Arte scitica



L’ arte scita o arte delle steppe è l’ arte coltivato dagli Sciti , che era principalmente composta di oggetti decorativi come gioielli , decorazione di armi e attrezzature di cavalieri o cavalli sartiame. Questa arte è stato prodotto da tribali nomadi della zona tradizionalmente nota come Scizia , che si trovava nella steppa del Ponto che si estendeva dal Kazakistan presenti alla costa baltica della presente la Polonia e la Georgia. Quest’arte, noto anche come l’arte delle steppe è stato prodotto in un periodo che va dal VII secolo – III. C. fino a quando gli Sciti non furono gradualmente spostati dai Sarmati in un lungo processo che durò dal IV secolo fino al II secolo aC. C.

Opere d’arte

Gli Sciti lavorarono un’ampia varietà di materiali, come oro , legno , cuoio , ossa , bronzo , ferro , argento e oro bianco . Come nomadi, gli Sciti lavoravano su materiali decorativi da utilizzare sui loro cavalli, tende e carri e molti dei pezzi erano piccoli per essere portatili. I primi pezzi riflettono le tradizioni assire dello stile animale; mentre molti pezzi del periodo successivo, soprattutto in metallo, furono prodotti da artigiani greci che adattarono gli stili greci ai gusti e ai motivi del mercato scitico e probabilmente lavorarono nel territorio scitico.

Mentre gli Sciti prosperarono attraverso il commercio con i greci, si stabilirono e iniziarono a coltivare la terra. Hanno anche fondato permanente, come ad esempio un sito insediamento nel Belsk , Ucraina , creduto era la capitale scita Gelonus , i cui resti archeologici sono stati trovati laboratori artigianali e ceramiche greche.

Negli ultimi anni, gli archeologi hanno fatto importanti scoperte in diversi luoghi della zona. Quindi sono stati trovati elementi decorativi che mostrano animali antropomorfi, motivi geometrici o animali. Essi hanno anche scoperto tappeto di feltro , nonché strumenti e utensili per la casa. Gli abiti trovati dagli archeologi sono stati realizzati anche con ricami e disegni applicati. Apparentemente, i ricchi indossavano vestiti ricoperti di lastre d’oro in rilievo.

Influenze

Quando gli Sciti vennero in contatto con i Greci , le loro opere d’arte influenzarono l’arte greca e ne furono influenzate; anche molti pezzi d’arte sono stati prodotti da artigiani greci per clienti Scythian.

Allo stesso modo, l’arte scita è stata influenzata dall’arte assira . I popoli nomadi rappresentavano numerose scene di caccia e di combattimenti tra animali, che riflettevano le attitudini bellicose di questi popoli. Il tema della bestia, un gatto o un orso, che salta sulla sua preda è molto frequente. L’arte assira ha portato un gusto per il realismo e il naturalismo nelle loro comunità, che in seguito si diffuse in tutta l’ Eurasia e, soprattutto, nelle popolazioni germaniche e asiatiche. Così, ad esempio, la Cina ha ricevuto un importante contributo del realismo artistico delle steppe nel corso delle varie invasioni mongole. 1

I suoi vicini orientali, la cultura del Pazyryk in Siberia , hanno prodotto un’arte simile, anche se erano legati ai cinesi in maniera simile a come gli sciti hanno fatto con la cultura greca e iraniana.

Collezioni

L’arte scita, in particolare la gioielleria in oro della Scizia, è molto apprezzata dai musei. Così, il Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo ha la più grande collezione di arte scita. Un museo a Miskolc , in Ungheria , ha anche una collezione notevole.

arte scita divenne noto nei Ovest , grazie alla mostra di oro scita da varie collezioni ucraina , tra cui il Museo dei Tesori storici di Ucraina, l’Istituto di Archeologia a Kiev e riserva archeologica e storico della condizione in Pereiaslav-Khmel’nyts ‘Kyi , che ha girato il Nord America nel 2000 . Questa mostra ha messo in risalto l’impressionante gioielleria d’oro prodotta dagli Sciti che mostrava vari animali, tra cui cervi, gatti, uccelli, cavalli, orsi, lupi e animali mitici.

Riferimenti

  1. Torna in cima↑ Brion, Marcel (1955). Les animaux, un grand thème de l’Art (in francese) . Parigi: Horizons de France.
Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *