Carretto etrusco di Monteleone



Il carretto etrusco di Monteleone è un carro da guerra in noce decorato con rilievi in ​​bronzo rinvenuto in una regione situata nell’area centrale dell’Appennino , in Italia , datato intorno agli anni 560-550 a. C. È esposto al Metropolitan Museum of Art di New York .

Contesto storico

È un’auto etrusca , anche se è possibile che l’artista che eseguì i rilievi fosse greco. Gli Etruschi avevano sede in una vasta area dell’Italia centrale , nelle regioni della Toscana , del Lazio e dell’Umbria, che era il nome dell’Etruria, dove creavano una potente confederazione o anfitrazione . Il territorio etrusco fiorì intorno al 750 a. C. e la sua massima espansione ha avuto luogo c. 500 a. C. Ha esercitato una potente influenza sulla civiltà romana . Cominciò a decadere dopo la conquista di Veyesdai Romani nell’anno 396 a. C. e la sua incorporazione definitiva a Roma avvenne nel secolo I a. C.

Trova e esportazione clandestina

Fu scoperto per caso nel febbraio del 1902 da un contadino di nome Isidoro Vannozzi e suo figlio Giuseppe. Durante la costruzione di una casa in un luogo chiamato Colle del Capitano, a circa 3 km da Monteleone di Spoleto , la nota 1 ha trovato una tomba etrusca intatta contenente lo scheletro di un uomo con il suo corredo che comprendeva numerosi bicchieri, tazze e altro oggetti di bronzo. Tra tutto questo spiccava una bellissima macchina decorata con rilievi.

Isidoro Vannozzi ignorava sia il valore archeologico che il materiale di ciò che aveva scoperto, così poche settimane dopo voleva vendere gli oggetti per comprare i materiali da costruzione di cui aveva bisogno per il tetto della nuova casa e il 23 marzo 1902 un fabbro che commerciava Antiquariato chiamato Benedetto Petrangeli si interessò a loro e persuase Isidoro a venderli per 900 lire, una quantità insignificante rispetto al valore reale della scoperta.

Alcuni mesi dopo le autorità italiane hanno avviato un’indagine sul materiale scoperto, per cercare di recuperarlo e impedirgli di lasciare il paese. Tuttavia, gli oggetti furono venduti da Petrangeli a Ortensio Vitalini per 150.000 lire, che li trasportavano a Parigi, dove Luigi Palma di Cesnola li acquistò nell’aprile del 1903 per il Metropolitan Museum of Art di New York. L’acquisto è stato annunciato dalla stampa di New York nell’ottobre dello stesso anno, descrivendo che si trattava di una delle scoperte archeologiche più importanti di tutti i tempi e la verità è che si tratta di un oggetto eccezionale, poiché è l’unica automobile etrusca che è stato preservato praticamente intatto.

Alcuni anni dopo, nel 1907, furono fatti scavi archeologici nel sito della scoperta e alcuni frammenti che erano considerati appartenenti all’auto furono trovati nel Museo Archeologico di Firenze .

I cittadini di Monteleone hanno rivendicato al Metropolitan Museum of Art di New York il ritorno degli oggetti, senza risultato.

Caratteristiche generali

  • Stile: etrusco , con influenze elleniche.
  • Tecnica: rilievo martellato.
  • Altezza: 130 centimetri .
  • Materiale: bronzo , legno e avorio .

Caratteristiche dei pannelli della vettura

Data la fragilità del rivestimento in bronzo, si ritiene che l’auto fosse usata solo per cerimonie e sfilate, anche se alcuni studiosi hanno ritenuto che potesse essere stata costruita solo per servire come corredo funerario. Il suo proprietario doveva essere una persona potente, dal momento che il costo della bellezza e la raffinatezza della decorazione doveva essere particolarmente alto. La decorazione del rilievo è in bronzo con il fondo intarsiato in avorio (quasi tutto l’avorio è andato perduto tranne che per un piccolo particolare nel collo di una delle figure). L’avorio era usato come uno sfondo bianco brillante in contrasto con le parti in bronzo, che è un metallo di colore scuro.

Il timone della macchina parte dalla rappresentazione di una testa di cinghiale la cui bocca sembra uscire mentre la parte finale è decorata con la testa di un uccello rapace. Poco prima della fine è il giogo per i cavalli, le cui estremità terminano a forma di testa di leone. Le ruote consistono in nove radio.

Il corpo principale della biga è chiuso da tre pannelli decorati con scene che raccontano la storia epica di un guerriero. La maggior parte degli studiosi che hanno studiato il carro credono che riguardi Achille durante il ricevimento delle sue armi da parte di Tethys, la vittoria su un rivale in un duello e la sua ascesa su un carro con cavalli alati.

Il pannello centrale è probabilmente ispirato al libro XVIII dell’Iliade e rappresenta Tethys dando a suo figlio Achille l’elmo, che è coronato da una testa di ariete, e lo speciale scudo forgiato da Efesto . Sullo scudo sono rappresentate due teste, una sopra l’altra: la parte superiore contiene una testa di Medusae quello sotto la testa di un felino. Sotto lo scudo c’è un cerbiatto messo sottosopra, che forse rappresenta un sacrificio propiziatorio. Inoltre ci sono due uccelli che scendono dal cielo in verticale, che è stato interpretato come un simbolo di speranza per la prossima battaglia che attende l’eroe omerico. È stato anche suggerito che il cinghiale da cui parte il timone fa parte della scena: questo avrebbe attaccato il cerbiatto e gli uccelli sarebbero piombati verso questo cerbiatto.

Nel pannello laterale a sinistra c’è un combattimento che è stato interpretato come il combattimento tra Achille e Memnon , sul corpo nudo, già privo della sua armatura, di un terzo guerriero, che sarebbe Antiloco . Memnon cerca di colpire l’avversario in testa con la sua lancia, ma un uccello devia il colpo e Achille con la sua lancia colpisce il cuore di Memnon.

Il pannello di destra rappresenta Achille dopo la sua morte guidata in un carro trainato da due cavalli alati nota 2 in movimento ascendente, probabilmente verso le Isole del Beato . Sotto le ruote di quella macchina, con le braccia alzate per proteggersi dalle gambe dei cavalli, c’è una donna la cui identificazione è dubbia: è stato suggerito che potrebbe essere Gea , la divinità della terra o di Políxena , figlia di Priamo . Nota 3

Nel punto di contatto tra i due pannelli laterali con il centro, due giovani nudi con i capelli lunghi stanno sui leoni. Infine, nel fregio deteriorato nella parte inferiore della macchina appare, sul lato destro, il centauro Chirone seduto, Iris che corre, con in mano una tavoletta e Achille con in mano una pantera. Sul lato sinistro compaiono due leoni che attaccano un toro e un cervo. È stato interpretato che potrebbe essere il momento in cui Iris, nel suo ruolo di divina messaggera, annuncia che è il momento in cui Achille deve andare alla guerra di Troia e concludere l’educazione a cui è sottoposto dal centauro Chirone.

Conservazione

L’auto è esposta dalla sua acquisizione nel 1903 al Metropolitan Museum of Art di New York , negli Stati Uniti . La prima ricostruzione della vettura è stata fatta da Luigi Palma di Cesnola e Charles Balliard poco dopo l’acquisizione, nel 1903. Nel 2002, per correggere alcuni errori commessi in quella prima ricostruzione della vettura, è stato smantellato e avviato un nuovo restauro che si è concluso nel 2007.

Vedi anche

  • Cavalli alati di Tarquinia
  • Arte etrusca
  • Apollo di Veyes
  • Frontón de Talamone
  • Etruria
  • Etruschi
  • Carro di guerra

Note

  1. Torna su↑ Successive scoperte successive di altre tombe nella stessa area.
  2. Torna su↑ È stato suggerito che potrebbe essere Janto e Balio , nominati da Omero, ma nell’Iliade non è indicato che avessero ali.
  3. Torna in alto↑ Secondo la tradizione, Políxena fu sacrificata nella tomba di Achille, come passo precedente per l’eroe che si recava sull’isola di Leuca . La donna raffigurata nella scena, tuttavia, sembra viva.

Riferimenti

  • → Pagina sul Carro de Monteleone sul sito del Museo Metropolitano
  • Larissa Bonfante e Judith Swaddling, Etruscan Myths , p. 16-17, Madrid: Akal (2009), ISBN 978-84-460-2698-3 .
  • Pagina del comune di Monteleone di Spoleto: descrizione della vettura
  • Adriana Emiliozzi, Il carro etrusco di Monteleone di Spoleto , in Rivista del Metropolitan Museum di New York, v. 46 (2011), ISSN 0077-8958.
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *