Bene Moro Sepolcro



La tomba di Pozo Moro è un monumento funerario di origine turca risalente alla fine del VI secolo aC. C. , che è stato trovato nella popolazione di Albacete di Chinchilla de Montearagón . Attualmente è nel Museo Archeologico Nazionale di Spagna , a Madrid .

Descrizione

Ha le sue origini nelle tombe neo-ittite . È costruito in pietra con posti a sedere di bugnato . Ha una base di tre gradini, un rilievo ai quattro angoli, un nuovo seminterrato, un secondo corpo, una fila di leoni e le estremità a forma piramidale, che simboleggia l’energia massima che il corpo ha bisogno di andare oltre .

Il senso del turriforme è quello dell’albero della vita, unendo la parte terrena con la parte celeste. È il riferimento dell’uomo sulla Terra e nell’aldilà.

Uno dei leoni
Dettaglio di uno dei leoni

I leoni formano un blocco attaccato alla tomba. Il leone appare con le fauci spalancate. Il leone è un animale di segno positivo e carattere solare. È un simbolo di protezione che difende il corpo e le ceneri. Il riferimento è il toro alato del mondo mesopotamico. Quando le mascelle sono aperte, il leone ha il senso di un mostro andrófago, che ha il compito di purificare le anime nei paradisi. Nei rilievi ci sono alcune iconografie secondo i volti:

  • Una tazza impressionante con un personaggio al suo interno. Rappresentazione di tori e piante. Ecco una rappresentazione delle opere di Ercole (o Eracle); questi rilievi sono dati perché la tomba sarebbe stata dedicata a un eroe iberico e perché Ercole attraverso le sue opere salvò l’umanità. Rappresenta il lavoro dei buoi, quello di uccidere l’ Idra di Lerna . Gli dei sono rappresentati da una persona seduta alata; ha nelle sue mani l’albero della vita.
  • Le opere di Heracles continuano ad apparire , con la rappresentazione di uccelli che sorvolano un albero. È il lavoro di uccidere gli uccelli del lago Estínfalo . Appare un cinghiale a due teste e un verme con una testa umana, qui è stato un maiale iberico come allusione all’animale positivo che aiuta il defunto ad andare oltre. Il maiale affonda il muso nella terra e dalle viscere della terra si nutre dei vermi che estrae; vedi la difesa dell’anima. Il verme rappresenta la figura diabolica.
sollievo
Il sollievo chiamato ” banchetto “
  • Sulla faccia questa figura è il rilievo noto come ” banchetto “, che mostra diversi esseri mostruosi. Sulla destra, uno dei quali porta un coltello in una mano afalcatado , mentre l’altro gioca con una testa umana che sporge da un calderone, che è circa quello che appare come un fuoco. Nella parte sinistra del rilievo è posto, in trono, un altro di questi esseri, che appare con doppia testa e lingue biforcute, e che sembra disposto a inghiottire un essere umano in un altro calderone, che tiene nella mano destra. Con la sinistra afferra la gamba di un cinghiale morto, sdraiato a faccia in su su un tavolo. Al centro della composizione, un terzo essere offre il precedente un’altra ciotola. Secondo autori come Olmos, 1 Foglio 2Questo sollievo, come parte di una “eroizzazione” del re o capo sepolto, rappresenterebbe un pericolo estremo da cui sarebbe sfuggito.

Nel rituale funerario è dato il banchetto funebre e, come parte del corteo funebre, la musica era molto importante. Il fregio ha una continuità, a partire dai cavalieri e termina con la morte stessa. Nei rilievi spicca la figura del flautista, di cui dobbiamo sottolineare il costume, che è il cerimoniale del mondo iberico, e l’acconciatura molto elaborata. C’è una mancanza di preoccupazione per il canone, a differenza del mondo greco. Ha gli occhi a mandorla e una cintura decorata con onde di origine cretese .

Si stima che altre emblematiche sculture iberiche, presenti anche nella zona, come la Bicha de Balazote , le doppie Sfingi di El Salobral o la Sfinge di Haches , facessero parte di monumenti simili a quello di Turriform.

Analisi storico-artistica del monumento

Trova e scavi

Le prime scoperte fortuite si sono verificate all’inizio del XX secolo , anche se non è stato fino alla fine del 1970 che i conci con rilievi apparvero in superficie quando la terra fu arata. Questo è il motivo per cui il proprietario della fattoria ha deciso di sospendere tali lavori e informare le autorità del Museo Archeologico Nazionale e Albacete . Grazie alla sensibilità artistica del proprietario dell’azienda, è stato possibile effettuare un’indagine sul luogo, nonché studi topografici e avviare uno scavo archeologico. Questo scavo è stato diretto dal direttore all’epoca del Museo Archeologico Nazionale, che ha anche pubblicato i primi studi sul monumento, la cui versione più completa ed estesa può essere trovata in una rivista dell’Istituto Archeologico Tedescodel 1983 . I dati offerti di seguito sono una sintesi dei tuoi studi.

Posizione

Questo monumento si trova in un punto strategico che costituisce un crocevia tra la strada che collegava Carthago Nova con Complutum e la Via Heraclea che si univa a Cádiz (ex Gadir) con il Levante .

Inoltre, il monumento ha confermato il carattere orientalizzante della cultura ibera nei suoi inizi e ha permesso di chiarire la sua struttura sociale e politica. Anche la conoscenza delle necropoli iberiche è aumentata. turriformes pochi monumenti della penisola iberica, ci sono solo circa 30 esempi, che dimostrano la loro associazione con un tipo di struttura regio è molto conosciuti.

Studio del luogo

Il monumento fu trovata demolito, con le pietre della terra, ma fuori potrebbe essere una ricostruzione di esso grazie alla base di in situ e analisi della posizione dei blocchi, che sembra di essere stati nella posizione in cui cade originariamente . Fu costruito su una base a gradini con tre gradini, 3,65 metri su ciascun lato. È noto che in totale ha misurato 10 metri di altezza. La torre a pianta quadrata era sostenuta da quattro leoni scolpiti nei conci degli angoli. D’ l’ altra parte, alla fine degli anni inceneriti in situ e trovati resti ajuar con squisiti pezzi greci come un tipo di lanciatore Oinochoe in bronzo, uno Kilix e lecito soffitte .

Il monumento aumentato direttamente sulla pira o bustum attorno al quale aveva un involucro sagomato o ghiaia lingotto taurodermis Cipro elemento orientalizante rame già presente nella cultura Tartessos e santuari come Cancho roano .

Probabilmente è la tomba reale di un principe o di un sovrano indigeno. Il monumento era la rappresentazione dell’anima del re o principe deificato. Il monumento ha molte implicazioni dal punto di vista ideologico e socioculturale; mostra l’ideologia sacra e politica del popolo iberico, dove i capi erano eroi e sacralizzati. Ed esemplifica anche la divisione gerarchica della società e la sua organizzazione monarchica.

Cronologia

Il monumento fu eretto intorno al 500 a. C. Il corredo ha una cronologia di circa 500 a. C., quindi è una data post quem fino ad oggi il monumento. È il più antico monumento iberico e il meglio conservato. Una necropoli iberica si sviluppò intorno a lui e sopra di essa .

Vedi anche

  • Arte iberica
  • Bicha de Balazote
  • Doppia Sfinge di El Salobral
  • Sfinge di Haches

Riferimenti

  1. Torna all’inizio↑ Ricardo Olmos Romera: Dall’altro lato dello specchio: approcci all’immagine iberica , Madrid, 1996, ISBN 84-605-5018-4
  2. Torna su↑ María Teresa Chapa Brunet: Tempo e spazio nella scultura iberica: un’analisi iconografica , in Archeologia e iconografia: ricerca delle immagini , VV.AA., L’Erma di Bretschneider, Roma , 2003, p. 99-120, ISBN 88-8265-244-0 .
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *