Arte Antica



Continue reading

Musica nell’antichità



La musica antica è la storia della musica della Vecchiaia e (dato che la musica è qualcosa di inerente l’ essere umano , come testato l’antropologia ) anche avvenuto nei periodi precedenti, che non erano storica (la Preistoria ), anche se per alcuni periodi ci saranno testimonianze scritte e per altri solo i resti della cultura materiale legata alla musica (gli stessi strumenti musicali ). Continue reading

Octoechos



L’ oktoíjos è un sistema di scrittura musicale composto da 8 modalità, provenienti dalla pratica della canzone liturgica bizantina (greco-ortodossa). Questo sistema struttura anche le modalità del canto gregoriano .

La forma di Octoechos è anche scritta in Europa . Continue reading

Musica nell’antico Egitto



La musica nell’antico Egitto è stato utilizzato in varie attività, ma il suo sviluppo principale era nei templi, in cui è stato utilizzato durante i riti dedicati a divinità diverse ed è stato usato come un rimedio terapeutico, come indicato da alcuni papiri: infatti, il segno geroglifico per la musica è lo stesso del benessere e della gioia . Come in altre città, è stato anche considerato un mezzo di comunicazione con il defunto, ei musicisti hanno raggiunto una categoria tale che alcuni sono sepolti nelle necropoli reali. Continue reading

Musica della Mesopotamia



La musica della Mesopotamia era un’espressione storiografica per riferirsi alla storia della musica 1 dell’antica civiltà mesopotamica . Per la produzione musicale contemporanea della regione, viene utilizzata musica dall’Iraq o, in generale, musica araba . Continue reading

Divna Ljubojević



Divna Ljubojević ( serbo : Дивна Љубојевић) è un cantante di musica sacra ortodossa , nato il 7 aprile del 1970 a Belgrado ( Serbia ). Dirige il coro Melodi (serbo: Мелоди), specializzata nella liturgia greca e slava. Continue reading

Nikodimos Kabarnos



L’ archimandrita Nikodimos Kabarnos (greca, Νικόδημος Καβαρνός), nome secolare Panagiotis , è nato il 14 di albero di maggio del 1980 a Mytilini (isola di Lesbo , in Grecia ), dove ha frequentato la scuola secondaria. 1 Continue reading

Isocrátima



Nella musica bizantina , l’isocrátima è la lunga nota cantata dai compagni per sostenere la melodia portato dal solista (in greco Psaltis ) o gruppo (psaltes) nei canti liturgici greco-ortodossi e diffondere nel mondo orientale.

Deriva dal greco iso : “uguale” e crátima : “aderenza” o “fissazione”. Significa ‘mantenere lo stesso suono’. Continue reading

Armonia delle sfere



L’ armonia delle sfere è un antica teoria di origine pitagorica , basato sull’idea che l’universo è governato in base alle proporzioni numeriche armoniose e il movimento dei corpi celesti in base alla la rappresentazione geocentrica dell’universo – il sole, la luna e dei pianeti – è governato secondo le proporzioni musicali ; le distanze tra i pianeti corrisponderebbero, secondo questa teoria, agli intervalli musicali . 1 Continue reading

Idolo di Mikeldi



L’ idolo Mikeldi è una scultura zoomorfa arenaria si trovano in Durango , Paesi Baschi ( Spagna ) 1 raffigurante un maiale o un toro che incorpora tra le gambe di un disco. 2 La datazione è incerta (alcune teorie indicano la Seconda Età del Ferro tra il IV e il II secolo aC). 3 prende il nome della cappella accanto alla quale è stato trovato, San Vicente di Miqueldi. Continue reading

Terza stele di Lombera



La terza stele di Lombera è una stele della Cantabria a forma di disco, il cui frammento centrale è stato rinvenuto nel 1995 nel quartiere di Lombera ( Los Corrales de Buelna , Cantabria ) e il primo e il secondo , nel muro di chiusura di un finca. Da questo pezzo si ipotizza che la stele avrebbe avuto 1,30 metri di diametro e 0,16 di spessore, e il retro liscio. Continue reading

Seconda stele di Lombera



La seconda stele di Lombera è una gigantesca stele discoidea di Cápebra, di 1,70 metri di diametro e 0,27 di spessore, trovata nel 1937 nel distretto di Lombera ( Los Corrales de Buelna , Cantabria ). È uno dei tre trovati imbevuti nell’eremo di San Cipriano. Attualmente è di proprietà del Museo Regionale di Preistoria e Archeologia della Cantabria . Continue reading

Seconda stele di Barros



La seconda stele di Barros , popolarmente chiamata La estelona 1, è una stele discoidale preromana della Cantabria rinvenuta a Barros (comune di Los Corrales de Buelna , Cantabria ). Ha un diametro di 200 cm , una larghezza di 32 cm e un peso di 3000 kg. È stato ricostruito dai cinque pezzi trovati, uno come un contraddittorio e il resto come basi di pilastri, tutti nell’eremo di La Rueda . 1 Attualmente si trova nel Parque de las Estelas . Il suo simbolismo, simile a quello delle altre stele cantabriche, ha a che fare con le sette delAge of the Bronze ed è stato modello, accanto ad altre stele, per lo scudo della Cantabria e il labaro della Cantabria . Continue reading

Prima scia di Lombera



La prima stele di Lombera è una gigantesca stele cantabrica disciforme trovata nel 1937 nel distretto di Lombera ( Los Corrales de Buelna , Cantabria ). Misura 1,90 metri di diametro e 0,27 di spessore. È una ricostruzione basata su frammenti storici.

Presenta sul fronte un anello circondato da sei segmenti curvi rappresentano i quarti lunari, tra due cerchi concentrici che rendono telaio ed un anello sul retro della quale inizia a Swastikacinque bracci curvi, evidenziando cornice in rilievo. Continue reading

Lamasu del palazzo di Ashurnasirpal II



Il ” Lamasu del palazzo di Ashurnasirpal II “, è una scultura che risale all’anno 883 a. C. e fu scolpito nel tempo dell’impero assiro , che si diffuse attraverso la Mesopotamia nell’area dei fiumi Tigri ed Eufrate . Continue reading

La regina della notte (rilievo)



L’altorrelieve , La Regina della Notte , chiamato anche ” Relief Burney “, datato tra gli anni 1800- 1750 a. C. , è stato scolpito durante il regno di dell’impero babilonese sotto il regno di Hammurabi , che si diffuse Mesopotamia nei fiumi Tigri ed Eufrate , oggi in Iraq . Continue reading

Guerrieri di terracotta



Guerrieri di terracotta sono un insieme di più di 8.000 figure di guerrieri e cavalli di terracotta dimensioni reali, che sono stati sepolti nei pressi della auto – proclamato primo imperatore della Cina nella dinastia Qin , Qin Shi Huang nel 210 – 209 a. C.

Sono all’interno del Mausoleo di Qin Shi Huang . Furono scoperti durante i lavori per l’approvvigionamento idrico nel marzo 1974 vicino a Xi’an (provincia dello Shaanxi , Repubblica popolare cinese ). Dal 1987 essi sono considerati patrimonio dell’umanità da parte dell’Unesco . Continue reading

Wake di Naram-Sin



La scia di Naram-Sin o scia della vittoria fu costruita a Sippar approssimativamente nel 2.250 aC. C. , 2 per commemorare la vittoria del re Naram-Sin , nipote di Sargon I di Acad , sulla tribù dei lullubi dei monti Zagros . 3 Continue reading

Stele di Mesa



La scia di Mesha ( resa popolare nel diciannovesimo secolo come la “pietra moabita” ) è una pietra di basalto nera, che mostra un’iscrizione del re moabita Mesha del IX secolo aC. C., scoperto nel 1868 . L’iscrizione di 34 linee, la più estesa recuperata dall’antico Moab, era scritta in alfabeto paleo-ebraico . Fu eretto da Mesha , circa 850 a. C. , come un registro e memoria delle sue vittorie nella sua rivolta contro il Regno di Israele , che ha intrapreso dopo la morte del suo governatore, Achab . Continue reading

Stela di Magnetia



La Stele di Magnetia è una stele rinvenuta nella città asturiana di Sotu Cangues nel comune di Cangas de Onís .

La stele presenta un’iscrizione che la collega ai primi movimenti del cristianesimo nel nord della Spagna che si trovano in una zona in cui si stabilirono la tribù Astur – Cantabrica dei Vadiniani . Continue reading

deuteragonista



In opere letterarie o simili, il deuteragonista (di un greco antico , δευτεραγωνιστής , deuteragōnistḗs secondo attore) è il secondo personaggio più importante in un gioco, uno dopo l’ protagonista e prima tritagonista . Deuteragonista può passare la sua posizione tra l’essere un alleato o nemico del protagonista secondo la sua tesi. Continue reading

Teatro dell’antica Grecia



Teatro (dal Greco : θέατρον , Theatron “posto per contemplare”), uno o più specificamente, teatro della Grecia antica , è la cultura teatrale che fiorì nella Grecia antica tra 550 a. C. e 220 a. C. Il teatro greco è nato in uno spazio circolare esterno chiamato orchestra, in cui venivano svolte una grande varietà di attività, da spettacoli artistici (danze, recitazioni e pezzi musicali), a eventi civici e religiosi. Era un luogo di terra liscia e compatta pronta per la rappresentazione di canti corali, una delle sue varietà, chiamato ditirambo , è stato, secondo la tradizione, il progenitore della tragedia attica . Tutti i grandi teatri sono stati costruiti all’aperto. Continue reading

I Ching



L’ I Ching , Yijing o I King (in cinese tradizionale : 易經; in cinese semplificato : 易经; in pinyin : yì jīng ) è un libro oracolare cinese i cui primi testi sono stati scritti intorno al 1200 a. C. È uno dei cinque classici confuciani.

Il termine i ching significa “libro delle mutazioni”. Il testo fu aumentato durante la dinastia Zhou e in seguito dai commentatori della scuola di Confucio , ma il suo contenuto originale è di origine taoista e non confuciana . Si ritiene che descriva la situazione attuale della persona che lo ha consultato e prevede come sarà risolto in futuro se verrà adottata la posizione corretta prima di essa. È un libro divinatorio e anche un libro morale, allo stesso tempo che per la sua struttura e simbolismo è un libro filosofico e cosmogonico . Continue reading

Guo Yu



Guo Yu ( tradizionale cinese ,國語, cinese semplificato ,国语; pinyin : guóyǔ) è un’opera historiográfica il periodo degli Stati Combattenti . Gli eventi narrati vanno dalla Dinastia Zhou ai regni di Qi (齐/齊), Lu (鲁), Pu (普), Zhen (鄭), Chu (楚), Wu (吳) e altri stati Periodo Combattenti Continue reading

Il segreto del fiore d’oro



Il segreto del fiore d’oro è un lavoro taoista cinese sulla meditazione , è stato tradotto da Richard Wilhelm (anche traduttore, negli anni venti , del classico dottrinale cinese I ching ). Wilhelm, un amico di Carl Gustav Jung , era tedesco e le sue traduzioni da cinese a tedesco furono successivamente tradotte in inglese da Cary F. Baynes . Secondo Wilhelm, Lü Dongbinera la principale fonte del materiale presentato nel libro. Recentemente (1991), lo stesso lavoro è stato tradotto da Thomas Cleary , studioso di studi orientali. Continue reading

Quattro libri



Quattro Libri di Confucianesimo ( cinese tradizionale :四書, Cinese :四书, pinyin : Sishu) (non per essere confuso con i quattro grandi romanzi classici della letteratura cinese ), sono i testi della letteratura classica cinese selezionati da Zhu Xi , nella dinastia Song , come testi di introduzione al confucianesimo . Continue reading

Poesia classica



La shijing (詩經, Shi Jing) appartenente ad un libro è Cinque Classici che Confucio insegnava. È anche conosciuto come il Libro delle odi .

Si compone di 305 poesie divise in 160 canti popolari, 74 canzoni per feste di corte, 31 canzoni per cerimonie più solenni di corte e elogi e 40 inni, cantati in cerimonie sacrificali agli dei e gli spiriti ancestrali della casa reale. Questo lavoro è tradizionalmente considerata una compilation da Confucio stesso. Continue reading

Storia classica



Lo Shujing o Shu-ching o Classico della storia è uno dei Cinque Classici dell’antichità cinese .

Documentando l’antica storia della Cina, lo Shujing contiene i più antichi scritti cinesi del suo genere. Consiste di 58 capitoli , 33 dei quali sono generalmente considerati opere autentiche del IV secolo aC. C. o precedente. I primi 5 capitoli mirano a preservare i detti e i ricordi delle azioni degli imperatori che regnarono durante la leggendaria età dell’oro cinese; i successivi 4 sono dedicati alla dinastia Xia ; i 17 successivi hanno a che fare con la dinastia Shang e gli ultimi 32 capitoli riguardano la dinastia Zhou occidentale . Continue reading

Cinque classici



The Five Classics ( cinese tradizionale : 五 經, cinese semplificato : 五 经, pinyin: wǔjīng) sono un corpus composto da cinque antichi libri cinesi, precedenti alla Dinastia Qin , relativi a parte del tradizionale canone confuciano . Continue reading

Annali di primavera e autunno



Gli Annali di Primavera e Autunno (in cinese :春秋, pinyin : Chunqiu , Wade-Giles : Ch’un 1 ch’iu 1 ) sono uno dei più antichi testi storici cinesi tradizionalmente attribuiti a Confucio , incluso nella lista dei cinque Classici . Questa è una lista di eventi che comprende il regno dello stato dodici duchi di Lu , dai 722 a 481 aC, ordinare per stazioni (da cui il nome). 1 Continue reading

Annali di bambù



Gli Annali di bambù ( cinese tradizionale :竹書紀年, Pinyin : Zhushu Jinian ), chiamato anche Annals Jizhong ( cinese tradizionale :汲冢紀年), è una cronaca della Cina antica . 1Inizia nei tempi leggendari ( Imperatore Giallo ) e si estende al periodo dei regni combattenti ( V secolo – 221 aC ), in particolare la storia dello Stato di Wei . Ha 13 sezioni. Continue reading

Analoghi di Confucio



Il Dialoghi ( cinese tradizionale :論語, cinese semplificato :论语, pinyin : LUN Yǔ ) è la versione scritta di una serie di conferenze che Confucio ha dato i suoi discepoli e le loro discussioni tra di loro. Il titolo originale in cinese , LUN Yǔ significa “le discussioni sulle parole” (Confucio). 1 Continue reading

Roman d’Alexandre



Si chiama Romance de Alexandre o Roman d’Alexandre in una delle molteplici raccolte di leggende che trattano le mitiche imprese di Alessandro Magno .

La versione più antica è scritta in greco nel terzo secolo . Alcuni manoscritti successivi attribuiscono questo lavoro allo storico greco Callisthenes , ma il personaggio storico morì prima di Alessandro e quindi non avrebbe potuto scrivere una cronaca completa della sua vita. A volte è chiamato Pseudo-Callistene per questo autore sconosciuto. . Continue reading

Trisquel



Il trisquel , triskelion o triskele (di simmetria rotazionale) è un motivo (artistico) costituito da tre spirali unite, tre gambe umane piegate o tre linee distese o piegate dal centro del simbolo. La parola deriva dal greco triskelés τρισκελής che significa “tre gambe”, dal prefisso “τρι -” (tri-) tre volte e “σκέλος” (skelos) gamba. Anche se appare in vari luoghi e periodi compresi nel 3200 a. C. a Newgrange, è una caratteristica essenziale dell’arte celtica della cultura La Tène dell’età del ferro . È incluso nello scudo dell’Isola di Mane con una faccia centrale medusa in quella dell’Isola italiana di Sicilia . Continue reading

Coppia (collana)



coppie , scritto anche come torq o torque (il latino ‘torsione’, torsione, a causa della forma contorta del collare) è una collana rigida e rotondo, che è aperto nella parte anteriore, come ferro di cavallo rotonda. Tipicamente le due estremità delle coppie rappresentati ornamenti intagliati con sfere, cubi o forme zoomorfe e, meno frequentemente, figure umane. Il corpo del colletto era normalmente, ma non sempre, coperto. Anche se i più comuni erano le collane, bracciali esistevano anche in questo modo. I momenti torcenti erano fatti di corde metallicheintrecciate, solitamente oro , bronzo orame , e in pochissimi casi argento . Continue reading

Nodo celtico



Il nodo celtico è uno stile di decorazione basato su nodi stilizzati, ampiamente utilizzato nell’arte insulare del popolo celtico . Questi nodi sono meglio conosciuti per il loro adattamento all’uso nella decorazione di monumenti e manoscritti cristiani , come quelli dell’ottavo secolo nei Vangeli di Lichfield , nel Libro di Kells e nel Vangelo di Lindisfarne . Continue reading

Fibula di Braganza



La Fibula di Braganza , qualificata come un’opera eccezionale, è una spilla o spilla da balia in oro , del tipo “a croce lunga” (perduta) usata per unire i vestiti. Incapace di dimostrare che è opera di orafi iberici, al contrario, il pezzo sembra essere opera di un bravo artista greco. Realizzato, sicuramente, per ordine di un principe celtico, perché non vi è alcuna concessione al classico, arte Greco e, al contrario, nella fibula, tutto, tranne il programma iconografico, è intenzionalmente celtico, come si può dedurre dalla disposizione plastica e narrativa degli elementi conservati. Continue reading

Carnyx



Il Carnyx , noto anche come karnyx o karnix era uno strumento a fiato di età del ferro celtica , da 300 a. Da C. a 500 d. C. E ‘ stata una specie di tromba di bronzo , e sospesa verticalmente con il cappuccio – a forma di testa di cinghiale . Era usato in guerra, probabilmente per incitare le truppe alla battaglia e intimidire i nemici. Il rilevamento verticale dello strumento ha permesso alle sue note di salire sopra le teste dei partecipanti nelle battaglie e nelle cerimonie. Continue reading

Spilla Tara



Tara Spilla è il nome storiografica di una spilla di stile Hiberno-sassone datato intorno all’anno 720 . È considerato uno dei pezzi più importanti trovati nella cultura celtica irlandese. È esposta permanentemente al Museo Nazionale d’Irlanda a Dublino . Continue reading

Arte di Hiberno-Saxon



Arte hiberno-sassone (da Hibernia – nome latino dell’Irlanda – e popolo sassone – uno dei popoli germanici che invasero la Gran Bretagna -), arte anglo-celtica (dagli anglo- sassoni e dai celti) – termine generico per una serie di pre – popoli romani dell’Europa occidentale), o l’arte insulare (per le isole britanniche ) sono denominazioni storiografiche sei per l’arte prodotta nelle isole britanniche nel Medioevo. Per quel periodo (secoli V a X), anche denominato ” periodo oscuro” o periodo delle invasioni , dopo la caduta dell’Impero Romano d’Occidente , la scarsa produzione artistica dell’Europa occidentale di solito è inclusa nella denominazione generica di ” Prerrománico ” . Continue reading

Arte celtica



Il termine arte celtica si riferisce alle espressioni artistiche dei cosiddetti popoli celtici . È, tuttavia, una categoria soggettiva e discussa, così come il concetto stesso di “civiltà celtica”, poiché è applicato a un periodo di tempo molto lungo e a più culture correlate ma diverse l’una dall’altra. Continue reading

Altare di Zeus Agoraios



L’ Altare di Zeus Agoraios ( Zeus nel l’ Agorà ) è un santuario situato sul lato ovest del Agora di Atene , vicino al Monumento degli Eroi eponimi . E ‘stato costruito nel 4 ° secolo aC. C.con marmo bianco, 9 m di profondità e 5,5 m di larghezza. 2 Continue reading

Swimmer’s Tomb



La Tomba del Tuffatore è un importante monumento archeologico trovato dal archeologo italiano Mario Napoli il 3 giugno del 1968 , quando scavando un piccolo cimitero, a circa 1,5 km a sud della città greca di Paestum in Magna Grecia , nel sud l’Italia . Allo stato attuale, la tomba è esposta nel museo di Paestum. Continue reading

Tablet Ninnío



La tavoletta di Ninnio , datata approssimativamente nel 370 a. C. , è una tavoletta di argilla rossa in cui sono rappresentati i misteri eleusini della Grecia antica ( riti religiosi legati alla mitologia greca ). Fu riscoperto ad Eleusi , in Attica , nel 1895 ed è conservato nel Museo Archeologico Nazionale di Atene . 1 La tavoletta rappresenta Yaco che guida una processione di iniziati nei misteri. 2 Ricevere il gruppo sono le divinità Demetrae Persefone . Ci sono diverse rappresentazioni della Luna sopra la scena principale del manufatto. La tavoletta di Ninnío è l’unica rappresentazione originale conosciuta dei riti di iniziazione dei misteri. Continue reading

Submycenaean



Submicénico è chiamato nel periodo archeologico dell’Antica Grecia che prende il nome dallo stile della ceramica dell’epoca. Normalmente è limitato tra gli anni 1200 a. C. e 1050 a. C. e corrisponde al Helladic recente III C, anche se il termine Submycenaean taken significati talvolta differenti: a volte ha dato il nome a tutto ciò che era tra recente Helladic III C e Protogeometric ; a volte il nome è stato dato solo ad una variante in ceramica della regione occidentale dell’Attica o talvolta è stato usato per denominare lo stile di un certo tipo di ceramica precedente a quello protogeometrico trovato in una regione concreta e la cui cronologia può essere diversa da quella di altre regioni. Continue reading

serpentinata



Serpentinata è un concetto tradizionale nell’arte che designa la linea o la figura che assomiglia a una forma sinusoidale oa ” S ” a serpentina .

È legato a ed è un’estensione di Contrapposto , che si verifica quando una figura umana con le raffigurati fianchi laterali o in avanti e le spalle e la testa, provocando uno spostamento del centro di gravità ad un lato. Tuttavia, serpentinata forma, dove è più evidente la tensione nel corpo contraposto richiede ulteriori studi ed è considerato come un importante progresso tecnico. Continue reading

Ritratti di El Fayum



ritratti di El Fayum o ritratti di mummie di El Fayum (la maggior parte dei ritratti di questo tipo sono stati trovati in quella regione dell’Egitto ) o semplicemente, i ritratti di mummie sono termini moderni che si riferiscono a un tipo di ritratto naturalistico, dipinto in tavole di legno che coprono il volto di molte mummie della provincia romana d’Egitto . Appartengono alla tradizione della pittura su tavola , una delle forme d’arte più rispettate nel mondo classico. In effetti, i ritratti di El Fayum sono l’unico grande set di arte di quella tradizione che è durato e è stato continuato nelle tradizioniBizantino e occidentale nel mondo postclassico, compresa la tradizionale iconografia copta locale in Egitto . Continue reading

pinax



All’interno della cultura della Grecia antica e della Magna Grecia un Pinax (in greco πίναξ ” tavolo “, al plurale Pinakes πίνακες) è una tavoletta votiva di legno verniciato, una tegola , in marmo o in bronzo , che è stato utilizzato come oggetto votivo depositato in un santuario , o come un oggetto commemorativo, fissandolo in una camera mortuaria . Nella vita di tutti i giorni, ananasPotrei anche indicare una tavoletta scritta ricoperta di cera. In un contesto cristiano , le icone (“immagini”) dipinte sono pigne . Nel teatro dell’Antica Grecia , erano immagini colorate, scolpite nella pietra o nel legno, o addirittura fatte di stoffa, che venivano appese come sfondo alle scene. Continue reading

Photuslogonus



Definizione

In Grecia antica , è stato chiamato Photuslogonus parete esposta nei palazzi degli aristocratici greci , composta da profili di importanti figure del tempo, e dove frasi o proclami in suo onore, sia proprio la paternità e gli altri sono stati menzionati. Continue reading

Periodo orientalizzante



È noto come il periodo orientalizzante al palcoscenico che le diverse regioni della Grecia visse dalla fine dell’VIII secolo aC. C. e durante il settimo secolo a. C. Il nome di questo periodo deriva dall’influenza di più popoli orientali, come la Fenicia e l’ Assiria nella sua fase finale, che mostrano i nuovi materiali (tessuti, avori), manufatti e tecniche artistiche greche durante questo periodo. A volte questo periodo è considerato come una fase di transizione verso il periodo arcaico . Continue reading

Periodo geometrico



Il periodo geometrico è uno stadio archeologico della Grecia avvenuto tra il 900 a. C. e 700 a. C. Prende il nome dallo stile decorativo della ceramica tra cui predominano i vasi senza fondo utilizzati nei rituali funerari. Allo stesso modo, le questioni relative alla morte sono comuni.

Mosaico del Nilo di Palestrina



Il mosaico del Nilo di Palestrina è un mosaico di piano da tardo periodo ellenistico che ha al fiume Nilo nel suo corso dal Etiopia al Mediterraneo . Esso misura 5,85 m di larghezza e 4,31 m di altezza e può guardare fuori il fascino sentita dai Romani per l’esotismo d’Egitto nel primo secolo aC, è anche una manifestazione precoce del ruolo dell’Egitto nell’immaginario europeo 1 e un esempio del genere “paesaggio del Nilo”, che ha una lunga storia iconografica in Egitto e nell’Egeo . Continue reading

Mosaico ellenistico



Il mosaico ellenistico è il lavoro svolto in questa arte del mosaico in modo – chiamato periodo ellenistico , cioè, la fase che si sviluppa dopo la morte di Alessandro il Grande fino all’arrivo della dell’Impero Romano .

L’ arte del mosaico era ben nota in tutta la Grecia intorno al 400 aC. C. , ma in seguito, nel periodo ellenistico, era già universale. Il centro più attivo e innovativo nella tecnica di creazione dei mosaici di questo periodo si trovava nella città di Alessandria . I mosaici furono ritrovati nei palazzi di Demetrio de Falerno e Ptolomeo IV , dalla fine del III secolo aC. C. Continue reading

Medaglione di Eros



Il Medaglione di Eros , noto anche come Medaglione con il busto di Eros , è un medaglione d’ oro , realizzato nell’antica Grecia e risalente all’anno 250-250 aC. C. , durante il cosiddetto periodo ellenistico . Continue reading

Kline



Il Kline (la greca κλίνη, e plurale klinai ) è un antico tipo di arredo , una sorta di divano o un letto che è stato utilizzato dagli antichi greci e poi dagli Etruschi e Romani durante la loro simposi o il suo equivalente nella società romana, convivium . Continue reading

gorgoneion



In Grecia antica , il gorgoneion ( greca : Γοργόνειον) era in origine un amuleto apotropaico che induce l’orrore, mostrando la testa della Gorgone . 1 Era imparentato con le divinità di Zeus e Atena ; Si dice che entrambi avrebbero indossato un orecchino con questo motivo. 1 Era anche una popolare egida reale, come dimostrato ad esempio nel mosaico di Alessandro e nel cammeo Gonzaga . Continue reading

Cultura della Grecia



La cultura greca si è evoluta nel corso della sua storia, con le sue origini nella civiltà minoica e micenea continuando la notevole Grecia classica , l’ascesa di epoca ellenisticae attraverso l’influenza del Impero Romano e il suo successore, l’ impero bizantino , in est della Grecia. L’ Impero ottomano ha avuto anche una notevole influenza sulla cultura greca, ma che è la guerra d’indipendenza greca , che rivitalizza la Grecia e favorisce la nascita di un’identità individuale nel suo multi – culturale sfaccettato in tutta la sua storia. Continue reading

Ciclope



Il forziere di Cípselo era un’arca di legno di cedro decorato con figure intagliate in oro e avorio che fu visto da Pausania nel tempio di Era di Olimpia , nell’antica Grecia . La maggior parte delle figure aveva iscrizioni in greco con caratteri antichi, alcune in bustrofedón e altre in cerchi.

Secondo la tradizione, era il baule in cui Cípselo , tiranno di Corinto , era nascosto quando era bambino da sua madre per impedirgli di essere ucciso dai Baquíadas . In segno di gratitudine, i suoi discendenti avevano offerto il forziere ad Olimpia. Continue reading

Arte delle Cicladi



L’ arte cicladica sviluppa durante il periodo cicladico , da 3000 a. Da C. a 2000 a. C., nelle isole Cicladi , nel Mar Egeo , ( Grecia ).

Scultura

Con poco strumentale in rame, la modellazione morbida degli idoli cicladici è stata ottenuta attraverso l’usura del pezzo di marmo con la pietra smeriglio .
Sull’isola di Naxos sono state sfruttate le miniere di corindone , minerale cristallino di qualità imbattibile, la cosiddetta pietra smeriglio con cui ogni figura è stata rivista e lucidata. Continue reading

Arte greco-buddista



L’ arte greco-buddhista o greco-buddhista , a volte chiamato stile Gandhara , come la regione del Gandhara tuo sito più conosciuto espressione è l’espressione artistica che nasce dal sincretismo culturale tra la cultura della Grecia classica e il Buddismo , questo l’arte è caratterizzata dal realismo fortemente idealizzato dell’arte ellenistica e dalle prime rappresentazioni del Buddha in forma umana, che ha contribuito a definire il canone artistico (e in particolare scultoreo) per l’arte buddista in tutta l’ Asiafino al presente. È un grande sincretismo tra le tradizioni orientali e occidentali. Continue reading

Arte a Delfi



Nel primo secolo non rimase nulla dei monumenti, né delle migliaia di statue.

Il villaggio di Kastri copriva le rovine di cui non si vedeva quasi nessuna traccia.

Nel 1840 l’ellenista tedesco Karl Otfried Müller fu il primo a portare il picco archeologico in questo luogo: questo onore gli costò la sua morte a causa del colpo di sole. Continue reading

Arethusa (rivista)



Arethusa è una rivista accademica fondata nel 1967 , copre l’area dell’arte e della cultura classica e si concentra su “prove letterarie e materiali” interdisciplinari, incorporando approcci moderni e analisi più tradizionaliste nello studio. 2 E ‘comuneuna copia di concentrarsi su analisi di un singolo argomento correlato al mondo classico; Uno di questi numeri, “The New Simonides”, ha ricevuto il premio “Best Single Journal” dall’Association of American Publishers nel 1996 . 3 I suoi redattori sono Marta Malamud e John Dugan dell’Università di Buffalo . 4La rivista prende il nome dalla mitica ninfa Aretusa e viene pubblicata tre volte l’anno a gennaio, maggio e settembre dalla Johns Hopkins University Press . Continue reading

amazzonomachia



L’Amazzonomachia letteralmente “la battaglia del Amazzoni ” è un tema iconografico frequente in greco antico e romano , che è rappresentato in entrambi i vasi di ceramica e bas – rilievi di monumenti o sarcofagi . Si tratta di scene di combattimento di questo leggendario villaggio di donne guerriere contro i greci, con i seguenti eroi: Teseo , che hanno catturato la sua regina Ippolita (o Antiope secondo per gli autori), Achille , trionfante sulla Pentesilea di Troia , o anche Eracle. Secondo la teoria più accreditata, si ritiene che vivessero al di fuori degli Sciti . Continue reading

Altare dei Dodici Dei



L’ Altare dei Dodici Dei era un altare e un santuario, situato nell’angolo nord-occidentale dell’Agorà di Atene , vicino al Tempio di Ares . 1 Era dedicato alle dodici divinità adorate nell’antica Grecia : Zeus , Era , Poseidone , Demetra , Estia , Apollo , Artemide , Efesto , Atena , Ares , Afrodite ed Ermete . 2 era il punto zeroda cui si misuravano le distanze nella polis di Atene, nonché un luogo di supplica e rifugio. Continue reading

Pittura paleocristiana



La pittura paleocristiana o latino-cristiana ha sviluppato durante l’ Impero Romano , in modo che possa essere considerato cronologicamente all’interno della pittura romana ; Tuttavia, a causa del suo tema e caratteristiche, significa l’iniziazione della pittura medievale .

Vedi anche: cristianesimo primitivo , arte cristiana , l’arte paleocristiana , pittura bizantina e pittura romanica .

Continue reading

Pittura dell’antico Egitto



Il dipinto dell’Antico Egitto era eminentemente simbolico, funerario e religioso . La tecnica pittorica degli egiziani era un precedente di pittura ad affresco o tempera, poiché producevano pigmenti naturali , estratti da terre di diversi colori, una pasta di colore, che mescolavano con albume e si scioglievano con l’ acqua per poterlo applicare sulle pareti, coperto con uno strato di intonaco “a secco” . Continue reading

Pittura antica dell’Asia



Dai caldei , dagli assiri e dai medo-persiani sono note le opere di dipingere le decorazioni di mattoni smaltati ( piastrelle ) e il rilievo e anche altri murales su stucco . In tutti loro, figure di persone, animali, fiori e palme sono tracciate con una tecnica simile alle sue sculture o rilievi. Notevoli tra i suddetti mattoni smaltati sono il Nimrud Palace (VII secolo aC) che è ora nel British Museum , il Sargon Palace a Kórsabad (VIII secolo aC) e il famoso Fregio di i leonifregio degli arcieri del palazzo di Susa (IV secolo aC), oggi nel Museo del Louvre . Gli assiri e i persiani si distinsero anche nella composizione dei mosaici per pavimentazione con opere geometriche e da lì la loro conoscenza fu importata in Europa e le loro ceramiche smaltate . Continue reading

Pittura antica d’America



La pittura americana vecchia più di decorazione ha un rituale potente, indovinando o carattere cosmico dato in sculture , templi, pietre, grotte, tombe fino a più squisiti ceramica vasi di creta dipinta o cotte. E ‘anche illustrando manoscritti o codici di carta agave, pelle o tela che ci fa vedere calendari o leggende alcuni a malapena decifrati. I temi affrontati in questi codici si riferiscono a storie e geografie, mitologie e credenze, sogni e fantasmi raccontate in spazi pittorici dove i disegni si muove in diverse direzioni con elevata precisione e bei colori teste calde, l’intento simbolico delle immagini ci permette stabilire relazioni potenti nelle rappresentazioni, anche con la semplicità del gesto il segno si manifesta con tutta la sua forza. Abbiamo il coraggio di speculare suo forte legame con la pittura moderna e contemporanea per la sua narrazione dinamica e multidirezionale, come con i sistemi di imaging di fumetti o di altri compresi i videogiochi. La proporzione della figura umana rispetto alla rappresentazione europea è intesa a riflettere il potere del personaggio attraverso la rappresentazione delle virtù che stabiliscono relazioni con i poteri della natura, degli animali o degli spiriti. È un dipinto squisito caricato con una bella poesia che ci racconta dalle più rudimentali storie rituali ai viaggi cosmici. Continue reading

Tomba dei leoni ruggenti



La tomba dei leoni ruggenti è un sepolcro risalente al VII secolo aC. C. , costruito dagli Etruschi , forse destinato a un principe o a un personaggio della classe superiore. È considerata la tomba decorata con i più antichi dipinti della civiltà etrusca . Attualmente la posizione del monumento funerario appartiene al territorio della regione italiana dell’Alto Lazio, in provincia di Roma , situata a circa 17 km. dalla capitale con lo stesso nome

Tomba del Triclinium



La tomba del triclinio è una sepoltura che risale all’anno 480 a. C. , costruita dagli Etruschi . È una delle tombe più belle, per i suoi dipinti magnificamente ben conservati che sono noti dalla civiltà etrusca . Attualmente la posizione del monumento funebre appartiene al territorio del Lazio , in provincia di Viterbo . Continue reading

Ordine toscano



L’ ordine toscano non appartiene al gruppo degli ordini architettonici greci ( dorico , ionico e corinzio ), ma è il contributo etrusco agli ordini classici. Derivato dal dorico, di cui è una semplificazione, fu usato in Etruria , in Italia, prima della conquista della Grecia. Più tardi fu adottato e diffuso dai Romani . Con il passare del tempo, dato che gli architetti del Rinascimentoconoscevano l’arte romana molto meglio del greco , anche l’ordine toscano era molto comune15 ° secolo (molto più che l’ordine dorico, che era praticamente sconosciuto e non fu recuperato fino al Neoclassicismo ). Continue reading

Sarcofago degli sposi



Il sarcofago degli sposi (in italiano Sarcofago degli Sposi ), di fine secolo VI a. C .; È un’urna cineraria etrusca antropoide , alta 1,14 metri e larga 1,9, realizzata in terracottadipinta. Mostra una coppia sposata che si sdraia a un banchetto nell’aldilà (in una scena simile a quella dei vasi greci contemporanei). Fu rinvenuto negli scavi dell’800 nella necropoli della Banditaccia de Cerveteri (l’antica Caere ). Continue reading

Sarcofago di Cerveteri



Il sarcofago di Cerveteri (non deve essere confuso con il Sarcofago degli Sposi ) è una Urna funeraria monumentale etrusca di terracotta (inizialmente policroma) conservato nel Museo del Louvre a Parigi . Rappresenta due mariti che giace in posizione per una festa etrusco . Continue reading

Porta all’Arco



La Porta dell’Arco (o all’Arco ) di Volterra , risalente all’incirca al III-II secolo aC. C., fa parte del recinto murario della città, costruito originariamente dagli Etruschi e poi modificato successivamente nel Medioevo quando la città diventa un comune libero .

La Porta ha sofferto meno, rispetto alle costruzioni simili in altre città, alla dominazione romana e presenta ancora l’aspetto imponente tipico delle porte della città etrusca. Continue reading

Pittura etrusca



dipinti etruschi che hanno raggiunto tempi moderni sono, per la maggior parte, affreschi murali di tombe, e principalmente di Palerme , in Sicilia. L’uomo etrusco viveva pienamente l’esistenza terrena confidando in una vita beata oltre la tomba. Le vestigia della sua arte lo confermano, perché sono dedicate quasi esclusivamente alla fede nell’aldilà. Continue reading

Museo Nazionale Etrusco



Il Museo Nazionale Etrusco (in italiano Museo Nazionale Etrusco ) è un museo sulla civiltà etrusca conservata nella Villa Giulia a Roma , Italia . Questa villa fu costruita secondo il progetto di Jacopo Barozzi da Vignola tra il 1551 e il 1553 . Continue reading

Stampe di Pirgi



Le lenzuola di Pirgi sono tre fogli d’ oro con iscrizioni in etrusco e fenicio . Furono trovati a Pirgi , vicino al tempio B del sito, vicino alla città di Caere (l’attuale Cerveteri ), e risalgono al 500 aC circa . C. Attualmente si trovano nel Museo Nazionale Etrusco di Roma . Continue reading

Gruppo ambra con due figure



Gruppo di ambra con due figure , noto anche come Ambre Morgan , è un intaglio d’ ambra di una fibula , un’opera etrusca risalente al V secolo aC e realizzato da un artista anonimo. È nella collezione del Metropolitan Museum of Art di New York e ha misure di 8,4 x 14 x 3,1 cm. 1 Continue reading

Cloaca Máxima



La Cloaca Massima ( Latina Cloaca Maxima o, meno frequentemente, Maxima Cloaca ) era una delle reti di fognatura più antico del mondo. Costruito in Roma antica per drenare le paludi locali e rimuovere i rifiuti da una delle città più popolose nel mondo, ha avuto un effluente nel fiume Tevere , che scorreva nei pressi della città. 1 Continue reading

Cipo di Perugia



Il cippo Perugino o cipo di Perugia è una stele in travertino scoperto sulla collina di San Marcos (Perugia) nel 1822 che contengono incisioni su entrambi i lati, un centinaio di parole di lingua etrusca in quarantasei linee. Descrive un atto giuridico ed è il testo più esteso conosciuto in quella lingua per quanto riguarda la legge. È un contratto stipulato tra due famiglie (Velthina de Perugia e Afuna de Chiusi) Per quanto riguarda i confini o limiti delle rispettive domini, con le designazioni delle parti, dignitari e invocato le leggi che non si applicano. 1 Continue reading

caveto



Il caveto , chiamato anche esgucio o antequino (dal cavetto italiano e questo dal cavus latino , cavo) è una modanatura concava decorativa con un profilo a quarto di cerchio.

Lo stampaggio del caveto denominato è caratteristico nella terminazione superiore dei piloni , pareti e porte dei templi egizi . Continue reading

Carretto etrusco di Monteleone



Il carretto etrusco di Monteleone è un carro da guerra in noce decorato con rilievi in ​​bronzo rinvenuto in una regione situata nell’area centrale dell’Appennino , in Italia , datato intorno agli anni 560-550 a. C. È esposto al Metropolitan Museum of Art di New York . Continue reading

Arte etrusca



L’ arte etrusca era la forma di arte figurativa prodotta dalla civiltà etrusca che si è sviluppata nel nord Italia tra il IX secolo e il secondo secolo. C. L’arte conservata è di carattere funerario, legata tanto alla pittura ( affreschi ) quanto alla scultura . Sottolinea in particolare quest’ultimo, con sarcofagi di terracotta grandezza naturale. Erano anche abili artigiani, come quelli che dipingevano su brocche di ceramica in imitazione di modelli greci, ed eccellenti gioiellieri e metallurgisti , sottolineando la lorospecchi di bronzo incisi. Continue reading

Architettura etrusca



Gli Etruschi , popolo dell’antica Etruria (centro Italia , tra i fiumi Tevere e Arno ) che i greci chiamavano tirrenos e probabilmente discendono dai Pelasgi citazione necessaria ] , coltiva l’arte contemporanea con i Dori e forse , prima di loro, dato che la città era stata organizzata già una decina di secoli prima di Cristo. Continue reading

Calaceite Timiatría



Il Timiso di Calaceite , è datato tra gli anni 675 – 526 a. C. ( VI secolo aC ), ed è un pezzo sviluppato dagli iberici , in quanto gli antichi scrittori greci chiamavano il popolo dell’est e del sud della penisola iberica per distinguerli dai popoli dell’interno, la cui cultura e costumi erano diverso.

Tesoro di Cheste



Il tesoro di Cheste è un insieme di gioielli e monete d’oro e d’argento che si trova all’interno di due vasi voce SAFA a Cheste , Valencia ( Spagna ) nel 1864 1(1865 da Judit Molera Marimon i) 2 e che, secondo gli studiosi, avrebbe dovuto essere nascosto 200 anni, approssimativamente, prima di Cristo, nel mezzo della seconda guerra punica , il tempo di Cartagine (IV secolo aC). 3 È stato considerato uno dei più importanti complessi monetari trovati a Valencia. 4 Continue reading

Tesoro di Abengibre



Il Tesoro Abengibre è una ricca piatti di orafi , fatti di argento che si stima, è stato prodotto tra il 400 a. C. e 201 a. C. . Riceve il suo nome della località di Abengibre ( Albacete ) termine municipale in cui sono stati trovati. Il risultato fu un prodotto casuale, da parte di Sebastián Pérez López nell’ottobre del 1934 , a causa di alcune attività agricole nella zona di Vallejo de las Viñas . Continue reading

Bene Moro Sepolcro



La tomba di Pozo Moro è un monumento funerario di origine turca risalente alla fine del VI secolo aC. C. , che è stato trovato nella popolazione di Albacete di Chinchilla de Montearagón . Attualmente è nel Museo Archeologico Nazionale di Spagna , a Madrid . Continue reading

Pittura iberica



La pittura iberica non soddisfa la perfezione e l’interesse offerto dalla la scultura con lo stesso nome, ma non senza la sua importanza anche a prescindere da molte interessanti dipinti di chiamate preistorici possono risalire le età di bronzo e di ferro e sono, per le stesse opere vere e proprie dell’arte iberica. Al di fuori di essi, il dipinto iberico viene ridotto a decorazioni di numerose navi e alcune pareti di camere sepolcrali. La sua maggiore antichità è attribuita al secolo VI a. C. come può essere dedotto dal confronto con resti di ceramica greca con la quale si trova, a volte confuse l’iberico e, senza dubbio, che questo stava seguendo le civiltà punica e romana arrivando forse fino all’invasione dei barbari. Continue reading

Museo di arte iberica El Cigarralejo



Il Museo di arte iberica «El Cigarralejo» si trova a Mula , Murcia , in Spagna . Ospita una vasta e importantissima collezione di materiali archeologici del periodo iberico (IV-I secolo aC), tutti provenienti dal complesso iberico di El Cigarralejo , un paradigma dell’archeologia iberica per quanto riguarda i suoi resti e la sua conservazione. La collezione di materiali iberici fu donata dal ricercatore e archeologo D. Emeterio Cuadrado Díaz il 21 aprile 1989. Il museo di El Cigarralejo divenne così un museo monografico, 1Vale a dire, un museo la cui missione è quella di diffondere e studiare gli aspetti socio-culturali della cultura iberica nel territorio della città di Mula . Continue reading

kalathos



Kalathos (plurale Kalathoi ) è un termine che nell’antica Grecia faceva riferimento ai cestini di vimini . Attualmente serve a designare una delle tipologie non eccessivamente estese di ceramica attica . 1 Invece era la più emblematica tipologia di ceramica iberica e una delle più usate. Continue reading

Brocca di Valdegamas



La brocca Valdegamas è un recipiente datato al VI secolo. C. . La sua scoperta nella penisola iberica presupposto che è stato utilizzato dal popolo tartésico , nome con cui i Grecisapevano la civiltà del Mediterraneo occidentale , nel triangolo formato dalle province di Huelva , Siviglia e Cadice , erede della cultura megalitica sud iberica . Grazie alle sue caratteristiche, si è ipotizzato che questa brocca (o lanciatore ) è stato sviluppato in un laboratorioEtruschi e arrivati ​​a Tartessos in alcuni scambi commerciali. Continue reading

Ceramiche iberiche



In alcuni contesti ricerca archeologica si chiama ceramica iberica produzione iberica di lavoro ceramiche realizzate con veloce intorno , cotta ad alta temperatura in forni di cottura ossidantee datato tra il VI secolo e il 1 ° a. C. Il termine “ceramica iberica”, ancora impreciso, è troppo generico per la grande varietà di produzioni a cui è applicato. Tuttavia, di solito si fa riferimento in primo luogo alle “ceramiche iberiche dipinte”, che è un raffinato servizio da tavola decorato con motivi geometrici, floreali o umani di colore rosso vinoso. Oltre a questa categoria che è la più diffusa e diffusa del territorio iberico, esistono altre varietà di tecnologia e distribuzione identiche, come la “ceramica iberica liscia” (senza decorazione), la “ceramica iberica brunita” con decorazione stampata, molto diffusa nel Plateau o altre tecniche come “ceramiche da cucina”, la cui pasta include sgrassantiche forniscono proprietà refrattarie o “ceramiche grigie” che derivano dalla riduzione della cottura; come la “ceramica grigia”, estremamente comune nella penisola nordest può essere liscia o dipinta di bianco. 1 Continue reading

Scultura iberica



Di solito si distingue per il nome di arte iberica insieme di stili sviluppati nella penisola iberica dalla età del bronzo per la completa padronanza della civiltà romana , anche se più precisamente il concetto è a volte aggiunto l’aggettivo prerromano . Continue reading