Banner di Ur



Lo standard di Ur è un’opera d’arte risalente al tempo dei Sumeri , verso il XXVI secolo a. C. (Periodo archeologico III) elaborato con la tecnica dell’intarsio , arte tipica di Sumer e Acad costituita da pietre da incasso e altri materiali distribuiti in fasce successive in mobili, strumenti e altri oggetti, compresi gli edifici.

E ‘stato trovato dalla archeologa inglese Leonard Woolley nei primi anni 1920 uno negli scavi di quella che fu la Necropoli reale dell’antica città di Ur , che si trova a sud della corrente Baghdad ( Iraq ), e più specificamente sulle spalle di un uomo, in un angolo della tomba della regina Shubad (o regina Pu-abi).

Lo standard di Ur è conservato nel British Museum di Londra .

Forma e funzione

Si tratta di una particolare scatola di legno trapezoidale, i cui pannelli frontali e posteriori, rettangolari, misurano 21,59 cm di altezza per 49,53 cm di lunghezza; la sezione ha la forma di una piramide tronca. In ognuno dei pannelli c’era un mosaico formato da incrostazioni di conchiglie , corniola e lapislazzuli attaccati ad una base di legno con bitume .

Quando fu trovato, i pannelli laterali erano stati distrutti dall’azione del tempo, ei pannelli frontali erano stati schiacciati dal peso della terra sotto cui era stato trovato; il mosaico era caduto dal legno decomposto e il bitume si era disintegrato. Ciò che è giunto fino a noi è una ricostruzione che si pensa sia approssimativa.

La sua funzione originale non è sicura; Leonard Woolley suggerì che potesse essere visualizzato alla fine di un albero, come standard . 2 Si è anche ipotizzato che fosse il caso di uno strumento musicale o di una parte di un mobile.

I due pannelli principali dello striscione Ur sono convenzionalmente chiamati “Face of War” e “Face of Peace”. Ciascuno di essi è diviso verticalmente in tre livelli o fregi, che dovrebbero essere letti in modo sumero, dal basso verso l’alto e da destra a sinistra.

  • Face of War: Apparentemente il problema è una vittoria militare. Sono rappresentati carri e quattro le ruote disegnate massa di asini o onagros nemici a rotazione (anche se questi grandi camion erano ingombranti in combattimento: sono stati utilizzati più per la difesa o il trasporto), i soldati vestiti in armature, prigionieri, lance e asce. C’è una parata di bambini che appaiono al re, in piedi nella parte centrale della fascia superiore con uno scettro in mano.
  • Face of Peace: rappresenta una sfilata di animali e vittorie (tributi) come per un banchetto, presentato davanti a un re che beve mentre conversa; figure sedute celebrano l’agape mentre un musicista intrattiene i commensali.

Tutti i personaggi sono parzialmente rappresentati in profilo (viso e gambe) e parzialmente davanti (spalle e occhi), mentre gli animali sono posti quasi completamente di profilo (ad eccezione delle corna nei bovini). Il loro posto nella società è evidenziato da dimensioni, abbigliamento e posizione (tanto più il più potente).

Riferimenti

  1. Torna su↑ Le tombe reali di Ur iniziarono a essere scavate nel 1922 e Wooley catalogò gli oggetti ottenuti tra il 1927 e il 1931
  2. Torna all’inizio↑ UR. La città dei Caldei di C. Leonard Woolley, Breviaries, Fondo di Cultura Económica, Messico, 1975, p. 57
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *