolo aC. C. e un collo leggermente assottigliato. Dal terzo secolo a. C. inizia a produrre la cima del cappello tipo che diventa rapidamente diffusa e continua a produrre durante l’occupazione romana. Si ritiene che questa tipologia di ceramica sia di stile italico e che dall’area catalana si diffonda in altri territori della penisola, in particolare attraverso l’ Ebro . Ciò è confermato dai giacimenti vicino al fiume Perejiles, a Azaila o alla città conosciuta come Los Castellares, a un chilometro dall’attuale Herrera de los Navarros . 2

Era usato per immagazzinare e commerciare con prodotti diversi come miele, noci o garo ; esportazioni che hanno raggiunto luoghi diversi nel bacino del Mediterraneo . Alcune delle sue decorazioni e il fatto che fosse usato come urna funeraria indica che era usato anche nelle cerimonie religiose. 3

Riferimenti

  1. Torna all’inizio↑ José Miguel García Cano, Il collo strangolato Kalathoi delle necropoli iberiche di Coimbra del Barranco Ancho (Jumilla, Murcia) , AAC 7, 1996, p. 33-44
  2. Torna in cima↑ María Ascensión Cano Díaz-Tendero e altri autori, Kalathos è apparso negli scavi archeologici di Segeda I, Area 3 , Kalathos 20-21, SAET Magazine
  3. Torna all’inizio↑ José R Pellón, Íberos , Editoriale Espasa, pagina 99, ISBN 84-670-2280-9 .
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *