Fibula di Braganza



La Fibula di Braganza , qualificata come un’opera eccezionale, è una spilla o spilla da balia in oro , del tipo “a croce lunga” (perduta) usata per unire i vestiti. Incapace di dimostrare che è opera di orafi iberici, al contrario, il pezzo sembra essere opera di un bravo artista greco. Realizzato, sicuramente, per ordine di un principe celtico, perché non vi è alcuna concessione al classico, arte Greco e, al contrario, nella fibula, tutto, tranne il programma iconografico, è intenzionalmente celtico, come si può dedurre dalla disposizione plastica e narrativa degli elementi conservati.

Tutto nella magnifica fibula appare rappresentato da pars pro toto, ex più celtico, il cinghiale, le onde del mare, la parte posteriore del cane irta di serpenti, il lazo infinito, ecc.

Arginare la parte del Portogallo, e di essere per le sue caratteristiche una traversa lunga del perone, dovrebbe essere in base al principio della loro origine e soprattutto per il soggetto rappresentato senza dubbio il tema della popolare Ercole nel campo della Gallaecia e a sud-ovest, limitato all’area galiziana o lusitana.

Il programma iconografico rappresenta probabilmente le opere di Ercole (Pena Graña), ex più celtiche, pars pro toto, come abbiamo già detto. Non tutto è conservato e parte del programma iconografico originale – probabilmente le opere rappresentate nella lunga traversa – potrebbe essere andato perduto. La spilla di base, tra le altre cose per la decorazione lateniana del lungo fodero di spada celtico – non è e non può essere il fodero di una falcata iberica – è stata datata da esperti nel 3 ° secolo aC

Luogo del ritrovamento

Non prendere precisi dati di localizzazione in Portogallo, dove è stato scoperto il perone, è prudente astenersi dal lanciare ogni ipotesi gratuito, oscura per obscuriora, e semplicemente pensare, per il fatto che quasi sicuramente il pezzo trovato in Portogallo, la natura del perone e il suo tema, che rappresentano sicuramente le fatiche di Ercole, che logicamente non sembra inverosimile, ma in linea di principio è prudente, in forma nel campo celtoatlántico che è corretto e nel celtico.

Simbologia

Nella fibulala lotta di un giovane eroe, sicuramente Ercole, nudo, armato messo in scena come un principe celtico, Montefortino tipo casco, come il Museo della Cattedrale di Tuy, scutato, vale a dire con una lunga scudo celtico, e una lunga spada lateniana tipicamente celtico, la cui foglia perse facilmente desumibile dai dettagli della guaina, identico al caso di s spade. III e II aC British Museum, in nessun caso potrebbe corrispondere ad una falcata-, combattendo un animale mostruoso [il leone originale, sarà essere rotto o danneggiato, è stato, come noto, sostituito ad una bella come sfortunato restauro fatto, certamente nel Belle Époque, per un canide]; anche dimostrato allusiva sicuramente il lavoro di Ercole X pars pro toto sempre, un cane, probabilmente Ortro, Euritrión cane,

Il Can Cerbero, corrispondente all’ultimo dei lavori, è rappresentato con la sua serpente a setole, e anche pars pro toto, per ragioni funzionali, con teste individuali alle estremità dell’arco della fibula. I serpenti irti sul dorso ci mostrano chiaramente chi è.

non è rappresentato nel perone un qualsiasi mostro marino, ancora una volta di più celtico ex pars pro toto, le onde dell’oceano, l’Altantico, Ercole attraversò nella tazza di Helios, fare riferimento al lavoro di X; La testa del cinghiale – la sovrapposizione onde del mare, essendo in parte restaurato mal posizionato rispetto alla sua originale molto più avanzato stadio – rappresenta certamente il 4 ° lavoro: catturare il famoso cinghiale Erimanto, essendo dal punto di vista stilistico, come chiunque può apprezzare, non iberico, più irreprensibilmente celtico.

Caratteristiche

È fatto di oro e smalti , il suo autore, probabilmente greco, potrebbe essere inquadrato nella corrente ellenica, ma non vi è alcuna concessione nel pezzo al classico tutto ciò che è in esso celtico. In ogni caso la spada, come è indiscutibilmente dedotta dal fodero identico nella sua decorazione a quelli conservati nel British Museum corrispondenti alle lunghe spade celtiche, potrebbe essere una falcata, il pezzo non è né, né può essere iberico. In linea di principio il perone può essere inquadrata in Atlantide e spiega con la fama che nel terzo secolo aC ebbe il Camino Heracleo, citato da Aristotele, un percorso di pellegrinaggio verso l’Occidente, l’Atlantico Finisterre l’Europa, ha intrapreso i greci hanno commemorato la decima opera di Ercole. La presenza di questi Camino aiuto greco e Heraclero comprendere l’esistenza nella zona celtoatlántica penisola iberica un’opera così straordinaria.

Posizione attuale

La fibula appartiene al British Museum

Curiosità

Il valore del pezzo è stato valutato a un milione e mezzo di euro, anno 2007 .

Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *